Come incoraggiare un bambino con un ritardo del linguaggio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'enorme importanza del linguaggio nei rapporti umani, può portarci a credere che il suo sviluppo sia totalmente a carico di fattori biologici. In realtà, la capacità di esprimersi e la sua naturale evoluzione, è spesso soggetta a notevoli variazioni individuali. Notare che il nostro bambino tardi a manifestare la sua loquacità deve preoccuparci, ma non è necessariamente indice di patologie. Solitamente i bambini che mostrano intorno ai due anni un'immaturità lessicale, tendono a recuperare giunti ai tre anni di età. In questi casi, l'approccio di medici specializzati (logopedista - psicologo - terapisa della riabilitazione) è fondamentale e non deve essere rimandato. Anche noi genitori però possiamo aiutare e stimolare il linguaggio del nostro piccolo. Vediamo insieme come incoraggiare un bambino con un ritardo del linguaggio.

26

Occorrente

  • Pediatra
  • Logopedista
  • Giochi fonetici
36

Il primo passo per affrontare la situazione, è certamente quello di chiedere consiglio al nostro pediatra di fiducia. La competenza medica del nostro pediatra e la sua approfondita conoscenza delle varie tappe di sviluppo nei bambini, potrà aiutarci a fugare semplici paure. Come potrebbe fare la differenza il suo intervento nella risoluzione del disturbo o del ritardo. Anche noi genitori però ricopriamo un ruolo importantissimo. Il nostro aiuto, rafforzato dall'amore, può essere determinante. Giochiamo con il nostro bambino, e parliamogli molto. Mescoliamo cioè, il momento ludico del gioco alle parole. Lasciamo che la nostra voce lo rassicuri e catturi la sua attenzione. Parliamo utilizzando un tono di voce calmo e scandito, in questo modo il bambino avrà il tempo di assorbire le parole. Evitiamo di parlare in modo concitato e frettoloso, rischiamo solo di innervosire il nostro piccolo.

46

Se il bambino è più grandicello, cerchiamo di capire quelle che sono le sue passioni. Se notiamo una propensione verso l'arte ad esempio, sproniamolo con amore verso di essa, cercando di farci spiegare a modo suo la sua passione. Anche lo sport può essere un buon modo per aiutare il nostro bambino ad integrarsi e a sciogliersi dalla timidezza. Cerchiamo però sempre di valutare il carattere del nostro bambino. Esporlo al giudizio di altri bambini potrebbe anche essere controproducente. Procediamo quindi per gradi. Diamogli il tempo per abituarsi alle situazioni e ad approcciarsi ad esse con il suo ritmo.

Continua la lettura
56

Evitiamo assolutamente alcuni atteggiamenti. Non obblighiamo il piccolo a ripetere una parola nel modo giusto. Costringerlo o insistere affinché lo faccia, può essere dannoso e altamente frustrante, sia per il bambino che per il genitore. Evitiamo atteggiamenti di stizza che possono far sentire il bambino inadeguato. Dobbiamo essere noi la sua fonte di rassicurazione e forza. Ripetiamo noi la parola nel modo corretto cercando di enfatizzare, anche con facce buffe, la pronuncia. L'approccio con il sorriso e la costanza daranno mirabili risultati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggiamo ai nostri piccoli delle fiabe che siano semplici. Rafforzeremo il nostro legame e lo aiuteremo a concentrarsi sulle parole ed il loro suono.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Come capire il tuo bambino dal linguaggio del corpo

Sin dalla più tenera età, i bambini cercano di comunicare ed interagire con il mondo esterno. Per farlo impiegano tutti i modi che sono a loro disposizione. Non hanno ovviamente la possibilità di parlare, ma attraverso versi, gesti ed atteggiamenti...
Bambino

Come curare i disturbi del linguaggio del bambino

Si sa, tutti i bambini che cominciano a pronunciare le loro prime parole incorrono, molto spesso, in "Inceppi", o addirittura al salto di alcune vocali o consonanti. Molti sono i disturbi del linguaggio, come per esempio: 1) il non saper pronunciare alcune...
Bambino

5 modi per incoraggiare tuo figlio il primo giorno di scuola

Da che mondo è mondo, i bambini, soprattutto in tenera età, trovano tutte le scuse possibili per non andare a scuola. Ecco che quindi spuntano i classici mal di pancia, mal di testa, mal di denti, sensi di vomito, spesso e volentieri immaginari, ma...
Bambino

5 consigli per stimolare il linguaggio dei bambini

All'interno della presente guida andremo a dedicarci ai bambini. Lo faremo, nello specifico, occupandoci del linguaggio dei bambini. Come avrete già letto nel titolo della guida, andremo a dispensare 5 diversi consiglio per riuscire ad andare a stimolare...
Bambino

Problemi del linguaggio: come affrontarli

Cedere subito all'ansia ed andare in allarme quando il proprio bambino inizia a mostrare delle difficoltà di linguaggio, non sembra essere una buona reazione al verificarsi di una situazione inattesa. Ovviamente come è risaputo ogni individuo, bambino...
Bambino

Il linguaggio dei segni con i bambini

Prima che i bambini imparino a parlare, dai 18 ai 24 mesi se si escludono le prime vocalizzazioni e le associazioni consonante-vocale, è possibile comunicare con loro tramite un linguaggio dei segni di cui negli Stati Uniti sin dagli anni Ottanta si...
Bambino

Come fare se il bambino ha difficoltà ad esprimersi

Educare un bambino e prendersene cura non è mai semplice, le difficoltà a cui un genitore va incontro sono moltissime e difficilissime, e non si è mai preparati a sufficienza. In questa guida vedremo come fare se il bambino ha difficoltà ad esprimersi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.