Come imparare a riconoscere i suoni della natura

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nei primi giorni di vita un bambino è soggetto a stimoli ed emozioni, situazione che lo accompagnerà per tutti gli anni successivi, dal periodo infantile all'adolescenza. La scoperta dei suoni, siano quelli prodotti all'interno delle quattro mura domestiche, siano quelli prodotti dalla natura, saranno una costante per la crescita del bimbo. A seconda del luogo in cui i bambini crescono e vivono abitualmente, i suoni prodotti dalla natura, non sono sempre facili da ascoltare direttamente, per esempio chi vive in montagna, difficilmente ascolterà il suono del mare, e chi abita vicino al mare, non ascolterà abitualmente i i suoni prodotti dalle terre selvatiche, dai boschi e in ambienti montuosi. In questa guida ci occuperemo di come aiutare i bambini a imparare a riconoscere i vari suoni e rumori della natura. Nei prossimi paragrafi verranno esposti attraverso pochissimi ma allo stesso tempo semplicissimi passaggi, passo dopo passo, in modo molto dettagliato e scrupoloso, come imparare riconoscere i suoni della natura.

25

Occorrente

  • documentari
35

Riconoscere i suoni della natura a casa

Al giorno d'oggi grazie a internet, alla televisione e a giocattoli educativi, i bambini hanno una maggiore possibilità di conoscere i suoni della natura anche stando tra le quattro mura domestiche. Questo tipo di giochi si rivela molto utile soprattutto per i bambini che crescono in zone urbane, in una situazione in cui, se non vengono portati di proposito al mare, in montagna, tra i boschi e così via, difficilmente potrebbero riconoscere alcuni suoni strettamente legati alla natura, che sono molti, per esempio il fruscio degli alberi, l'infrangersi delle onde sulla battigia o il suono del vento ad alta quota. Ogni suono riporterà il bambino al contatto primordiale con la natura, in più crescerà imparando un nuovo segnale con cui la natura stessa comunica con lui.

45

Riabituarsi alla natura

Chiaramente, ogni bambino, deve imparare a riconoscere ogni tipo di suono, soprattutto i suoni naturali, perché fanno parte in maniera naturale, dell'interazione del bambino con la natura e il percepire le cose. L'uomo originariamente viveva immerso nella natura, quindi, è consigliabile introdurre i propri figli alle sonorità di questo tipo di habitat, andando direttamente in luoghi naturali, oppure concedendosi una passeggiata durante il fine settimana con gli amici o tutta la famiglia. Un'altra soluzione immediata, è la visione di documentari, facilmente reperibili in TV oppure nella rete internet. Riabituarsi alla natura è molto importante per il bambino, che imparerà a riconoscere nuovi suoni e inizierà a sperimentare nuove emozioni, differenti ma utili per la crescita e per il percorso spirituale dell'essere umano.

Continua la lettura
55

Riconoscere i suoni

I bambini devono abituarsi sin dalla tenera età ad essere educati ai suoni prodotti dalla natura, siano essi prodotti naturalmente, come temporali, tuoni e scrosci di pioggia, o grandine, sia innaturali come per esempio l'esplosione di un vulcano, il boato di una slavina, oppure un terremoto. Tenendo presente che non si augura questo tipo di cataclismi a nessuno, ne tanto meno a un bambino, ma è importante che venga educato anche alla conoscenza di questi tipi di suoni.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come avvicinare i propri figli alla lettura

La lettura è una passione che dovrebbe essere tramandata di genitore in figlio. A volte però ci sono genitori che vorrebbero che i loro figli, da soli, si appassionassero alla lettura, senza dare il "buon esempio". O a volte lo fanno tanto controvoglia,...
Bambino

Babywearing: 10 vantaggi del portare i bambini in fascia

Portare i bambini in fascia è uno dei metodi più antichi per trasportare i più piccoli. Si tratta di una pratica che consiste nel mantenere il proprio bambino o la propria bambina vicino e collegato a voi durante lo svolgimento delle più svariate...
Bambino

Parolacce e bambini: ecco che fare

Riuscire a relazionarsi in maniera adeguata con i bambini è sempre un'operazione delicata, soprattutto quando è necessario rimproverarli per una marachella, un comportamento poco corretto o, come nel caso qui analizzato, per aver detto una parolaccia....
Bambino

Come gestire la noia dei bambini

Con l'avvicinarsi delle giornate fredde e piovose, si riduce le possibilità di fare svagare i propri bambini all'aria aperta, nelle loro ore libere dagli impegni scolastici. Tuttavia, quando i piccoli sono a casa e si sono esaurite tutte le possibilità...
Famiglia

Come riciclare abiti e accessori per la prima infanzia

È risaputo che i bambini crescono in fretta ed ecco che gli abiti non vanno più bene e non possono più essere riutilizzati: alcuni vestiti addirittura vengono usati davvero pochissime volte tanto da rimanere come nuovi. Onde evitare questo grande spreco...
Bambino

Quando nascono e come crescono i denti da latte

I denti sono composti, dall'esterno verso l'interno da Smalto, Dentina, Polpa, Gengiva, Cemento, Osso, Vaso Sanguigno e Nervi e si distinguono in denti da Latte che iniziano a crescere nel bambino dopo il sesto mese di vita e denti permanenti che iniziano...
Bambino

5 faccende domestiche da affidare ai bambini

I bambini molto spesso hanno bisogno di sentirsi un po' grandi facendo appunto le cose che vedono fare di solito ai genitori ed ai nonni. Per poterli accontentare potremmo lasciar loro un po' di campo libero e farli diventare più autonomi mettendoli...
Bambino

Come realizzare dei percorsi sensoriali per bambini

I bambini, già dai primissimi anni di età, hanno bisogno di esplorare il mondo circostante, attivando così tutti i cinque sensi. Per far questo potremmo ricreare, anche con dei semplici oggetti, dei veri percorsi sensoriali, che aiuteranno il bambino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.