Come imparare a riconoscere i suoni della natura

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nei primi giorni di vita un bambino è soggetto a stimoli ed emozioni, situazione che lo accompagnerà per tutti gli anni successivi, dal periodo infantile all'adolescenza. La scoperta dei suoni, siano quelli prodotti all'interno delle quattro mura domestiche, siano quelli prodotti dalla natura, saranno una costante per la crescita del bimbo. A seconda del luogo in cui i bambini crescono e vivono abitualmente, i suoni prodotti dalla natura, non sono sempre facili da ascoltare direttamente, per esempio chi vive in montagna, difficilmente ascolterà il suono del mare, e chi abita vicino al mare, non ascolterà abitualmente i i suoni prodotti dalle terre selvatiche, dai boschi e in ambienti montuosi. In questa guida ci occuperemo di come aiutare i bambini a imparare a riconoscere i vari suoni e rumori della natura. Nei prossimi paragrafi verranno esposti attraverso pochissimi ma allo stesso tempo semplicissimi passaggi, passo dopo passo, in modo molto dettagliato e scrupoloso, come imparare riconoscere i suoni della natura.

25

Occorrente

  • documentari
35

Riconoscere i suoni della natura a casa

Al giorno d'oggi grazie a internet, alla televisione e a giocattoli educativi, i bambini hanno una maggiore possibilità di conoscere i suoni della natura anche stando tra le quattro mura domestiche. Questo tipo di giochi si rivela molto utile soprattutto per i bambini che crescono in zone urbane, in una situazione in cui, se non vengono portati di proposito al mare, in montagna, tra i boschi e così via, difficilmente potrebbero riconoscere alcuni suoni strettamente legati alla natura, che sono molti, per esempio il fruscio degli alberi, l'infrangersi delle onde sulla battigia o il suono del vento ad alta quota. Ogni suono riporterà il bambino al contatto primordiale con la natura, in più crescerà imparando un nuovo segnale con cui la natura stessa comunica con lui.

45

Riabituarsi alla natura

Chiaramente, ogni bambino, deve imparare a riconoscere ogni tipo di suono, soprattutto i suoni naturali, perché fanno parte in maniera naturale, dell'interazione del bambino con la natura e il percepire le cose. L'uomo originariamente viveva immerso nella natura, quindi, è consigliabile introdurre i propri figli alle sonorità di questo tipo di habitat, andando direttamente in luoghi naturali, oppure concedendosi una passeggiata durante il fine settimana con gli amici o tutta la famiglia. Un'altra soluzione immediata, è la visione di documentari, facilmente reperibili in TV oppure nella rete internet. Riabituarsi alla natura è molto importante per il bambino, che imparerà a riconoscere nuovi suoni e inizierà a sperimentare nuove emozioni, differenti ma utili per la crescita e per il percorso spirituale dell'essere umano.

Continua la lettura
55

Riconoscere i suoni

I bambini devono abituarsi sin dalla tenera età ad essere educati ai suoni prodotti dalla natura, siano essi prodotti naturalmente, come temporali, tuoni e scrosci di pioggia, o grandine, sia innaturali come per esempio l'esplosione di un vulcano, il boato di una slavina, oppure un terremoto. Tenendo presente che non si augura questo tipo di cataclismi a nessuno, ne tanto meno a un bambino, ma è importante che venga educato anche alla conoscenza di questi tipi di suoni.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

I migliori libri per imparare l'inglese da piccoli

La lingua inglese oggi è diventata indispensabile e bene cominciare da piccoli. È un requisito importante per trovarsi preparati per i percorsi scolastici che si sceglieranno. Vediamo quali sono i migliori libri per imparare l'inglese da piccoli. Proverò...
Bambino

Come riconoscere una Barbie originale

Sono numerose le persone che adorano collezionare delle vecchie bambole "Barbie": oggi, alcune di esse possono essere considerate dei reali pezzi storici, per gli amanti del genere vintage. Attualmente, tante "Barbie" degli anni '60 e '70 valgono davvero...
Bambino

Come riconoscere la scoliosi nei bambini

La scoliosi è una deformazione della colonna vertebrale che colpisce soprattutto i bambini intorno ai 10-15 anni e quindi è consigliabile riconoscere la sua presenza nel minor tempo possibile. Questa malattia viene spesso associata alle errate posture...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

7 buone abitudini che ogni bimbo deve imparare

L'educazione di un bambino, specie ai giorni nostri, è divenuta un'attività complessa da numerosi punti di vista. Le condizioni lavorative dei genitori impongono un approccio totalmente differente ai fatti della vita, e quindi anche all'educazione dei...
Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
Bambino

Come riconoscere la chetosi nei bambini

La chetosi, nota anche come acetone, è un processo biologico legato all'alimentazione. In poche parole la chetosi è una temporanea disfunzione metabolica.Si verifica principalmente nei bambini fino ai 10 anni quando l'organismo, finiti gli zuccheri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.