Come Giocare Allo Zoo Mimato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Con l'avvento dei videogames, degli smartphone e dei tablet, i bambini dell'era moderna fanno quasi del tutto accantonato i giochi di gruppo; questa tendenza ha portato ad un maggiore isolamento e ad una minore socializzazione. Uno dei giochi preferiti dai bambini di qualche decennio fa era quello dello zoo mimato: il gioco prevede che uno o più bambini debbano imitare i comportamenti di alcuni animali, mentre ad un'altra persona viene affidato il compito di dover indovinare di quale animale si tratta. Nella seguente guida vedremo, in maniera più dettagliata, come giocare allo zoo mimato.

24

Questo gioco è indicato prevalentemente per bambini dai tre a i sei anni, ma è possibile adattarne il livello di difficoltà per far partecipare anche bambini più piccoli. Per cominciare bisogna tenersi tutti per mano e formare un cerchio, mentre l'adulto che li segue invita i bambini a immaginare di essere in uno strano zoo dove sono presenti; un pesce, una mucca, un coccodrillo, un elefante. Ovviamente nulla ci vieta di integrare i personaggi con altri animali, o inventarne alcuni di fantasia (in questo caso spiegheremo ai bimbi che ci si trova in uno zoo magico). Ogni bambino, con l'aiuto di due amici dovrà trasformarsi in uno degli animali dello zoo. Per imitare il pesce, il bambino individuato dovrà imitarne il verso (chiudendo ed aprendo la bocca con uno schiocco), i due amici, uno a destra e uno a sinistra dovranno fare le pinne ponendo le loro mani sulle spalle dell'amico.

34

Uno degli animali più comuni e quindi maggiormente mimati, è la mucca. Per imitare la mucca, il bambino individuato dovrà posizionare le mani con i pollici indirizzati verso il basso simulando le mammelle dell'animale, mentre i due compagni dovranno imitare l'atto della mungitura. Per simulare invece il coccodrillo, un bambino dovrà portare le braccia in avanti, aprendole e chiudendole a mimare la bocca del rettile, mentre altri due compagni dovranno emulare i suoi occhi utilizzando il pollice e l'indice in corrispondenza del bambino coccodrillo.

Continua la lettura
44

Chi invece sarà chiamato ad imitare l'elefante, dovrà mimare la proboscide usando il braccio, mentre i suoi compagni si prodigheranno a fornirgli le orecchie usando sempre le loro braccia che, allargandosi, formeranno un ovale. Una volta chiarito come si svolge il gioco, un bambino farà il guardiano dello zoo che avrà il compito di trovare nuovi gruppi di bambini per lo scambio dei ruoli. Buon divertimento!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come giocare con i cinque sensi

Crescere dei bambini è un impegno molto serio. Ogni futuro genitore dovrebbe essere cosciente e responsabile verso i propri figli. I piccoli hanno tantissime esigenze. Nei primi anni di vita non sono autonomi e avranno bisogno di tutte le nostre energie....
Bambino

10 idee per giocare in casa se fuori piove

Nei mesi invernali, più che in tutti gli altri, possono capitare giornate di pioggia e ciò porta a doversi rinchiudere in casa per poter giocare. Anche stando tra quattro mura non è detto che non ci si possa trovare dei buoni metodi con il quale divertirsi,...
Bambino

Come giocare a nascondino

Gli anni passano, ma il gioco del nascondino continua a piacere a grandi e piccini. Diverte da generazioni ed è molto semplice da attuare. L'unico ruolo che può essere poco piacevole è quello di chi conta e cerca gli altri bambini. Per stabilire chi...
Bambino

Come insegnare ai bambini a giocare da soli

Il gioco è un'attività importante, nello sviluppo del bambino, sin dai primi giorni di vita. Serve a stimolare le capacità motorie e intellettive. Il bambino, giocando, impara a socializzare e a comunicare. Un'altra finalità è la condivisione e il...
Bambino

10 idee per giocare a casa se piove

Quanto è bello alzarsi la domenica mattina, guardare fuori dalla finestra e trovarsi dinanzi un cielo azzurro, un sole splendente e un caldo primaverile? Allora si che ti passano per la testa migliaia di attività per trascorrere la giornata all'aria...
Bambino

5 modi per giocare con i bambini in spiaggia

In estate sono molte le famiglie che decidono di trascorrere le vacanze al mare. I bambini in particolare amano molto stare in spiaggia e divertirsi insieme all'aria aperta. È importante però saperli intrattenere con giochi e passatempi in modo che...
Bambino

Come fare giocare i bambini con la musica

Quando ci sono bambini piccoli in casa, non è mai facile tenerli sotto controllo questi infatti, giocando potrebbero danneggiare se stessi e gli oggetti che ci circondano. Per questo motivo, è necessario stare sempre molto attenti e non distogliere...
Bambino

Come giocare con i bambini in un giorno di pioggia

Scostando le tende alle finestre vi siete accorti che piove e l'uscita al parco con i bambini è compromessa. Questo vuol dire una sola cosa: restare in casa! Dover rimanere al chiuso però, non vuol dire parcheggiare i propri figli davanti al televisore....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.