Come gestire un bambino che sfugge al controllo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Ogni bambino nasce con un proprio carattere e nel tempo può rivelarsi tranquillo o irrequieto. Nel caso in cui il proprio figlio sia particolarmente vivace, i genitori spesso non sanno come comportarsi: se il bambino sfugge al controllo, bisogna essere in grado di gestire il problema con fermezza e pazienza e in questa guida possiamo suggerire qualche consiglio sul comportamento da tenere.

24

Cerca i motivi del disagio

Alle volte un bambino che sfugge al controllo è particolarmente vivace, o addirittura aggressivo con i compagni o i fratelli, e manifesta in questo modo una forma di protesta. Questa situazione nasce sempre da un disagio, vissuto all'interno della famiglia, o in altri ambienti. In questo caso vanno ricercati il luogo o la situazione specifica in cui si manifesta il disagio; una volta identificato il motivo che fa scattare la ribellione, si può cercare una soluzione. Molto spesso i bambini troppo vivaci cercano solo di attirare l'attenzione, e con pazienza ed affetto si possono ottenere ottimi risultati.

34

Adotta misure di sicurezza

Alcuni bambini sono sereni e senza disagi, ma caratterialmente sono vulcanici e pieni di energia. Questo crea ansia nei genitori perché il bambino, in molteplici situazioni, sfugge al loro controllo, e rischia di mettersi in pericolo. Sarà opportuno, in questo caso, adottare opportune precauzioni per evitare che il bambino possa farsi male: far installare dei cancelletti di sicurezza alle finestre e sulle scale, eliminare tutti gli oggetti taglienti dalla portata del bambino, mettere al sicuro prodotti nocivi o potenzialmente pericolosi (detersivi e medicinali) ponendoli in armadietti chiusi a chiave, mettere chiusure di sicurezza ai cassetti e alle ante degli armadi, fissare le scarpiere e i piccoli mobili alle pareti per evitare che, arrampicandosi, il bambino possa farli cadere e ferirsi. Queste sono le misure di sicurezza più comuni per limitare le situazioni di pericolo.

Continua la lettura
44

Tieni occupato il bambino

Un altro consiglio utile è quello di cercare di non far annoiare il bambino, ed offrirgli continue opportunità di svago, sia in casa che fuori. In questo modo, sarà possibile creargli sempre nuove fonti di interesse, che lo terranno occupato a lungo. Sono indicate anche attività fisiche e soprattutto sportive, che aiuteranno il bambino a scaricare stress e tensioni. Dopo queste attività sarà stanco e sarà sicuramente meno incline a sfuggire al controllo dei genitori. Una vita familiare e sociale piena di impegni divertirà il bambino e lo terrà lontano da noia e capricci.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire un bambino che non rispetta gli animali domestici

Gli animali domestici sono una bellissima compagnia sia per gli adulti che per i bambini. Spesso però gestire un animale domestico con l'arrivo di un bambino può non essere semplice. Se anche voi avete un animale da compagnia e un bimbo in arrivo potreste...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

5 consigli per gestire un bambino iperattivo

La vita quotidiana con un bambino iperattivo può essere molto travolgente, mai noiosa, ma spesso molto frustrante. I genitori possono contribuire a ridurre i sintomi dell' iperattività attraverso 5 semplici consigli. Tali consigli possono aiutare a...
Bambino

Come gestire un bambino che porta via i giochi agli altri bimbi

Molto spesso capita che in età infantile, il bambino mentre gioca con gli amichetti, porta via in modo presuntuoso e prepotente i giochi agli altri facendoli piangere oppure creando delle situazioni di tensione. Naturalmente, di fronte a questi particoli...
Bambino

Come gestire un bambino che vi interrompe mentre siete al telefono

Nella guida riportata di seguito sono dati alcuni esempi di educazione nei riguardi dei bambini. In particolare andremo ad occuparci di come insegnare ai bambini (sin da quando avranno raggiunto l'età di un anno e mezzo-due e saranno quindi in grado...
Bambino

Come gestire Un Bambino Iperattivo

Educare e crescere i bambini non è sempre semplice, essi mettono spesso alla prova i nostri nervi e sanno metterci all'angolo facilmente. Allora ci chiediamo dove abbiamo sbagliato, cosa c'è che non va nella nostra relazione col piccolo e se siamo davvero...
Bambino

Come gestire un bambino che piange in macchina

Il bambino che piange in macchina è una delle situazioni più complicate da gestire. Il pianto nel bambino, così come nell'adulto, è una manifestazione di malessere, sia esso di natura fisiologica che emotiva. Vostro figlio o il bambino in questione...
Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.