Come gestire un bambino che piange dal dottore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti, che non appena iniziano a piangere, riceveranno subito le attenzioni dei parenti, genitori in primis. I motivi del pianto possono essere molti: la fame, il freddo e il caldo eccessivi, i capricci, il dolore, dovuto ad esempio ad una caduta, oppure legato ad una malattia, o ancora, la semplice vista del pediatra, con il suo camice bianco o l'ingresso nello studio medico. Nella seguente guida, capiremo proprio come gestire un bambino, piccolo o grande che sia, che piange dal dottore.

26

Occorrente

  • Pazienza e tranquillità
  • Giocattoli
  • Biscottini o caramelle
  • Tante coccole
36

Distrarre il bambino con altre attività

Il pianto può essere legato alla malattia sottostante, che ha portato voi e il vostro bambino dal pediatra. In questo caso è utile "distrarre" il bambino con altre attività, in modo tale che l'attenzione si focalizzi su altro e non sul dolore che prova in quel momento. In base all'età del bambino potete raccontare una favola, offrire un biscotto o una caramella, coccolarlo un po'. Può essere utile anche spingerlo a raccontarci la sua giornata oppure farlo giocare con gli altri bambini presenti in sala d'attesa, o con un giocattolino. Le sale d'attesa della maggior parte degli ambulatori pediatrici, infatti, sono fornite di molti giocattoli, adatti alle varie età, proprio per tale motivo.

46

L'affabilità del pediatra

Il pianto legato alla paura della visita medica in sè, invece, è facilmente riconoscibile. Il vostro bambino, infatti, sarà tranquillo fino a quando non metterà piede nell'ambulatorio vero e proprio e vedrà il pediatra. Inizierà, a questo punto, a piangere in modo esagerato e sarà inconsolabile. In questi casi è utile spiegare al bambino che non ha nulla da temere dalla visita o dal medico e che la visita lo aiuterà a sentirsi meglio. In questi casi, molto dipenderà anche dall'affabilità del pediatra e dalla sua capacità di interazione con il bambino. Anche in questo casi i giocattoli possono essere d'aiuto, così come mantenere il contatto del bambino con i genitori, e soprattutto con la madre, durante tutta la visita.

Continua la lettura
56

L'ansia della mamma

L'elemento di distrazione può funzionare anche per i bambini piccoli o i lattanti, fermo restando che quest'ultimo piange dal dottore generalmente per un disagio fisico, (caldo, freddo, dolore), o perché avverte l'ansia della sua mamma. Se siete delle madri ansiose, infatti, il vostro bambino percepirà il vostro stato d'animo, e risponderà a tale percezione, piangendo. Cercate di essere tranquille e serene durante la visita; in questo modo, senza accorgervene, rassicurerete il vostro piccolo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Portate con voi il giocattolo preferito del vostro bambino e semplicemente del cibo (biscotti, caramelle, etc)

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Come consolare un bambino che piange

Il pianto è un'espressione naturale adottata da ogni essere vivente tramite il quale si riesce ad esprimere determinate sensazioni. Per il bambino, soprattutto durante i primi mesi di vita, rappresenta l'unico modo per esternare un malessere. Infatti,...
Bambino

Come gestire un bambino che piange in macchina

Il bambino che piange in macchina è una delle situazioni più complicate da gestire. Il pianto nel bambino, così come nell'adulto, è una manifestazione di malessere, sia esso di natura fisiologica che emotiva. Vostro figlio o il bambino in questione...
Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

Come tranquillizzare un bambino che piange

Quando si ha a che fare con un bambino piccolo, molti genitori vanno in crisi quando lo sentono piangere, perché non sanno come comportarsi o calmare il loro piccolino. Di solito quando si tratta di un neonato, è difficile capire cosa provochi tale...
Bambino

Come comportarsi se il neonato piange la notte

Uno degli eventi più gioiosi del percorso della nostra vita, è sicuramente la nascita di un figlio. Ma adeguarsi al nuovo arrivato non è così facile come sembra. Il suo arrivo, infatti, cambia o sconvolge del tutto i ritmi familiari. Insieme alle...
Bambino

5 trucchi per calmare il neonato che piange spesso

Ogni neonato è diverso dall'altro. C'è il bimbo che non piange quasi mai, e quello che, invece, lo fa spesso! Ciò che accomuna tutti, però, è lo scopo del pianto, ovvero: comunicare. Il neonato, infatti, non ha altro modo per far capire che qualcosa...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.