Come gestire un bambino che non rispetta gli oggetti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida, passo dopo passo, provvederò a dare tutte le spiegazioni utili su come gestire nel migliore dei modi un bambino che non rispetta gli oggetti. Un figlio, di solito verso l'età di due o tre anni, tende a trasformarsi inesorabilmente in un contestatore e proprio in tale periodo, tende sovente a pronunciare la parola "no" per mettere in evidenza il fatto che rifiuta le piccole regole che gli vengono impartite. Tutto ciò fa parte senza dubbio del suo processo di crescita, che lo porta a desiderare un po' di indipendenza, ma tutti i suoi capricci vanno controllati nella maniera più assoluta, in quanto i suoi capricci lo portano non solo a gridare, ma anche a lanciare tutti gli oggetti che trova in casa. Gli si dovranno dunque insegnare con calma alcune cose per cercare di gestire bene questo tipo di situazione.

25

Stabilire delle regole

Prima di tutto è fondamentale stabilire poche semplici regole per il bambino, cercando di essere intransigenti al massimo nel fargliele rispettare. Infatti, i capricci possono continuare all'infinito nel caso in cui il bambino noti che i genitori cedono. L'assenza di paletti, lo spingerà alla disobbedienza, a buttarsi sul pavimento e a scagliare tutti gli oggetti che trova. Così facendo, vuole cercare di attirare l'attenzione dei genitori. Non bisogna assolutamente mostrarsi allarmati, altrimenti il bambino resterà sconcertato.

35

Non ricomprare lo stesso giocattolo

In merito agli oggetti rotti volutamente dal bambino, oppure tutti quelli che rompe a causa dell'utilizzo improprio, qualora non dovesse servire a nulla spiegargli che certi comportamenti sono inaccettabili, la punizione migliore è naturalmente quella di non comprargli più il giocattolo che ha rotto. Tutto questo comunque potrebbe non bastare, di conseguenza la soluzione migliore sarebbe di nascondergli l'oggetto che potrebbe rompere per un determinato periodo di tempo, in particolar modo se si tratta di qualcosa a cui lui tiene particolarmente.

Continua la lettura
45

Da abitudine a divertimento

Nel caso in cui il bambino tendesse a rompere sistematicamente qualsiasi cosa, è facile che per lui questo tipo di abitudine si sia trasformata in divertimento che in qualche modo lo appaga più di altri. Per esempio, lui può benissimo sentirsi attratto dal rumore di un qualcosa che si rompe ed al tempo stesso può essere incuriosito dal fatto di scoprire cosa c'è all'interno di quel determinato oggetto. In altri casi, può essere un modo di fare del bambino che vuole semplicemente attirare l'attenzione dei genitori sfogando la propria rabbia. Sarà dunque opportuno parlare di tale problema con il pediatra, che saprà dare tutti i consigli giusti.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire un bambino difficile

In questa guida verranno dati utili consigli su come gestire un bambino difficile. Come ben saprete, un bimbo di pochi anni nella fase della crescita, ha un temperamento e un modo di fare difficile da controllare. Questo è dovuto da diversi fattori ma,...
Bambino

Come gestire un bambino che porta via i giochi agli altri bimbi

Molto spesso capita che in età infantile, il bambino mentre gioca con gli amichetti, porta via in modo presuntuoso e prepotente i giochi agli altri facendoli piangere oppure creando delle situazioni di tensione. Naturalmente, di fronte a questi particoli...
Bambino

Come gestire un bambino che sfugge al controllo

Ogni bambino nasce con un proprio carattere e nel tempo può rivelarsi tranquillo o irrequieto. Nel caso in cui il proprio figlio sia particolarmente vivace, i genitori spesso non sanno come comportarsi: se il bambino sfugge al controllo, bisogna essere...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

5 consigli per gestire un bambino iperattivo

La vita quotidiana con un bambino iperattivo può essere molto travolgente, mai noiosa, ma spesso molto frustrante. I genitori possono contribuire a ridurre i sintomi dell' iperattività attraverso 5 semplici consigli. Tali consigli possono aiutare a...
Bambino

Come gestire un bambino che vi interrompe mentre siete al telefono

Nella guida riportata di seguito sono dati alcuni esempi di educazione nei riguardi dei bambini. In particolare andremo ad occuparci di come insegnare ai bambini (sin da quando avranno raggiunto l'età di un anno e mezzo-due e saranno quindi in grado...
Bambino

Come gestire un bambino che piange in macchina

Il bambino che piange in macchina è una delle situazioni più complicate da gestire. Il pianto nel bambino, così come nell'adulto, è una manifestazione di malessere, sia esso di natura fisiologica che emotiva. Vostro figlio o il bambino in questione...
Bambino

Come gestire un bambino che piange dal dottore

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.