Come gestire un bambino che dice parolacce

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'educazione di un bambino è una faccende sempre molto importante, e un buon genitore lo sa. Tutti lo sanno. Da come lo educhiamo, potremo deciderne che tipo di persona diverrà. Per questo bisogna premiare i comportamenti corretti e punire quelli sbagliati, fin da subito. Quando nostro figlio inizia a pronunciare le sue prime parole, il sentimento che ci assale è quello di una forte emozione accompagnata dalla certezza che come genitori possiamo fare veramente grandi cose. Tale sentimento cambia repentinamente nel momento in cui il nostro bambino inizia ad usare un linguaggio non consono alla sua età. Dubbi e perplessità di assalgono mettendo in discussione tutto il lavoro svolto fin a questo momento. Vediamo allora di seguito alcuni consigli su come gestire al meglio un bambino che dice parolacce. Attraverso pochi e semplici passaggi vi daremo i suggerimenti più utili per poter procedere al meglio nella sua educazione.

24

Tenere il giusto atteggiamento

Il linguaggio nei bambini assume diverse sfumature a seconda dell'età. I bambini dai 2 - 3 non conoscono appieno il significato delle parole che pronunciano, in questo periodo quello che conta è emettere suoni con la bocca per poi riascoltarli con le orecchie. È quindi del tutto superfluo sgridare un bambino di questa età, rimproverandolo che la parola appena detta non si deve pronunciare. I bambini sono dei grandissimi osservatori, di conseguenza la cosa che li colpisce di più è la nostra reazione. Magari nella loro fantasia la trovano buffa e di conseguenza non vedono l'ora di ricrearla.

34

Capire la motivazione

Dai tre anni in poi i bambini cominciano ad associare le parole ai loro effettivi significati, di conseguenza sono perfettamente in grado di capire quando una parola può o non può essere pronunciata. Da questo preciso momento in poi è importante capire la vera motivazione che spinge un bambino a dire le parolacce. Le motivazioni possono essere molteplici: semplicemente perché il suono della parola è particolarmente buffo, perché la nostra reazione li diverte, per copiare gli adulti, o per esprimere a chi gli sta vicino un particolare sentimento.

Continua la lettura
44

Ignorare la parolaccia

Il comportamento più giusto da tenere è quello di ignorare la parolaccia, fare finta che questa non sia mai stata pronunciata. Del tutto inutile anche in questo caso sono i rimproveri, come già detto i bambini sono ottimi osservatori e davanti ad una nostra reazione esagerata possono pensare che questo è il modo giusto per ottenere quello che vogliono. Se la parolaccia è indirizzata a noi in maniera personale, l'atteggiamento giusto da tenere è quello di dimostrare al bambino che ci ha profondamente offesi, che questo suo nuovo linguaggio non è gradito e che le conseguenze che ne possono derivare da tale comportamento non sono certamente da considerare positive. Il passo successivo invece è quello di spiegare con parole semplici, che non tutte le parole che essi sentono possono essere liberamente utilizzate. Teniamo presente che i bambini sono esseri molto intelligenti, in grado di capire al volo anche quei concetti che a noi possono sembrare difficili.
Prima o poi nostro figlio dirà parolacce, come la maggior parte di noi. Ma potremmo fin da subito correggere questo atteggiamento o questa propensione cercando di educarlo in maniera corretta. Sicuramente non potremo evitare che non le dica in futuro, ma certamente potremo evitare che diventi un'abitudine o il solo modo in cui riuscirà ad esprimersi. I consigli di questa guida vi aiuteranno certamente a capire come procedere.
Vi auguro quindi buona fortuna.
A presto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Parolacce e bambini: ecco che fare

Riuscire a relazionarsi in maniera adeguata con i bambini è sempre un'operazione delicata, soprattutto quando è necessario rimproverarli per una marachella, un comportamento poco corretto o, come nel caso qui analizzato, per aver detto una parolaccia....
Bambino

Come gestire un bambino che non rispetta gli animali domestici

Gli animali domestici sono una bellissima compagnia sia per gli adulti che per i bambini. Spesso però gestire un animale domestico con l'arrivo di un bambino può non essere semplice. Se anche voi avete un animale da compagnia e un bimbo in arrivo potreste...
Bambino

Come gestire un bambino difficile

In questa guida verranno dati utili consigli su come gestire un bambino difficile. Come ben saprete, un bimbo di pochi anni nella fase della crescita, ha un temperamento e un modo di fare difficile da controllare. Questo è dovuto da diversi fattori ma,...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

Come gestire un bambino che porta via i giochi agli altri bimbi

Molto spesso capita che in età infantile, il bambino mentre gioca con gli amichetti, porta via in modo presuntuoso e prepotente i giochi agli altri facendoli piangere oppure creando delle situazioni di tensione. Naturalmente, di fronte a questi particoli...
Bambino

5 consigli per gestire un bambino iperattivo

La vita quotidiana con un bambino iperattivo può essere molto travolgente, mai noiosa, ma spesso molto frustrante. I genitori possono contribuire a ridurre i sintomi dell' iperattività attraverso 5 semplici consigli. Tali consigli possono aiutare a...
Bambino

Come gestire un bambino che sfugge al controllo

Ogni bambino nasce con un proprio carattere e nel tempo può rivelarsi tranquillo o irrequieto. Nel caso in cui il proprio figlio sia particolarmente vivace, i genitori spesso non sanno come comportarsi: se il bambino sfugge al controllo, bisogna essere...
Bambino

Come gestire un bambino che vi interrompe mentre siete al telefono

Nella guida riportata di seguito sono dati alcuni esempi di educazione nei riguardi dei bambini. In particolare andremo ad occuparci di come insegnare ai bambini (sin da quando avranno raggiunto l'età di un anno e mezzo-due e saranno quindi in grado...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.