Come gestire l'ansia dei bambini

Tramite: O2O 23/05/2016
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Spesso può capitare che i bambini soffrano di ansia dovuta a motivi particolari che creano in loro spavento e paura. Quest'ansia generalmente va via dopo poco, ma se si prolunga o comincia a interferire con le normali attività quotidiane del bambino può rappresentare un serio problema. In questa dunque verrà spiegato come gestire l'ansia dei bambini.

26

Innanzitutto bisogna chiedersi quale sia la causa che spinge il bambino a soffrire di questo disturbo. Tra le tipologie più comuni vi è l'ansia da separazione, che si manifesta quando i bimbi vengono separati da una figura a loro cara, come ad esempio un genitore o un nonno.

36

I bambini possono soffrire anche di disturbo d'ansia generalizzata e di fobie sociali.
Un bambino iperattivo, che fatica a concentrarsi, soffre di sudorazione e palpitazioni, lamenta frequenti mal di testa e mal di pancia da un periodo di almeno sei mesi, potrebbe essere affetto da un disturbo d'ansia generalizzata. Il grado di preoccupazione che dimostra temendo di non riuscire a svolgere correttamente i compiti scolastici oppure a misurarsi nello sport con i compagni è eccessivo, sproporzionato rispetto alla gravità dei problemi che deve affrontare.
Parliamo ora di paure. Le paure semplici, come quella del buio o dei mostri, accompagnano spesso lo sviluppo del bambino e scompaiono verso i sette oppure otto anni. Alcuni bambini soffrono invece di un disturbo che li porta a provare forte angoscia in situazioni come parlare di fronte agli altri o rispondere alle domande quando si sentono osservati dagli altri, per esempio in classe. Queste forme di fobia sociale sono spesso accompagnate da sudorazione e tachicardia, ma anche da possibili scoppi d'ira e attacchi di panico.

Continua la lettura
46

Fermati ad analizzare tutto in modo minuzioso, senza avere paura di porre molte domande al bambino, ovviamente senza angosciarlo ancora di più. Poi, anche se credi di aver individuato la fonte della sua ansia, rivolgiti ugualmente al medico di famiglia, così da escludere qualsiasi malattia fisica.

56

Ovviamente se riesci a ricollegare l'ansia di tuo figlio a uno specifico evento traumatico, la cosa migliore è che ti rivolga a uno specialista, ovvero uno psicologo dell'età evolutiva o un neuropsichiatra infantile, prima che i sintomi si acutizzino. Non dimenticare inoltre che spesso i genitori ansiosi trasmettono in modo inconsapevole le proprie ansie ai figli, rendendoli insicuri. Le eccessive critiche e la mancanza di gesti affettuosi rendono infatti i bambini privi di fiducia nelle loro possibilità.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Bambino

Come gestire i capricci dei bambini

Gestire i capricci dei bambini può essere molto difficile. Oggi i bambini sono attirati da molte cose e in una società in cui i prodotti telematici sembrano prendere il sopravvento, spesso i più piccoli si sentono insoddisfatti e nervosi e questo è...
Bambino

Come gestire l'egocentrismo nei bambini

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio...
Bambino

5 consigli per gestire la frustrazione dei bambini

In questa lista vedremo 5 consigli utili per gestire la frustrazione nei bambini. Il pianto è un meccanismo di comunicazione fondamentale nei bambini. Con la crescita si trasforma In un modo per comunicare la sua insoddisfazione verso qualcosa o una...
Bambino

Bimbi: come gestire la paura degli estranei

I bambini, è risaputo, hanno bisogno dell'appoggio e degli insegnamenti dei genitori per imparare cose nuove ma soprattutto per superare le proprie paure. Una di queste, tra le più diffuse nei bambini, è la paura degli estranei che mi manifesta spesso...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare l'ansia da separazione

Solitamente, attorno agli otto o ai nove mesi i neonati iniziano a rendersi conto di non essere un tutt'uno con la loro mamma e che possono essere separati da lei. In questi momenti possono essere colti da una serie di sensazioni del tutto negative, derivanti...
Bambino

Come gestire due bimbi piccoli

Come sapete, gestire due bimbi piccoli in casa non è mai facile, soprattutto quando si tratta di bambini iperattivi o irrequieti. Di seguito alcuni consigli utili per tutte quelle giovani mamme o baby sorger che si dovessero trovare a fronteggiare una...
Bambino

Come gestire un bambino che piange dal dottore

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti,...