Come gestire l'egocentrismo nei bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio per evitare che diventi un atteggiamento più accentuato negli anni a venire. Vediamo quindi in questa breve ma semplicissima guida come gestire questo atteggiamento nei bambini.

24

La prima cosa da fare per gestire l'egocentrismo del nostro bambino è quello di fargli capire che non tutto gli appartiene, come, invece, tendono a pensare i bambini a questa età, e che è necessario condividere gli oggetti con gli altri. Già in casa il genitore può abituare il bambino alla condivisione chiedendogli, per esempio, di utilizzare un suo gioco o un suo oggetto dando a lui, di contro, un proprio oggetto. La presenza di un fratello o di una sorella può accentuare l'espressione del proprio egocentrismo nel bambino all'inizio, in quanto costituisce un vero e proprio trauma, ma nel tempo aiuta questo processo di consapevolezza nel bambino, ma è bene armarsi di tanta pazienza perché non mancheranno litigi e manifestazioni di rabbia da parte del piccolo e gestirli a volte mette a dura prova i nostri nervi.

34

Per lavorare sulla condivisione, comunque, è importantissimo il contatto con i coetanei frequentando, ad esempio l'asilo. Lì il nostro bambino sarà, per forza di cose, costretto a condividere giochi ed oggetti ed a capire che gli altri bambini hanno il suo stesso diritto di usare quegli oggetti. Il bambino verrà guidato dagli insegnanti in questo importante processo anche tramite giochi di ruolo adatti che fanno capire al bambino che non può sempre essere al centro dell'attenzione e che deve lasciare il posto ai coetanei in determinati momenti. Anche in questo contesto non mancheranno litigi o crisi di pianto, che andranno gestiti con calma e con pazienza. Si tratta di un processo difficile e lungo, ma necessario affinché il nostro bambino possa integrarsi al meglio con i coetanei e con la società in genere.

Continua la lettura
44

Questo atteggiamento deve essere mantenuto anche fuori casa, quando ad esempio ci rechiamo a casa di un cugino o di un amico. Non è raro che il bambino, vedendo un oggetto o un gioco tenda a considerarlo come suo ed a volerlo portare con sé. In questo caso dovremo essere fermi nel dirgli di no facendogli capire che non tutto quello che vede è suo e di conseguenza gli appartiene.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare i bambini aggressivi

Tanto spesso i bambini hanno atteggiamenti aggressivi, e questo la maggior parte delle volte è dovuto alla mancanza di attenzione che il bambino accusa. L'aggressività nei bambini su potrà manifestare in diversi modi, quali graffi, pianti, morsi, in...
Bambino

Come stimolare lo sviluppo sociale del bambino

I bambini nascono con un carattere personale e un indole più o meno favorevole alla socializzazione: ad esempio, ci saranno dei piccoli maggiormente estroversi, socievoli e gioiosi.Questo non toglie che, le esperienze maturate durante i primi anni di...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

Come interpretare l'aggressività del bambino

Quando il bambino entra in contatto con gli altri suoi coetanei può manifestare comportamenti aggressivi nei loro confronti, ma anche in quelli di chi cerca di capirne le cause e cercare una soluzione, come genitori e insegnanti. Come interpretare l'aggressività?...
Bambino

10 consigli per rendere i bambini autonomi

L'autonomia di un bambino è un traguardo molto difficile da realizzare in tempi brevi. I genitori trovano molti ostacoli in questo importante compito educativo. L'ansia per qualsiasi pericolo è dietro l'angolo. Ha un ruolo rilevante l'ambiente in cui...
Bambino

Come Favorire La Socializzazione In Un Bimbo

La socializzazione è uno degli obiettivi importantissimi, per noi educatori, che vogliamo favorire e formare la personalità del bimbo, spesso, sottovalutato dai genitori, che preferiscono lasciare giocare e fare esperienze al propri figli da soli, mentre...
Bambino

Come aiutare un bambino timido

Come è possibile riuscire ad aiutare efficacemente un qualsiasi bambino timido? Qualora il vostro piccolo soffra di timidezza, è necessario cercare di incoraggiarlo a reagire, in modo che si possa inserire bene all'interno di un gruppo di persone coetanee,...
Bambino

Mutismo selettivo: 5 cose da sapere

Il mutismo selettivo si presenta nei bambini quando iniziano a interagire con gli altri, sopratutto con l'ingresso all'asilo. Si tratta di un particolare atteggiamento con cui si rifiutano di parlare in contesti diversi da quello casalingo. Ciò accade...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.