Come gestire i tempi del ciucciotto

Tramite: O2O 15/03/2019
Difficoltà: media
15

Introduzione

La suzione è un riflesso innato di importanza vitale, che si sviluppa nel bambino sin da quando si trova nella pancia della mamma, un volta nato infatti, e nei primi successivi mesi di vita, egli cercherà istintivamente di succhiare il seno della madre o il ciuccio, per quest'ultimo però sarà necessario attendere almeno due settimane di vita del bebè, per evitare di compromettere l'allattamento materno. Questo strumento però, risulta di importanza fondamentale, in quanto si tratta di un metodo consolatorio che permetterà di superare i primi momenti estremamente delicati del neonato. Di seguito, vi spiegheremo dunque come gestire i tempi del ciucciotto del vostro bambino.

25

Da 0 a 3 mesi

Alla nascita il bambino cercherà istintivamente di succhiare il capezzolo della madre, ma nei successivi mesi di vita, in alternativa ad esso, si potrà iniziare ad adoperare il ciuccio dalla forma a ciliegina, per calmare e allo stesso tempo aiutare il bambino a separarsi dalla figura materna. Assicuratevi che il ciuccio non pressi troppo sulla mascella e che lasci spazio sufficiente alla lingua per evitare di ostacolare la deglutizione, ricordatevi inoltre che non bisogna darlo spesso, ma attendere i momenti più opportuni, soprattutto quando il bambino si dimostra agitato o quando non riesce a prendere sonno.

35

Da 3 a 6 mesi

Dai tre mesi di vita è consigliabile usare un ciuccio in silicone, poiché maggiormente resistente alle temperature della sterilizzazione. Questa è una fase molto delicata per il bambino, in quanto avvertirà i primi dolori alle gengive causati dalla nascita dei primi dentini, e per questo motivo sarà spesso agitato e irrequieto, avvertirà inoltre l'esigenza di succhiare con più frequenza il ciuccio per cercare di agevolare i suoi dolori.

Continua la lettura
45

Da 6 a 12 mesi

Successivamente ai 6 mesi, il ciuccio dovrà essere sostituito con quello forma di goccia e in caucciù, un materiale ancor più resistente rispetto a quello in silicone, che, essendo un materiale molto più fragile, con la nascita dei denti il bambino potrebbe staccarne alcuni pezzi e inalarli. È bene sapere che fino ai 12 mesi l'utilizzo del ciucciotto non vizia in alcun modo il bambino, anche se bisognerebbe farne un uso moderato, ovviamente più lo si terrà, più sarà difficile toglierlo. Secondo i pediatri inoltre, dai 10 mesi in poi, bisognerebbe iniziare a limitare l'uso del ciuccio, per evitare in seguito problemi dentali di vario tipo, anche se, fino ai 24 mesi non sarà realmente dannoso per la bocca del bambino.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cambiare spesso il ciuccio, soprattutto se presentano segni di usura
  • Effettuare quotidianamente la sterilizzazione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come allungare i tempi tra una poppata e l'altra

Sempre più donne stanno diventando consapevoli dei vantaggi dell'allattamento al seno per i loro bambini e per se stesse. L'allattamento al seno sviluppa una speciale vicinanza tra madre e figlio vantaggiosa per entrambi. Le problematiche dell'allattamento...
Bambino

Come gestire un bimbo al mare

L'arrivo di un figlio stravolge le abitudini di tutta la famiglia. Molto spesso al momento di programmare le vacanze sorgono incertezze.Sarà possibile gestire la situazione in tutta tranquillità? Il mare, senza le dovute precauzioni, può rivelarsi...
Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Come gestire tre bimbi piccoli

Avere una famiglia numerosa è una sfida meravigliosa. Durante la crescita, la casa si riempie di grida e di risate. Certamente, non ci sono solo gioie. I genitori si trovano ad affrontare i vari problemi, moltiplicati per due o per tre. Il compito educativo...
Bambino

Come gestire l'ansia da separazione

Uno dei problemi più comuni per le mamme è quello di trovarsi ad affrontare il distacco dal proprio bambino. Solitamente questo problema si manifesta quando la mamma, dopo aver vissuto i primi mesi di vita di vita del bambino, a suo stretto contatto,...
Bambino

Come gestire l'egocentrismo nei bambini

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio...
Bambino

Come gestire un bambino difficile

In questa guida verranno dati utili consigli su come gestire un bambino difficile. Come ben saprete, un bimbo di pochi anni nella fase della crescita, ha un temperamento e un modo di fare difficile da controllare. Questo è dovuto da diversi fattori ma,...