Come gestire i primi amori dei bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come gestire i primi amori dei bambini? Stiamo parlando di eventi in grado di darci tenerezza e sorrisi. I primi formicolii sentimentali possono commuoverci e riportarci indietro nel tempo, facendoci rivivere le nostre esperienze dell'età scolastica, dall'asilo alle superiori. Tanti piccoli pensieri che ci possono condurre al ricordo estremamente profondo del primo grande vero amore e, di conseguenza, al nostro matrimonio. La spontaneità dei più piccoli li tende a non camuffare mai i loro sentimenti. Per questo motivo, i primi amori si fanno notare con estrema facilità, causando gioie e sofferenze. In questa guida, vediamo come gestire i primi amori dei bambini.

26

Occorrente

  • Empatia e amore
36

Riconoscere i primi segnali

Il primo elemento che salta all'occhio è l'imbarazzo che caratterizza il nostro bambino, che sia di sesso maschile o femminile. Tuttavia, il primo amore potrebbe anche non nascere nei confronti di un bambino coetaneo. In numerose circostanze, la cotta e la forte attrazione conseguente potrebbero rivolgersi nei confronti di un adolescente o di un ragazzo o una ragazza, o addirittura verso un adulto. In tali circostanze, non bisogna meravigliarsi e si può benissimo ironizzare su ciò che succede. Un adulto può anche diventare scherzosamente un fidanzato o una fidanzata, rendendo il bimbo estremamente contento.

46

Essere complici e partecipi

In altre occasioni, il primo vero amore di un bimbo si genera tra compagni di scuola. In ulteriori casi, esso scaturisce tra le parti scolastiche della scuola dell'infanzia. Altre volte ancora, l'amore nasce tra figli di due amici. Tuttavia, quando si ha a che fare con due bambini della stessa età, non ci sono grandi problemi se il sentimento risulta reciproco. In base alle attitudini dei due piccoli protagonisti, può nascere una bella amicizia basata su giochi e sorrisi, e al massimo qualche bacino innocente. In questo contesto, i genitori possono essere molto compiaciuti, increduli, ma anche estremamente complici e partecipi.

Continua la lettura
56

Mai ridicolizzare il bambino

Bisogna evitare sempre e comunque di mettere in ridicolo il proprio figlio e di farlo vergognare dei propri sentimenti, soprattutto davanti a persone estranee. Le varie situazioni possono farlo sembrare un pochino buffo, ma è pur sempre un bambino. Bisogna essere empatici con il piccolo, tornare indietro nel tempo e spiegargli le vicende del primo amore. Si possono far riemergere le sensazioni provate in passato. Un genitore deve comportarsi con il proprio bambino nello stesso modo in cui lui avrebbe voluto con i propri genitori. Adesso sapete gestire i primi amori dei bambini?

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non lo ponete in ridicolo

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 strategie per gestire i bambini vivaci

I bambini sono un dono meraviglioso nella vita di una coppia. Quando arrivano i bambini in una casa tutto si stravolge e cambia in base alle loro esigenze. Ovviamente ogni bambino ha il suo carattere e il suo modo di fare, ma comunque in un modo o nell'altro...
Bambino

Come insegnare ai bambini a gestire il loro tempo libero

Per tempo libero s'intende quel momento in cui non si hanno più impegni lavorativi. Quindi, non è altro che un tempo da dedicare a se stessi. Oppure ad attività piacevoli e rilassanti. Tuttavia, a volte si finisce per far diventare routine anche questo...
Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Bambino

Come gestire i capricci dei bambini

Gestire i capricci dei bambini può essere molto difficile. Oggi i bambini sono attirati da molte cose e in una società in cui i prodotti telematici sembrano prendere il sopravvento, spesso i più piccoli si sentono insoddisfatti e nervosi e questo è...
Bambino

Come vestire i bambini con i primi freddi

Con i primi freddi è difficile vestire i bambini, in quanto non si sa se vestirli pesanti o un po' più leggeri, il tutto dipende dalla temperatura corporea del piccolo: se il bambino è un tipo che suda non bisogna vestirlo molto pesante, poiché non...
Bambino

Come gestire la paura del buio nei bambini

Una delle fobie più diffuse e più grosse dei bambini è ovviamente la paura del buio. Tutti i bambini ne soffrono o ne hanno sofferto e se non tutti un buon 90% si, tutti per motivi eterogenei. I bambini, il buio, lo vedono come qualcosa di sconosciuto,...
Bambino

Come gestire le paure dei bambini

Tutti i bambini hanno paura, si sa. Questo perché non conoscono ancora bene tutte le cose che popolano il mondo. Non sanno che la pioggia è un fenomeno naturale, come i lampi e i fulmini, non sanno che il buio è solo l'assenza di luce e danno un volto...
Bambino

Come gestire l'egocentrismo nei bambini

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.