Come gestire i capricci dei bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Gestire i capricci dei bambini può essere molto difficile. Oggi i bambini sono attirati da molte cose e in una società in cui i prodotti telematici sembrano prendere il sopravvento, spesso i più piccoli si sentono insoddisfatti e nervosi e questo è fonte di mille capricci. Talvolta i genitori non sanno come gestire i capricci dei bambini e da qui possono partire tante brutte abitudini. Per esempio il continuo accontentare il bambino per ogni cosa è assolutamente errato! Spesso si cede alle lamentele dei bambini per stanchezza o per troppi impegni, e quella volta che si cerca di vietare qualcosa, ecco che i piccoli tiranni cominciano a piangere fino a ottenere ciò che vogliono. A questo punto basterebbe impartire delle regole che aiutano il bambino a crescere armonicamente. Ci vuole autorevolezza ed è importante non cedere se si vuole ottenere il traguardo sperato, ma il lavoro è lungo e faticoso! Ecco che in questa guida alcuni consigli: come gestire i capricci dei bambini.

28

Occorrente

  • pazienza e autorevolezza
38

I capricci dei bambini non devono esaurire le vostre risorse

Di solito i capricci nascono sempre da una esigenza del bambino di avere attenzioni. Molto spesso i bambini sono annoiati, si stancano presto di quello che hanno e se le richieste non vengono accontentate, le loro lamentele diventano più pressanti. A questo proposito si passa ai pianti e alle classiche reazioni tipiche dell'età dei bambini. Riuscire a gestirli è davvero un impresa ardua. Quindi è necessario capire che i capricci non vanno quasi mai assecondati. Infatti, il migliore metodo è, quello di contrastarli. I bambini devono comprendere i "no" ed accettarli.

48

Dovete essere autorevoli

Se per esempio un bambino continua a volere insistentemente qualcosa e non sente più ragioni, passate ad un'altra soluzione: ignoratelo completamente. Andate in un'altra stanza, o, se non potete, invitatelo ad uscire. Con calma conducetelo nella sua stanza e siate sordi ai suoi pianti, non vi spazientite ma cercate di spostare l'attenzione del bambino su qualcosa di diverso. Non sgridatelo, non arrabbiatevi, siate solo decisi a dire no e a mantenete la calma, il vostro atteggiamento lo spiazzerà e capirà che fate sul serio e che non cederete alle sue richieste.

Continua la lettura
58

Non siate vittime delle loro richieste pressanti

Alcuni bambini, tendono a farsi ascoltare usando metodi fisici. Quindi cercano di punire il genitore, con parolacce, o se più piccoli alzando le mani con calci o schiaffi. Ricordate che mai e poi mai vostro figlio deve considerarvi un pari. Non siete un compagno d'asilo e non siete una vittima del loro temperamento. Bloccate sul nascere questi atteggiamenti, fermando gli attacchi con decisione.

68

Non insegnare la violenza

I bambini, attraverso i genitori, imparano a comportarsi con il resto del mondo. Infatti, se oggi alzano le mani su di voi per ottenere qualcosa, domani lo faranno con i loro fratelli, con i loro coetanei. E quando saranno grandi, anche con i loro compagni e figli. Usate la voce e guardatelo fermamente negli occhi. I castighi generano umiliazione, che non ritorna utile, ma talvolta, quando il carattere del bambino è molto forte e intransigente dovete fare di necessità virtù e arrivare a negargli qualcosa a cui lui tiene se continua nel suo atteggiamento.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mai farsi trattare come pari, voi siete anche l'autorità oltre che l'amore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire i capricci dei bimbi quando sei fuori casa

Spesso i bimbi fanno delle sceneggiate, per attirare l'attenzione dei genitori. Altre volte sono dei veri e propri bisogni che dobbiamo soddisfare. Un neonato ha la necessità del latte materno. Non riesce a esprimersi. Perciò piange e urla per farsi...
Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Bambino

Come comportarsi quando il figlio fa i capricci

Spesso il comportamento dei bambini, quando sono piccoli, sono ingestibili e fuori controllo, i loro capricci possono far impazzire anche i genitori più virtuosi. Purtroppo, i capricci sono un percorso naturale della vita, per chi ha bambini piccoli....
Bambino

Come insegnare ai bambini a gestire il loro tempo libero

Per tempo libero s'intende quel momento in cui non si hanno più impegni lavorativi. Quindi, non è altro che un tempo da dedicare a se stessi. Oppure ad attività piacevoli e rilassanti. Tuttavia, a volte si finisce per far diventare routine anche questo...
Bambino

5 cosa da fare se il tuo bimbo fa i capricci

In questa guida, passo dopo passo, spiegherò 5 cosa da fare se il tuo bimbo fa i capricci. Si sa che i capricci dei bambini per te che sei adulto rappresentano senza dubbio comportamenti prevedibili ma comunque non facili da gestire ed anche difficili...
Bambino

5 strategie per gestire i bambini vivaci

I bambini sono un dono meraviglioso nella vita di una coppia. Quando arrivano i bambini in una casa tutto si stravolge e cambia in base alle loro esigenze. Ovviamente ogni bambino ha il suo carattere e il suo modo di fare, ma comunque in un modo o nell'altro...
Bambino

5 trucchi contro i capricci

I capricci dei bambini mettono a dura prova tutti i genitori, anche quelli più pazienti. A seconda dell’età del bambino, il capriccio può assumere diversi significati: può servire per affermare la propria personalità, per mettere in discussione...
Bambino

Come gestire le paure dei bambini

Tutti i bambini hanno paura, si sa. Questo perché non conoscono ancora bene tutte le cose che popolano il mondo. Non sanno che la pioggia è un fenomeno naturale, come i lampi e i fulmini, non sanno che il buio è solo l'assenza di luce e danno un volto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.