Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Tramite: O2O 04/05/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini nonostante avvertono tali sintomi non ammettono di esserlo, quindi, di aver bisogno di un riposino. A questo punto è compito dei genitori di captare e soprattutto gestire i segali di stanchezza e nervosismo. Di seguito vi spiegherò come gestire i bambini nervosi e stanchi.

26

Occorrente

  • Stanza vuota
36

Il primo importante passo da compiere è cercare di captare i segnali di difficoltà e di malessere che i bambini stanno cercando di comunicare attraverso capricci e lamentele. Se il bambino è stanco inizia ad avere delle crisi di pianto, ad essere aggressivo con genitori o altri bambini, essere svogliato a scuola e sente, anche, il desiderio di addormentarsi spesso. Come gestire questo sintomo di stanchezza? Se il bambino è pallido ed inizia ad appisolarsi ovunque ciò che bisogna fare, in primis, è un'analisi del sangue approfondita per cercare di capire il perché. Ciò può derivare da una mancanza di ferro oppure il bambino ha bisogno di stare più tempo all'aria aperta perché una bella giornata riesce ad dare più gioia al suo (ma anche agli adulti) umore. Bisogna specificare, anche, che i bambini di oggi hanno un'agenda piena di impegni: palestra, piscina, corso di musica, calcio, danza. Quindi, bisogna ridurre i loro impegni quotidiani.

46

Per quanto riguarda il nervosismo come bisogna gestirlo? Anche in questo caso bisogna stare attenti a captare le cause che i bambini stanno manifestando. I bambini nervosi possono avere diversi sintomi: scatti d'ira, mancanza di attenzione da parte di qualcuno, la noia e la fame. Come bisogna comportarsi? Non è semplice. Come prima cosa bisogna stargli accanto, utile sono le parole di conforti e qualche abbraccio proprio per fare capire la nostra presenza e cercare di rassicurarli sempre in qualsiasi momento. Di solito, è consigliabile la sera prima di andare a dormire bere la classica camomilla (senza zucchero) per rilassare i nervi. Se invece i bambini sono nervosi di carattere bisogna incitarli a fare qualche sport, in modo da scaricare la loro rabbia. Sono utili anche esercizi di rilassamento. Se vediamo, dopo diversi tentativi, che il bambino continua ad essere nervoso è utile portarlo in una stanza e fargli capire che non deve comportarsi così perché il suo è un comportamento inaccettabile, quindi, di stare solo per per calmarsi.

Continua la lettura
56

Questi sono i consigli utili per gestire il nervosismo e stanchezza nei bambini. Inoltre, in entrambi i casi bisogna adottare uno stile di vita adatto al bambino, non bisogna solo pensare a noi. Bisogna mettere al primo posto il benessere del bimbo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire l'egocentrismo nei bambini

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio...
Bambino

5 consigli per gestire la frustrazione dei bambini

In questa lista vedremo 5 consigli utili per gestire la frustrazione nei bambini. Il pianto è un meccanismo di comunicazione fondamentale nei bambini. Con la crescita si trasforma In un modo per comunicare la sua insoddisfazione verso qualcosa o una...
Bambino

Come gestire l'ansia dei bambini

Spesso può capitare che i bambini soffrano di ansia dovuta a motivi particolari che creano in loro spavento e paura. Quest'ansia generalmente va via dopo poco, ma se si prolunga o comincia a interferire con le normali attività quotidiane del bambino...
Bambino

Come calmare bambini iperattivi

I bambini che definiamo "iperattivi" presentano delle particolari caratteristiche. Hanno infatti difficoltà a stare fermi o seduti. Inoltre si mostrano quasi sempre agitati e vivaci. Un bambino iperattivo incontra qualche difficoltà evidente anche nello...
Bambino

Come riconoscere i tic nei bambini

I tic nervosi sono dei movimenti incontrollabili, improvvisi ed involontari che si ripetono sempre uguali. Nascono quasi sempre sin dall’infanzia, come gesti di rassicurazione, però con il tempo possono diventare molto complessi e fastidiosi e interferire...
Bambino

Come gestire due bimbi piccoli

Come sapete, gestire due bimbi piccoli in casa non è mai facile, soprattutto quando si tratta di bambini iperattivi o irrequieti. Di seguito alcuni consigli utili per tutte quelle giovani mamme o baby sorger che si dovessero trovare a fronteggiare una...
Bambino

Come gestire il raffreddore nei neonati

I classici sintomi del raffreddore per grandi e piccoli sono il naso chiuso, il muco, gli starnuti e gli occhi arrossati. Bisogna sempre prestare molta attenzione nel proteggere il bimbo dagli eventuali colpi d'aria indesiderati o dall'opportunità di...
Bambino

Bimbi: come gestire la paura degli estranei

I bambini, è risaputo, hanno bisogno dell'appoggio e degli insegnamenti dei genitori per imparare cose nuove ma soprattutto per superare le proprie paure. Una di queste, tra le più diffuse nei bambini, è la paura degli estranei che mi manifesta spesso...