Come gestire dei bambini impertinenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In questa guida andremo ad analizzare come poter gestire quei bambini che si dimostrano impertinenti, ovvero, con doti caratteriali quali l'aggressività, la maleducazione e la disobbedienza.Piccoli atteggiamenti, alcuni gesti,comportamenti singolari nei confronti di altri bambini potranno far accendere in voi un campanello d'allarme. Per fortuna spesso l'impertinenza riguarda i più piccoli e basteranno alcune semplici accortezze, da parte dei genitori, per riportare anche i caratteri più ribelli in livelli di guardia. Facciamo un passo avanti e vediamo com'è consigliabile comportarsi.

24

Prima di tutto cercate di capire se, il bambino, si dimostra impertinente in particolari occasioni o circostanze e se lo fa sporadicamente o, piuttosto, in maniera ripetuta. Mettete delle regole e siate rigidi affinché vengano rispettate. Se vi mostrerete arrendevoli quest'ultimo prenderà, in breve tempo, il sopravvento in quanto capirà, dalla vostra leggerezza, che le regole imposte possono essere trasgredite.

34

Non vi si chiede di usare il pugno duro con il pargolo, ma di mettervi sempre nella condizione di far capire ad egli chi comanda. Un buon metodo potrebbe essere quello di fissare delle scadenze, al termine delle quali, vostro figlio, dovrà aver svolto compiti o mansioni da voi imposte. Potete porre lui dei limiti di orario intimandogli di togliergli qualcosa se non rispetterà i tempi come, ad esempio, la paghetta, se in eta'leggermente più adulta. Concordate le regole insieme, ponete delle linee guida ma, una volta fatto, siate inflessibili e non rimangiatevi mai la parola. Se fisserete una regola, insieme a vostro figlio, sarà più stimolante anche per lui rispettarla.

Continua la lettura
44

Ricordate sempre che regole e rigidità saranno alla base del completo recupero caratteriale di vostro figlio ma, talvolta, anche premiarlo potrà non risulterà sbagliato. Fatelo quando vi accorgerete che sta un linguaggio educato o se svolgerà un compito, da voi richiesto, nei tempi previsti. Seguite questa guida e vedrete che, l'impertinenza di vostro figlio, si attenuerà fino a trasformarsi in educazione facendo di vostro figlio un giovane modello. Si tiene a ricordare come questi siano semplici consigli quali sarebbe sempre meglio far seguire una visita da un medico specializzato che potrà, con le sue competenze, agevolare ancor più, dove possibile, il compito di voi genitori alle prese con questo non facile problema caratteriale.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini a gestire il loro tempo libero

Per tempo libero s'intende quel momento in cui non si hanno più impegni lavorativi. Quindi, non è altro che un tempo da dedicare a se stessi. Oppure ad attività piacevoli e rilassanti. Tuttavia, a volte si finisce per far diventare routine anche questo...
Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Bambino

Come gestire i capricci dei bambini

Gestire i capricci dei bambini può essere molto difficile. Oggi i bambini sono attirati da molte cose e in una società in cui i prodotti telematici sembrano prendere il sopravvento, spesso i più piccoli si sentono insoddisfatti e nervosi e questo è...
Bambino

Come gestire le paure dei bambini

Tutti i bambini hanno paura, si sa. Questo perché non conoscono ancora bene tutte le cose che popolano il mondo. Non sanno che la pioggia è un fenomeno naturale, come i lampi e i fulmini, non sanno che il buio è solo l'assenza di luce e danno un volto...
Bambino

Come gestire l'egocentrismo nei bambini

Intorno ai 18-24 mesi i bambini iniziano a sviluppare forme più o meno accentuate di egocentrismo che li porta a pensare di essere al centro di tutto e che tutto gli appartenga. È una fase molto delicata che i genitori devono cercare di gestire al meglio...
Bambino

5 consigli per gestire la frustrazione dei bambini

In questa lista vedremo 5 consigli utili per gestire la frustrazione nei bambini. Il pianto è un meccanismo di comunicazione fondamentale nei bambini. Con la crescita si trasforma In un modo per comunicare la sua insoddisfazione verso qualcosa o una...
Bambino

Come gestire i primi amori dei bambini

Come gestire i primi amori dei bambini? Stiamo parlando di eventi in grado di darci tenerezza e sorrisi. I primi formicolii sentimentali possono commuoverci e riportarci indietro nel tempo, facendoci rivivere le nostre esperienze dell'età scolastica,...
Bambino

Come gestire la paura del buio nei bambini

Una delle fobie più diffuse e più grosse dei bambini è ovviamente la paura del buio. Tutti i bambini ne soffrono o ne hanno sofferto e se non tutti un buon 90% si, tutti per motivi eterogenei. I bambini, il buio, lo vedono come qualcosa di sconosciuto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.