Come farsi prendere sul serio dai propri figli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Per un genitore non è sempre facile riuscire a farsi prendere sul serio dai propri figli. Qui spero di fornirvi qualche consiglio utile su come agire.
Il ruolo del genitore necessita di una grande sensibilità per instaurare un rapporto di fiducia e per far comprendere al bambino che le regole imposte sono a fine di bene.

Nel scelte educative inoltre è importante tenere conto del fatto che ogni bambino ha il proprio carattere e quindi bisogna trovare il modo più adatto per creare un confronto e un dialogo.

28

Comportarsi da genitori e non da amici

In una società nella quale i modelli di comportamento propongono di instaurare un rapporto paritario con il bambino o con l'adolescente, si ha sempre più la tendenza a mostrarsi "amici" dei propri figli.
Ma il rischio è proprio quello di non riuscire a impartire le proprie regole nel modo corretto, e di non essere presi sul serio.
È necessario mantenere dunque una netta distinzione dei ruoli reciproci, ed è necessario separare il momento del gioco o dello svago, durante il quale l'adulto può porsi sullo stesso piano comunicativo del bambino, rispetto ai momenti di gestione ordinaria.
Essere genitori "divertenti" è un modo per creare affiatamento con il proprio figlio, ma è bene che il bambino possa riconoscere senza dubbi il momento in cui è necessario essere seri.

38

Proporre regole chiare e coerenti

È bene essere sempre precisi nell'imporre delle regole, anche perché i bambini hanno un'ottima memoria e si confondono se ricevono istruzioni contraddittorie, oppure se i due genitori hanno linee educative diverse.
È indispensabile che entrambi i genitori forniscano la stessa risposta, per essere credibili.
Altrimenti il ragazzo potrebbe finire per distinguere i ruoli di genitore "buono" e di genitore "cattivo". Il risultato sarebbe che il bambibo non prenderebbe più sul serio le decisioni del genitore "buono". Oppure che tenderebbe a contrastare quelle del genitore "cattivo".

Continua la lettura
48

Spiegare il senso del sì e del no

Un genitore non dovrebbe essere né permissivo né autoritario. Ma dovrebbe riuscire a mostrare quella che psicologi infantili chiamano autorevolezza.
È indispensabile che un NO resti tale, nonostante le insistenze, ai fini della credibilità. Ma è altrettanto indispensabile che il NO non sia l'unica risposta, perché altrimenti subentra la sfiducia, con il rischio che il bambino smetta di chiedere, per non ottenere un rifiuto. Oppure che si ribelli in maniera rigida e senza preoccuparsi delle eventuali conseguenze delle proprie azioni.
Se invece si verifica il caso per cui alla stessa domanda il genitore fornisca una risposta diversa è bene spiegare il "perché" di tale decisione. È bene che il bambino o l'adolescente abbia chiare le differenze per cui hanno ottenuto una risposta diversa.

58

Utilizzare un tono pacato e neutro

L'utilizzo di un tono di voce pacato aiuta il bambino a percepire serenamente la proposta o la regola.
Bisogna lasciare passare la sensazione per cui non si tratta di un'imposizione ma di una normale gestione quotidiana.
In particolare nei momenti di rabbia o di forte stress emotivo, in cui il bambino o il ragazzo perde il controllo, è assolutamente vietato urlare.
Le urla non soltanto non sono di aiuto ma finiscono per minare la fiducia del bambino e la sua capacità di recuperare la calma.
A volte può essere opportuno lasciare al bambino il suo "tempo" per liberarsi dalla rabbia, e per lasciarla scemare.
Si può suggerire di parlarne successivamente, quando si sarà sfogato, e cercare una soluzione insieme per eliminare le cause di disagio.

68

Educare all'autonomia

Lasciare svolgere al bambino alcune attività in piena autonomia è un modo per dimostrare fiducia nelle sue capacità e per migliorare la sua autostima.
Il questo modo egli non solo acquisirà sicurezza ma avrà a sua volta maggiore fiducia nei confronti dell'adulto e delle sue decisioni.
Si sentirà maggiormente motivato nell'accettare le regole.

78

Ascoltare per essere ascoltati

Questo sembra facile ma non lo è affatto.
Un genitore si pone, senza neppure rendersi conto, in una posizione di superiorità nei confronti del figlio.
È come se dicesse: "io ho ragione. Quindi comando io".
Non c'è nulla di peggio per creare disagio e distacco da parte del proprio figlio.
I giovani hanno una forte esigenza di sentirsi ascoltati, di percepire che dall'altra parte c'è una persona che comprende il loro punto di vista.
Ascoltarlo e quindi collaborare per trovare, ove possibile, una soluzione insieme, è il modo migliore per ottenere la fiducia di un figlio.

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

5 modi di fare sport con i figli

Se state cercando delle idee per unire l'utile al dilettevole, ossia fare sport e stare con i propri figli, eccovi di seguito 5 modi di fare sport con i figli a cui forse non avevate pensato. Perché se da un lato lo sport migliora l'umore, la salute...
Famiglia

10 consigli per comunicare la separazione ai figli

In una coppia, la separazione è un momento di grande cambiamento e di forte impatto emotivo. Comunicare la decisione di separarsi ai propri figli può non essere facile ma è necessario.Ecco 10 consigli che possono essere tenuti in considerazione per...
Famiglia

Come organizzarsi con tanti figli da trasportare

Avere una famiglia numerosa, è il sogno di tanti genitori che vogliono avere la casa piena di bambini che corrono ovunque. Gestire più di un bambino pero', non è affatto facile, ed è per questo che bisogna trovare il modo giusto per organizzare ogni...
Famiglia

Come sopravvivere alla carenza di sonno quando i figli non dormono

Dormire è necessario. Ognuno di noi ha bisogno di almeno di sei-otto ore di sonno al giorno per sopravvivere. La scienza fa variare questo fabbisogno in base all'età. Ovviamente otto ore di sonno al giorno sono un toccasana per tutti. Ma sono spesso...
Famiglia

10 passatempi per non far annoiare i figli d'estate

L'estate è un periodo dell'anno meraviglioso in cui anche i bambini hanno l'occasione di dimenticare lo stress e la fatica degli impegni quotidiani e dedicarsi al divertimento. Se non sapete come organizzare l'estate dei vostri bambini troverete sicuramente...
Famiglia

10 idee per il compleanno dei figli

Non esistono parole veramente adatte per descrivere l'importanza dei figli per i genitori. I figli sono il culmine dell'amore di ogni coppia. Si desiderano, si crescono, si educano e si amano. Sono l'impronta che lasceremo nel mondo anche quando non ci...
Famiglia

5 consigli per figli di genitori separati

Quando un amore finisce e si arriva alla decisione che la convivenza non è più sostenibile, l'unica strada percorribile sembra essere quella della separazione. Purtroppo in molti casi, la separazione provoca una serie di ripercussioni negative non solo...
Famiglia

Come motivare i figli a fare i compiti delle vacanze

Quando arriva l'estate i nostri figli non vedono l'ora di divertirsi. Giornate al mare con gli amici, sveglia tardi al mattino e relax. Sono queste le loro priorità. Nulla che abbia a che vedere con la scuola o con i libri. Se potessero, ci accenderebbero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.