Come fare se il bambino non si attacca al seno

Tramite: O2O 12/06/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

La nascita di un bambino costituisce sempre un'esperienza emozionante per ogni genitore. Talvolta, sin dai primi giorni di vita del neonato, insorgono alcuni problemi che possono creare ansia nella neo mamma. Può accadere che il piccolo non si attacchi al seno della mamma con facilità e che, la stessa, possa sentirsi incapace di allattare e anche frustrata. In alcuni casi il problema può essere dovuto alla nascita prematura del neonato, il quale ancora troppo piccolo e debole, viene tenuto in incubatrice e non è in grado di essere attaccato al seno. In altre situazioni, un trauma da parto o una malformazione del palato del neonato possono rendere problematica la suzione. In realtà, a meno che non siano presenti problematiche particolari, attaccare al seno un neonato, non è una cosa molto complicata.
Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come fare se il bambino non si attacca al seno.

27

Occorrente

  • Pazienza e dolcezza
37

Piccolo intervento chirurgico per capezzoli non idonei

Se si desiderate allattare il vostro piccolo e siete consapevoli di avere dei capezzoli non idonei, potete ricorrere ad un piccolo intervento che consenta di migliorare la situazione, sia dal punto di vista estetico, che funzionale. Talvolta alcuni massaggi e delle opportune manipolazioni, possono rivelarsi sufficientemente utili. Ma anche quando la mamma ha un seno normale e dei capezzoli perfetti, può accadere che il piccolo non si attacchi ala seno.

47

Premere la bocca del bambino ed inserire il dito indice

Il metodo più efficace consiste nel premere la bocca del bambino sul seno accostandovela e, nell'inserire il dito indice nella sua bocca, invitandolo ad aprirla dolcemente. In questo modo il neonato si troverà con il capezzolo nella bocca e, in maniera spontanea, inizierà a succhiare il colostro. Per favorire la suzione massaggiate il seno ed applicate qualche spugnatura calda prima di attaccare il piccolo; il latte fluirà con maggior facilità, ed anche il bambino più pigro, o leggermente prematuro, riuscirà a succhiare il latte dal seno senza difficoltà.

Continua la lettura
57

Sollecitareil risveglio del bambino solleticandolo sotto ad un piedino

Qualora il neonato si addormenti dopo pochi secondi, smettendo di succhiare, vi basterà stimolarne il risveglio, solleticandolo sotto ad un piedino. La suzione è un processo naturale ed istintivo, presente in ogni essere umano o mammiferi e generalmente le prime difficoltà vengono superate senza troppi problemi. Non scoraggiatevi ma insistete con la tecnica descritta e, dopo pochi tentativi, il piccolo si attaccherà al seno.

67

Conclusioni

I problemi di un non corretto attacco al seno sono causa di ferite al capezzolo dette ragadi. Le ragadi sono molto dolorose, dato che si tratta di piccoli tagli, a volte sanguinanti quindi soggetti ad infezione e anche probabile insorgenza della mastite. Si consiglia, quindi di preparare il capezzolo con esercizi di stiramento e/o applicazioni di alcool. Per prevenire le ragadi ci vuole una corretta tecnica di allattamento che eviterà al vostro bambino di non attaccarsi al seno, dato che queste ultime non permettono di estrarre sufficientemente il latte.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta un solo seno

Quando una mamma si trova ad affrontare il periodo dell'allattamento, può accadere che il neonato si rifiuti di iniziare a poppare. Nonostante le insistenze, in molti casi, l'unico risultato è quello di far piangere il neonato; questo può comportare...
Bambino

Allattamento al seno: posizioni e consigli utili

L'allattamento al seno ha molti benefici per il bambino, in quanto è ricco di sostanze nutritive e contiene gli anticorpi che aiutano a proteggerlo dalle infezioni; inoltre, può anche aiutare a prevenire la sindrome della morte improvvisa infantile...
Bambino

Ragadi al seno: come si presentano

In questa breve guida cercheremo di fornirvi alcuni utili consigli riguardanti le ragadi al seno. Si tratta di un effetto collaterale, che si presenta durante la fase di allattamento del neonato. Nello specifico, ci occuperemo di vedere e di conoscere...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta il cucchiaio

Lo svezzamento comporta il drastico passaggio dal seno materno al contatto con un oggetto come il cucchiaio estraneo alla quotidianità del bambino. La reazione del piccolo è del tutto normale e non deve destare preoccupazione. Se il bambino rifiuta...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta le pappe

Dopo il periodo dell'allattamento al seno, segue quello dello svezzamento. Alcuni bambini non presentano particolari problematiche in questo importante passaggio, dimostrandosi ben disposti e collaborativi. Altri invece proprio non riescono ad adattarsi...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta il biberon

Finalmente un bimbo, piacevole presenza nell'ambito familiare, con i suoi capricci, i suoi gridolini, le sue richieste, a volte diventa impresa non facile acquietarlo, oppure addormentarlo, o i suoi rifiuti. In questa piccola guida cerchiamo di capire...
Bambino

Come stimolare gli ormoni per la produzione di latte materno

Una delle cose più naturali che la vita può riservare ad una donna è l'allattamento al seno. Questo oltre a nutrire il bambino, consente di creare con lui un rapporto speciale fatto di contatto, amore e nutrimento. Significa alimentarlo in ogni senso,...
Bambino

Cosa fare se il bambino non beve il latte

Il latte è da sempre considerato l’alimento numero uno per la crescita e lo sviluppo dei bambini, soprattutto per quelli più piccoli. Infatti, quando ci si trova di fronte ad un bimbo che non lo beve, ecco che s'insinua il panico. Nei passi seguenti...