Come fare se il bambino non si attacca al seno

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La nascita di un bambino costituisce sempre un'esperienza emozionante per ogni genitore. Talvolta, sin dai primi giorni di vita del neonato, insorgono alcuni problemi che possono creare ansia nella neo mamma. Può accadere che il piccolo non si attacchi al seno della mamma con facilità e che, la stessa, possa sentirsi incapace di allattare e anche frustrata. In alcuni casi il problema può essere dovuto alla nascita prematura del neonato, il quale ancora troppo piccolo e debole, viene tenuto in incubatrice e non è in grado di essere attaccato al seno. In altre situazioni, un trauma da parto o una malformazione del palato del neonato possono rendere problematica la suzione. In realtà, a meno che non siano presenti problematiche particolari, attaccare al seno un neonato, non è una cosa molto complicata.
Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come fare se il bambino non si attacca al seno.

27

Occorrente

  • Pazienza e dolcezza
37

Piccolo intervento chirurgico per capezzoli non idonei

Se si desiderate allattare il vostro piccolo e siete consapevoli di avere dei capezzoli non idonei, potete ricorrere ad un piccolo intervento che consenta di migliorare la situazione, sia dal punto di vista estetico, che funzionale. Talvolta alcuni massaggi e delle opportune manipolazioni, possono rivelarsi sufficientemente utili. Ma anche quando la mamma ha un seno normale e dei capezzoli perfetti, può accadere che il piccolo non si attacchi ala seno.

47

Premere la bocca del bambino ed inserire il dito indice

Il metodo più efficace consiste nel premere la bocca del bambino sul seno accostandovela e, nell'inserire il dito indice nella sua bocca, invitandolo ad aprirla dolcemente. In questo modo il neonato si troverà con il capezzolo nella bocca e, in maniera spontanea, inizierà a succhiare il colostro. Per favorire la suzione massaggiate il seno ed applicate qualche spugnatura calda prima di attaccare il piccolo; il latte fluirà con maggior facilità, ed anche il bambino più pigro, o leggermente prematuro, riuscirà a succhiare il latte dal seno senza difficoltà.

Continua la lettura
57

Sollecitareil risveglio del bambino solleticandolo sotto ad un piedino

Qualora il neonato si addormenti dopo pochi secondi, smettendo di succhiare, vi basterà stimolarne il risveglio, solleticandolo sotto ad un piedino. La suzione è un processo naturale ed istintivo, presente in ogni essere umano o mammiferi e generalmente le prime difficoltà vengono superate senza troppi problemi. Non scoraggiatevi ma insistete con la tecnica descritta e, dopo pochi tentativi, il piccolo si attaccherà al seno.

67

Conclusioni

I problemi di un non corretto attacco al seno sono causa di ferite al capezzolo dette ragadi. Le ragadi sono molto dolorose, dato che si tratta di piccoli tagli, a volte sanguinanti quindi soggetti ad infezione e anche probabile insorgenza della mastite. Si consiglia, quindi di preparare il capezzolo con esercizi di stiramento e/o applicazioni di alcool. Per prevenire le ragadi ci vuole una corretta tecnica di allattamento che eviterà al vostro bambino di non attaccarsi al seno, dato che queste ultime non permettono di estrarre sufficientemente il latte.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assicurarsi di un corretto attacco al seno
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire se il bambino mangia bene al seno

Se non ci sono particolari problemi, l'allattamento materno è quello più idoneo per il lattante. Il latte, infatti, composto di acqua, proteine, grassi, zuccheri, sali, vitamine, è completo dal punto di vista nutritivo, facilmente digeribile dal neonato...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta un solo seno

Quando una mamma si trova ad affrontare il periodo dell'allattamento, può accadere che il neonato si rifiuti di iniziare a poppare. Nonostante le insistenze, in molti casi, l'unico risultato è quello di far piangere il neonato; questo può comportare...
Bambino

Come mantenere le poppate al seno

Arriva un momento in cui la straordinaria esperienza dell'allattamento al seno finisce. In questi casi si deve educare il piccolo a bere dal biberon e a mangiare le prime pappe. È un passaggio fondamentale della vita e della relazione fra mamma e bambino....
Bambino

Attaccare il neonato al seno: 5 regole da seguire

Il desiderio di quasi ogni mamma è quello di riuscire ad allattare al seno il proprio bambino e di far sì che questo momento sia piacevole e positivo per entrambi, ma per far in modo che questo accada bisogna attaccare correttamente il neonato al seno...
Bambino

Come intervenire sulla mastite al seno

La mastite rappresenta un'infiammazione che colpisce generalmente le donne che allattano al seno. In particolare può subentrare in qualsiasi donna nei primi sei mesi di allattamento al seno, a causa dell'ostruzione per vari motivi di uno dei condotti...
Bambino

Allattamento al seno: 10 cose da sapere

Diventare madre è il dono più bello che la vita possa regalare ad una donna. È la più alta espressione della femminilità che non eguaglia nulla al mondo. Una madre instaura un rapporto di amore col proprio figlio che va oltre qualsiasi immaginazione....
Bambino

Come rassodare il seno in modo naturale

Molto spesso le donne sognano di avere un bel décolleté. In alcuni casi si è dotati di un seno fin troppo voluminoso che a lungo andare rischia d'incurvare le spalle. Ci sono altre circostanze, invece, in cui una donna presenta un seno leggermente...
Bambino

Ragadi al seno: come si presentano

In questa breve guida cercheremo di fornirvi alcuni utili consigli riguardanti le ragadi al seno. Si tratta di un effetto collaterale, che si presenta durante la fase di allattamento del neonato. Nello specifico, ci occuperemo di vedere e di conoscere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.