Come fare se il bambino ha la gola infiammata

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Come curare il mal di gola e riconoscerne la causa per poterla trattare in modo adeguato? La soluzione migliore è senza dubbio quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia, che possa visitare voi o vostro figlio e prescrivere la giusta terapia. Ad ogni modo, nel caso in cui ci si dovesse accorgere che il proprio bambino ha la gola infiammata, innanzitutto non bisogna farsi prendere dal panico e valutare, a seconda della gravità del fastidio, la soluzione più appropriata da adottare. I bambini, soprattutto quelli in età prescolastica e scolastica, sono di gran lunga più esposti degli adulti a virus e batteri, in quanto frequentano asili, scuole e ludoteche dove proliferano agenti patogeni veicolati dai coetanei, pertanto nella maggior parte dei casi il problema non è grave ed è facilmente risolvibile. Con i passaggi seguenti ci occuperemo di capire come e cosa fare se il vostro bambino ha la gola infiammata. Prima di iniziare, però, ricordatevi che vi daremo solamente consigli di carattere generale e che l'unica soluzione per trattare in modo efficace e sicuro il problema è quello di rivolgersi al medico.

25

Conoscere le cause

Per cominciare è bene sapere che le infiammazioni alla gola nei bambini colpiscono almeno tre o quattro volte all'anno, provocando dei piccoli disturbi e dolori a volte insopportabili per il piccolo. Nella maggior parte dei casi, comunque, non si tratta di nulla di preoccupante e se viene curato a dovere il problema si risolverà in brevissimo tempo. Gli agenti patogeni contratti, superando la barriera naturale protettiva delle tonsille, infiammano la gola, rendendola secca, edematosa (gonfia), causando quindi difficoltà nella deglutizione e, in alcuni casi più gravi, la comparsa di placche e febbre.

35

Distinguere il pianto

Se il bambino è sufficientemente grande si lamenterà esplicitamente di provare fastidio e dolore alla gola, ma come si può fare per capire i sintomi nei neonati? Si sa che i bambini molto piccoli piangono spesso, tuttavia occorre distinguere le diverse tipologie di pianto: se questo è causato da un dolore intenso o anche solo da un fastidio, come può essere quello legato a infiammazione della gola, il pianto risulterà decisamente acuto e breve, alternando momenti di apnea per poi esplodere strillante. Se invece il vostro bambino ha semplicemente fame, per esempio, il suo pianto sarà continuo e alternato da pause in cui il piccolo metterà i pugnetti in bocca. È dunque utile, nel primo caso, tastare le varie parti del corpo del neonato per trovare la causa del dolore, percepire eventuali rigonfiamenti e controllare l'interno della gola. Qualora si avessero dei dubbi è bene consultare il proprio pediatra di fiducia.

Continua la lettura
45

Conoscere i rimedi

I rimedi si differenziano a seconda della gravità dell'infiammazione e della sua causa: se si notano delle placche di colore grigio/bianco sulle tonsille, spesso accompagnate da febbre, il mal di gola potrebbe avere origine batterica e dunque occorre la somministrazione di un antibiotico specifico per i tessuti molli (in genere l'amoxicillina): in questo caso il farmaco necessita di prescrizione, pertanto sarà necessario far visitare il bambino dal pediatra. Se l'origine dello stato doloroso è invece di origine virale, la terapia si orienta su farmaci antinfiammatori per alleviare i sintomi, su disinfettanti della mucosa orale e su strategie per aumentare le difese immunitarie del bambino. Ad ogni modo, è bene ricordare che sarà il pediatra stesso a distinguere le varie patologie e a prescrivere il farmaco più adatto al caso. Infine, è bene sapere che esistono diversi tipi di metodi per irrobustire le difese già presenti nell'organismo: in primis si raccomandano riposo e ore di sonno per evitare il più possibile uno stress al corpo già naturalmente impegnato a combattere il virus. Inoltre è consigliato mantenere la gola al caldo utilizzando una sciarpa. I rimedi per rafforzare le difese del bambino si dividono principalmente in tre categorie. I primi sono quelli naturali, ovvero frutta, verdura, fermenti lattici come lo yogurt e probiotici di origine naturale. Ci sono poi quelli erboristici, come tisane, bustine effervescenti, barrette energetiche; infine quelli omeopatici, ovvero l'oscillococcinum (dolce e dal far sciogliere sotto la lingua).

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Caldo, riposo, vitamine, agrumi, rimedi naturali e omeopatici, consulto del pediatra
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare se il bambino russa

Uno dei disturbi più comuni di cui soffrono i bambini, sia quelli molto piccoli che quelli più grandi, è il fatto di russare quando dormono. Molta gente pensa che russare durante il sonno sia un disturbo riguardante soltanto la popolazione adulta,...
Bambino

Come intrattenere il bambino mentre fa il bagnetto

Avere un bambino in casa, è sicuramente una gioia per ogni genitore, ma ogni bambino, soprattutto se neonato o comunque molto piccolo, richiede attenzioni. Un bambino piccolo è una grossa responsabilità e necessita di tante cure. Le cure da dedicare...
Bambino

Come creare dei giochi montessoriani per il tuo bambino

L'educazione di un bambino è molto importante, soprattutto durante la tenera età, quando il bambino comincia ad apprendere tutto ciò che lo porterà a vivere bene nel mondo. È importante anche che un bambino impari a muoversi nella maniera corretta,...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta il cucchiaio

Lo svezzamento comporta il drastico passaggio dal seno materno al contatto con un oggetto come il cucchiaio estraneo alla quotidianità del bambino. La reazione del piccolo è del tutto normale e non deve destare preoccupazione. Se il bambino rifiuta...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta i cibi solidi

Prenderci cura del nostro bambino è un qualcosa di molto importante se vogliamo che il nostro bimbo cresca forte e sano. Se il nostro bimbo si rifiuta di mangiare dei cibi solidi, dovremo adottare alcuni validi accorgimenti per riuscire a far mangiare...
Bambino

Tutto quello che non puó mancare con un bambino in casa

Prepararsi alla nascita di un bambino e all'arrivo di nuovo membro della famiglia, è un lavoro abbastanza complesso. I nuovi genitori devono abituarsi a cambiare drasticamente tutte le loro abitudini, pensando a tutto il necessario che occorre per potersi...
Bambino

Come mandare nel proprio letto un bambino

Difficilmente il bambino è contento di cambiare le sue abitudini, per questo il momento di andare nel proprio letto, diventa molto complicato. Per non commettere il più comune degli errori dei genitori, cioè quello di lasciarli dormire con sè nel...
Bambino

5 risposte efficaci al pianto di un bambino

Il pianto è il mezzo di comunicazione con cui un bambino, specie in tenerissima età, esprime le proprie sensazioni verso determinati stimoli. Considerate che mediamente, almeno nei primi mesi di vita, un bebè piange da due a tre ore al giorno. Se il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.