Come fare se il bambino ha difficoltà ad esprimersi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Educare un bambino e prendersene cura non è mai semplice, le difficoltà a cui un genitore va incontro sono moltissime e difficilissime, e non si è mai preparati a sufficienza. In questa guida vedremo come fare se il bambino ha difficoltà ad esprimersi, attraverso pochi e pratici passaggi. Specialmente le femminucce hanno una predisposizione alla parola molto più celere dei maschietti tuttavia, non è una regola fissa e ogni soggetto si esprime secondo la sua tempistica. Ci sono bambini più lenti degli altri nel linguaggio soprattutto se sono nati prematuri e sotto peso ma in genere, dopo i due anni di età, riescono a farsi comprendere anche se a modo loro. La cosa basilare, se notate questo disturbo, è quella di non storpiare le parole altrimenti il bambino si adeguerà a quel tipo di linguaggio ma parlate esattamente come fareste con un adulto.

24

Le malattie infantili

In alcune malattie infantili, infatti, rientra proprio la difficoltà di esprimersi che potrebbe essere una semplice forma di ritardo rispetto agli altri bambini o altre patologie su cui indagare attentamente. Il pediatra vi indirizzerà verso un neuropsichiatra infantile che provvederà a far eseguire al piccolo, una serie di accertamenti. Otiti acute, infatti, potrebbero portare alla parziale perdita dell'udito e provocare l'Ipoacusia e quindi c'è bisogno dell'apporto di un otorinolaringoiatra che curi questa patologia. Una grave forma della mancanza di linguaggio si riscontra anche nei bambini autistici e, in questo caso, bisogna effettuare indagini molto più approfondite.

34

La difficoltà di linguaggio

Non sempre ovviamente la difficoltà di linguaggio è dovuta a forme di malattia così estreme ma potrebbe trattarsi anche di leggeri disturbi di comportamento che portano il bambino a non volersi staccare dalla propria madre con la quale ha un legame affettivo di tipo morboso e, in tal caso, è necessario eliminare alcuni comportamenti come dormire nel lettone o dare il latte con il biberon.

Continua la lettura
44

Difetto di pronuncia

Dopo aver svolto qualche seduta dallo psicologo, ci si può rivolgere ad un logopedista che con la sua professionalità provvederà a correggere questo difetto del piccolo. Ricordate sempre ed in ogni caso che mai bisogna sgridare vostro figlio per un difetto di pronuncia o perché non si esprime bene, né ossessionarlo con continue correzioni, perché invece di aiutarlo finireste per peggiorare la situazione. Purtroppo avere a che fare con i bambini non è facile, soprattutto quando hanno alcuni problemi e non si sa come risolverli da soli.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
Bambino

Neonati prematuri: le principali difficoltà

Ogni anno nel nostro paese nascono molti neonati prematuri, circa il 6-7% delle nascite. Si tratta di bambini che vengono alla luce con parto pretermine, prima cioè della trentasettesima settimana di gravidanza a causa di diversi fattori di varia natura....
Bambino

Le principali difficoltà del neopapà

Dopo nove mesi, finalmente puoi stringere tra le braccia tuo figlio. E adesso? Davanti ad una vita che comincia è normale provare amore, gioia, commozione, ma anche spaesamento e timore di non essere all'altezza, visto che una nascita comporta grandi...
Bambino

Come insegnare a parlare ad un bambino

L'acquisizione del linguaggio è una delle tappe fondamentali nella vita di un bambino. Alcuni genitori possono essere disorientati o addirittura spaventati temendo di non essere in grado di insegnare a parlare ai propri figli. In questa guida illustrerò...
Bambino

Lo sviluppo cognitivo del bambino da 0 a 3 anni

Con il termine " sviluppo cognitivo" si intende il progressivo crescere e rafforzarsi dell'attività intellettuale. I processi alla base dello sviluppo cognitivo durante i primi anni di vita sono due: la ripetizione di attività che il bambino già conosce...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Come gestire un bambino che dice parolacce

L'educazione di un bambino è una faccende sempre molto importante, e un buon genitore lo sa. Tutti lo sanno. Da come lo educhiamo, potremo deciderne che tipo di persona diverrà. Per questo bisogna premiare i comportamenti corretti e punire quelli sbagliati,...
Bambino

Come Far Interessare Un Bambino Allo Studio

Per alcuni bambini, il passaggio dalla scuola dell'Infanzia alla scuola Primaria può essere un po' traumatico, perché si passa da attività di carattere soprattutto manuali e di gioco, ad attività che richiedono al bambino un certo livello di attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.