Come fare il pongo in casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Attraverso un metodo piuttosto facile ed economico è possibile fare il pongo direttamente in casa. Questo, a differenza di altri materiali, non si secca e, per tale motivo, è sempre riutilizzabile. Nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo proprio di capire come possiamo realizzare il pongo direttamente in casa. Vediamo dunque quale materiale dobbiamo procurarci per il realizzarlo: 4 bicchieri d'acqua, 4 bicchieri di farina, 4 cucchiaini di lievito, che acquisteremo in farmacia chiederemo del Cremor tartaro, 4 cucchiai di olio di oliva e, per finire, 2 bicchieri di sale. Questa pasta modellabile si presenta non appiccicosa, ed è molto facile da pulire; inoltre, possiamo colorarla a nostro piacimento, ma possiamo anche aromatizzarla con dei profumi naturali che troveremo facilmente in commercio.

27

Occorrente

  • 1 bicchiere di sale in polvere
  • 2 bicchieri di acqua tiepida
  • 2 bicchieri di farina
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di cremor tartaro
  • coloranti per alimenti
37

Vediamo dunque come procedere per la preparazione, che è davvero molto semplice. Innanzitutto, all'interno di una casseruola antiaderente mettiamo gli ingredienti, quindi acqua, farina, il Cremor tartaro, l'olio e il sale. Ora, con l'aiuto di un cucchiaio di legno, mescoliamo e amalgamiamo per bene mantenendo la fiamma bassa, e continuiamo così fino che il tutto non si staccherà dalla pentola. Basterà lavorare il composto per 2-3 minuti, quindi dobbiamo toglierlo dal fuoco, mettere il tutto su un tagliere da impasto e lavorare il composto ancora caldo: dobbiamo impastarlo per bene fino a quando non otterremo una sfera completamente liscia.

47

A questo punto possiamo finalmente sfruttare tutta la nostra fantasia, quindi sfruttare i colori, e i profumi che più ci piacciono. Ricordiamoci di indossare dei guanti Lavoriamolo giusto il tempo di amalgamarlo un po', quindi coloriamolo con qualche goccia di colorante alimentare. Useremo, in questo caso, dello zafferano: questo alimento infatti, dà la possibilità di essere conservato in frigorifero per parecchi giorni, chiuso ermeticamente in un contenitore, o in sacchetti di plastica da poter chiudere ermeticamente. Qualora dovesse succedere che la pasta pongo si dovesse seccare, basterà semplicemente inumidire le mani e impastarlo nuovamente. Il bello di questo impasto è che non è tossico e che è realizzato con sostanze genuine, quindi se i nostri bambini dovessero ingerirlo, potremo stare tranquilli sotto questo punto di vista, visto che siamo stati noi stessi a farlo. Il pongo così ottenuto possiamo usarlo già da subito per i nostri lavoretti.

Continua la lettura
57

Con questo pongo fai da te, i nostri bambini potranno dare sfogo a tutta la loro creatività. Inoltre, in fondo stanno giocando con qualcosa di commestibile, perché alla fine di questo si tratta: di certo non lo daremo per cena o merenda, ma sicuramente saremo tranquille. Ora andiamo a vedere meglio quelli che sono altri componenti per poter realizzare il pongo fai da te casalingo: 230 di bicarbonato di sodio,115 grammi di amido di mais, 180 ml di acqua, colorante alimentare. Il procedimento da seguire per realizzare la pasta è esattamente come il precedente, cambiano soltanto gli ingredienti per colorare la vostra palla: quindi prenderemo le gocce che abbiamo scelto, (sempre per alimenti) ne metteremo qualcuna in una tazza, e questo lo aggiungeremo al nostro impasto prima di mettere il tutto sul fuoco: in questo modo la pasta prenderà il suo colore.  

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il cremor tartaro e' un lievito chimico che si trova o nei negozi alimentari ben forniti o nelle farmacie
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Il gioco in condizioni di disabilità

I bambini hanno la necessità di giocare in qualsiasi condizione. In questa guida approfondiremo proprio il tema del gioco in condizioni di disabilità. Al pari dei propri coetanei, anche i ragazzi in condizioni di disabilità hanno il diritto di sviluppare...
Bambino

10 cose da preparare per una festa di Carnevale per bambini

Il Carnevale è la festa per eccellenza in cui divertirsi, mascherarsi, indossare abiti strampalati. Proprio per questo è anche la festa preferita dei bambini, che possono così divertirsi con gli amichetti a tirare coriandoli e ad indossare gi abiti...
Bambino

10 motivi per non dare uno smartphone ai bambini

Al giorno d'oggi, ognuno di noi possiede almeno uno smartphone (i cosiddetti telefonini intelligenti). Esiste una app ormai per tutto: dal meteo al fitness, allo sport e naturalmente intrattenimento e giochi. Oggi si parla di generazione 2.0: i nostri...
Bambino

Le più belle favole Disney da leggere

Da sempre le favole accompagnano la nostra infanzia e rimangono nel nostro cuore anche da adulti. In questa lista citerò le cinque favole Disney più belle: quelle che più hanno segnato la mia infanzia, che mi hanno fatto emozionare e il cui ricordo...
Bambino

5 idee per una serata con bambini piccoli

Trascorrere il tempo libero insieme ai nostri figli è molto importante perché ci permette non solo di instaurare con loro un rapporto solido, ma anche di divertirci dedicandoci ad attività ludiche e creative. Non è sempre facile però trovare attività...
Bambino

Come preparare il bicchiere della calma per bambini

Maria Montessori fu la prima donna a laurearsi in un mondo che praticamente apparteneva solo agli uomini. Fu una grandissima educatrice, tanto che il suo metodo, dal quale deriva il suo nome, viene ancora oggi usato nelle scuole moderne di tutto il mondo,...
Famiglia

Come fare una festa a tema Minions

I Minions sono senza ombra di dubbio i personaggi del momento: protagonisti dei cartoni animati della serie "Cattivissimo Me" e dei sequel "Minions" hanno conquistato con il loro humour dissacrante e la loro simpatia non solo curiosità dei piccini ma...
Bambino

10 idee per giocare con la neve

La neve è un elemento naturale molto amato dai bambini, che vedono in questa candida sostanza una gioiosa occasione di gioco e divertimento. Effettivamente, la neve con la sua morbidezza e sofficità scatena davvero la fantasia e la creatività di grandi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.