Come fare ginnastica ai neonati

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Quando si ha intenzione di far fare ginnastica al proprio bebè, è sempre opportuno iniziare sin dai primi mesi di vita. La manipolazione sul neonato può essere eseguita senza timori e serve per favorire la muscolatura, in modo tale da prepararlo ai primi movimenti e per permettere all'organismo di svilupparsi nel modo più corretto. È opportuno far visitare il bambino dal pediatra per accertarsi che non sia affetto da qualsiasi disturbo prima di procedere con la ginnastica ma una volta allontanato ogni timore è possibile fare tranquillamente esercizi di ginnastica al proprio piccolo, fortificandone il fisico e rendendolo più abile nei primi movimenti. Ma come bisogna fare per eseguire la ginnastica per neonati? In questa guida andremo a vedere alcuni esercizi semplici, per partire correttamente con l'attività fisica, la quale può essere poi gradualmente incrementata con l'avanzare dell'età del neonato.

28

Occorrente

  • Pazienza e delicatezza.
38

Posizionamento del neonato

Nei primi mese di vita, il neonato ha le articolazioni più elastiche. Per eseguire degli esercizi ginnici, è importante stendere il bebè su un tappeto comodo e soffice. Esistono in commercio articoli appositi adatti al bebè in gradi di rendere più facili i movimenti. Il bambino dovrà essere posizionato a pancia sotto perché in questa posizione, il piccolo tenderà subito ad alzare la testa. Questo esercizio permetterà ai muscoli del collo di rinforzarsi e di stendersi nel modo giusto. Attenzione a non cominciare gli esercizi in posizioni scorrette e scomode, che potrebbero arrecare dolore o strappi al neonato.

48

Movimento nei primi mesi

Un altro esercizio utile per i neonati di pochi mesi è da eseguire con la schiena appoggiata al tavolo e con le braccia stese in fuori a croce. Afferrate le due mani e sollevate le braccia sino a portarle ad angolo retto con il corpo. Coricate il piccolo con le gambe unite e le braccia distese, afferrate le caviglie e posizionate l'altra mano dietro la sua piccola nuca. Sollevate lentamente il tronco fino a sedere il bambino e lentamente abbassatelo e riportatelo in posizione di partenza.

Continua la lettura
58

Esercizi in crescita

Quando avrà quattro mesi, potrete fargli fare degli esercizi con le mani, proprio perché i bambini potranno comprendervi di più e capiranno la vostra richiesta. L'esercizio consiste nel fargli afferrare le vostre dita e va fatto per tre volte. Stendete il bambino supino con le braccia e le gambe tese lungo il corpo, fate capire al piccolo di afferrarvi le dita e in automatico il piccolo si solleverà. Portate poi le braccia tese oltre il corpo fino a formare una rotazione e ritornate alla posizione di partenza.

68

Benefici dell'esercizio fisico

Molti genitori hanno quasi paura di prendere il loro bimbo tra le braccia perché lo vedono fragile e delicato, ma in realtà, i piccoli sono più resistenti di quanto si possa realmente pensare. I piccoli apprezzeranno molto questo tipo di stimolazione, perché il movimento li rende più forti e più attenti all'ambiente che li circonda. Inoltre un esercizio fisico quotidiano stimola il deposito del calcio nelle ossa soprattutto nei neonati e li rende quindi più forti e pronti al movimento. In genere i bambini stimolati attraverso l'esercizio fisico fin da piccoli, imparano più velocemente a strisciare, a gattonare e a camminare e presentano una struttura ossea più forte e snodata. Ovviamente, occorre saper dosare gli esercizi, senza affaticare o stressare troppo il vostro piccolo ma se rispettate sempre le regole del buon senso non dovrete mai aver paura di nulla.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di essere delicati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

I giochi da fare con i neonati

I neonati danno moltissima gioia in casa, ma hanno sempre bisogno di stimoli per crescere bene e per apprendere continuamente nuove cose. Un neonato ha dunque bisogno di continue attenzioni e proprio per questo, i giochi, sono la soluzione migliore per...
Bambino

Come pulire il nasino ai neonati

La guida che imposteremo si occuperà, nei prossimi tre passi, di spiegarvi come andare a pulire il nasino ai neonati. Il procedimento, come scoprirete, è piuttosto semplice. Ritengo che questa tematica possa essere particolarmente interessante. Incominciamo...
Bambino

Come scegliere la sdraietta per neonati

I bambini sono una gioia immensa ma hanno bisogno di cura e di moltissimi accessori adatti a loro per vivere al meglio i loro primi anni di vita. I bambini hanno bisogna di ciucci, pannolini, vestitini, passeggini, seggiolini, lettini ma anche di comode...
Bambino

Neonati: come favorire il sonno notturno

Molto spesso, un bambino può non avere alcuna intenzione di prendere sonno. Le motivazioni possono essere le più disparate, dalla televisione ad alto volume al clima troppo caldo. Nella maggior parte delle circostanze, il letto non possiede la comodità...
Bambino

Cosa leggere ai neonati

Il classico stereotipo della favola della buonanotte che spopola nei film, ormai ci insegna che, perlomeno ai bambini dai tre anni in poi, si possono leggere delle favole per farli dormire tranquilli, ma nessuno si pone mai la domanda su cosa leggere...
Bambino

Come proteggere i neonati di inverno

I neonati sono molto più resistenti di quanto solitamente si pensa. Nonostante siano piccoli il loro essere indifesi è solamente apparente. Nonostante questo, ovviamente, in inverno, vanno ben riparati in modo di mantenerli in salute e scongiurare possibili...
Bambino

Come gestire il raffreddore nei neonati

I classici sintomi del raffreddore per grandi e piccoli sono il naso chiuso, il muco, gli starnuti e gli occhi arrossati. Bisogna sempre prestare molta attenzione nel proteggere il bimbo dagli eventuali colpi d'aria indesiderati o dall'opportunità di...
Bambino

Come calmare singhiozzo nei neonati

Tutti sanno che i bambini hanno bisogno di molte cure ed attenzioni per vivere bene ed in salute. Quando si tratta però di bambini appena nati bisogna stare sicuramente ancora più attenti in quanto ogni piccolo problema potrebbe nascondere qualcosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.