Come far felice un neonato di pochi mesi

Tramite: O2O 20/05/2016
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se hai avuto da poco un figlio, innanzitutto ti facciamo le più sincere congratulazioni. Chi ha appena avuto un bambino, dovrà passare quello che viene considerato il periodo più duro della propria vita, con parecchie notti in bianco. Tuttavia, questa fase della propria vita è anche quella maggiormente sorprendente, nonché ricca di soddisfazioni, dal momento che quotidianamente il bambino appena nato farà progressi. Specialmente se è il primo figlio, è importante essere consapevoli che nessuno meglio della neo mamma possa conoscere il proprio figlio, dal momento che si è stati in simbiosi per 9 mesi. Ma giustamente una delle domande che si pone una neo mamma riguarda come far felice un neonato di pochi mesi. In questa semplice ma esauriente guida proveremo, pertanto, a rispondere a questa domanda.

25

La risposta a questa domanda risiede in un semplice concetto. Ossia, l'unico mezzo con il quale il proprio bambino può comunicare con i genitori, durante i suoi primi mesi di vita, è rappresentato dal pianto. Pertanto, è molto importante comprendere fin da subito a che tipo di esigenza è legato quella data modalità di piangere, che sarà differente in caso di fame, di dolore o semplicemente di voglia di coccole. Questi sono i bisogni principali che presenta un neonato e che sono direttamente correlati alla sua felicità.

35

Nelle prime settimane di vita sarà molto difficile, per i neo genitori, comprendere che cosa il bambino ha intenzione di comunicare. Pertanto, è scontato che si dovrà procedere per vari tentativi. In alcuni casi è abbastanza semplice comprendere, per esempio dopo 2 o 3 ore di sonno al suo risveglio probabilmente il neonato tenderà a piangere in maniera molto insistente per il bisogno di nutrirsi. Invece, nel caso di un pianto nervoso ed accompagnato dai movimenti degli arti inferiori verso l'addome, potrebbe indicare uno stato di malessere provocato da una colica facilmente risolvibile tramite un infuso al finocchio e cullandolo a pancia in giù per produrre un sollievo immediato.

Continua la lettura
45

Molto spesso, tra l'altro, potrà anche avvenire che il neonato tenda a piangere esclusivamente e semplicemente perché ha la necessità di un contatto con la figura materna o di riferimento. In questo caso, è buona regola assecondarlo ogni qualvolta lo richiede, senza aver particolar timore di viziarlo. Il luogo comune del vizio c'è stato da sempre inculcato dalle generazioni precedenti, ed è ancora molto diffuso. Ancora oggi, infatti, si sentono nonne che sono dell'opinione di non tenere troppo in braccio i neonati o di non cullarli per tanto tempo. Tuttavia, le moderne scuole di pensiero basano la loro teoria sul fondamento che quando un neonato piange ha bisogno dei genitori, per cui è buona norma non privarlo delle cure richieste con questa esternazione, facendo in modo che possa crescere come un bambino sicuro e con un attaccamento sano nei confronti delle figure genitoriali. Per concludere il discorso, la risposta più semplice alla nostra domanda è che per rendere felice un neonato di pochi mesi sarà sufficiente stare attenti ai suoi bisogni e soddisfarli con il maggior amore possibile.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare il bambino da 0 a 3 mesi a dormire

Il sonno è fondamentale per la serenità del bambino. L'alternanza tra le ore di veglia e quelle dedicate al riposo assicura al piccolo una corretta scansione della giornata. I neo genitori devono quindi aiutare il bambino a trovare il ritmo adeguato...
Bambino

Attività per bambini da 0 a 12 mesi

In questa guida, passo dopo passo, parlerò di una serie di attività per bambini da 0 a 12 mesi. Va detto che nei primi mesi di vita il bambino taglia diversi traguardi. Infatti, la sua graduale acquisizione di nuove competenze passa senza ombra di dubbio...
Bambino

Primi mesi con i gemelli: 5 consigli per sopravvivere

Superato lo shock iniziale, scoprire di aspettare due gemelli è indiscutibilmente una gioia doppia e da quel momento tutto sarà moltiplicato per due. La scelta dei nomi, l'acquisto delle culle, la ricerca di tutine, ciucci e biberon saranno i primi...
Bambino

Cosa mangia un bebè di 12 mesi

Fin dalla nascita, nutrire il bambino è una delle maggiori preoccupazioni dei genitori. Tuttavia, nei primi mesi questo compito è più semplice poiché l'alimentazione dei neonati consiste nell'allattamento materno, artificiale o misto, ma dai sei ai...
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Neonato: le tappe del sorriso

Per qualsiasi genitore al mondo, l'esperienza di avere un figlio nella vita, è quella più bella e indimenticabile. Infatti nel periodo che va dalla fecondazione alla scoperta dell'essere incinta, dall'evolversi dei mesi al parto, multiple sono le sensazioni...
Bambino

Rigurgito neonato: cause e rimedi

Il rigurgito del piccolo neonato è anche chiamato reflusso, ed è uno dei fenomeni che maggiormente preoccupa i genitori nei prima mesi di vita dei loro piccoli. Anche se è un disturbo molto comune, che soltanto in casi molto rari potrà sfociare veramente...
Bambino

Cosa mangia un bebè di 10 mesi

Nel corso della crescita di un bambino, una delle fasi fondamentali, specialmente nei primi mesi, è quella dello svezzamento. Infatti, fin da subito per il neonato non sarà possibile assumere qualsiasi tipo di alimento, ma andrà invece fornita loro...