Come far dormire il bambino nella culla

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando nasce un figlio, la prima cosa che si prova è un immensa felicità. Felicità che però potrebbe essere ostacolata dalle mille difficoltà che ha ogni genitore, a cominciare dalle notti insonni causate dai pianti del bambino. Per preservare la tranquillità dell'intera famiglia, è necessario seguire qualche dritta per potersi organizzare al meglio, superando così gli ostacoli del cammino neonatale. In questa guida ci occuperemo prevalentemente di come far dormire il bambino nella culla, un problema da non sottovalutare ma risolvibile talvolta con facilità.

27

Occorrente

  • Cibi ricchi di serotonina e clorofilla
  • Culla vicino al lettone dei genitori
  • Pazienza
  • Orari fissi
37

Le buone abitudini

Mettere il neonato nella culla fin dall'inizio è una buona abitudine. Potrete posizionarla anche vicino al letto di voi genitori, ma l'importante è che il bambino rimanga all'interno di essa durante la notte. Armatevi di pazienza se vostro figlio non è abituato a tutto ciò; occorrerà del tempo, ma resistete agli eventuali pianti del neonato. Piuttosto, cercate di eliminarne le cause: il pannolino bagnato, il naso tappato, i dolori alla pancia, la febbre, sono fastidi fisici che fanno piangere il bambino. Se terrete sottocontrollo la sua salute, avrete già compiuto un passo in più per tranquillizzarlo. Assicuratevi poi di non allattarlo o fargli bere bevande come la camomilla prima di coricarlo: questo potrebbe limitare una cattiva digestione, il meteorismo e il bisogno di urinare. Imparate a far rilassare il piccolo, evitando agitazioni e stimoli durante le ore precedenti alla nanna. Un errore da evitare è quello di farlo addormentare con voi sul divano davanti alla TV, riponendolo nella culla già addormentato. Il bimbo deve coricarsi ancora sveglio e non troppo tardi!

47

I comportamenti da adottare

Anche se il bambino piange con o senza motivazioni valide, non lasciatelo solo. È importante che senta la presenza dei genitori, affinché la notte o il momento di addormentarsi non diventino per lui un'esperienza traumatica. Evitate dunque i carichi d'ansia; se vostro figlio è entrato nell'"età della pappa", puntate su alimenti che inducono il sonno, come l'orzo, l'avena, il riso e i cibi ricchi di vitamina b3 (produttori di serotonina). Quest'ultima si può trovare all'interno delle verdure verdi ricche di clorofilla, sostanza che concilia il sonno e favorisce il rilassamento. Siate abitudinari col piccolo, stabilendo orari ben precisi di veglia e sonno; ciò lo aiuterà a dividere i momenti della giornata. Una delle strategie migliori è quella di considerare il momento della nanna come un "rito", rafforzando così i significati di "notte" e "dormire".

Continua la lettura
57

La gestione dei pianti

La situazione è diversa se il bimbo si sveglia piangendo disperatamente nel cuore della notte. Fate un passo indietro: avete già allattato diverse volte il piccolo quando piangeva di notte? Se sì, lo avete instradato su cattive abitudini. Non dovreste, infatti, farlo mangiare per calmarlo, ma pazientare e non avventarvi subito su di lui. A volte può capitare che i risvegli notturni siano solo apparenti e momentanei; se sarete troppo solerti potreste incappare nell'errore di svegliare definitivamente il bambino che sarebbe di lì a pochi secondi ritornato a dormire. Se i vagiti si trasformano in pianto, significa che il piccolo ha realizzato l'assenza della mamma. L'ideale sarebbe di posizionare sempre la culla per i primi mesi accanto al lettone e, nel caso di risveglio, accarezzare il piccolo facendogli sentire la propria presenza. Non abituatelo, infine, ad essere estratto dalla culla troppo facilmente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non allattate o somministrate cibo e bevande al piccolo immediatamente prima di dormire.
  • Mantenete un clima tranquillo per facilitare il sonno del piccolo.
  • Non innervositevi se i primi tentativi non danno frutti: per comprendere o migliorare le buone abitudini, sono necessari tempo e pazienza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Le migliori posizioni per far dormire il bambino

Nei primi mesi dopo la nascita, la questione dell'addormentamento del neonato può mettere a dura prova la resistenza dei neo genitori. Ovviamente il sonno occuperà gran parte della giornata del bambino. Quindi i genitori devono assicurarsi che il neonato...
Bambino

Come aiutare il bambino da 0 a 3 mesi a dormire

Il sonno è fondamentale per la serenità del bambino. L'alternanza tra le ore di veglia e quelle dedicate al riposo assicura al piccolo una corretta scansione della giornata. I neo genitori devono quindi aiutare il bambino a trovare il ritmo adeguato...
Bambino

Come insegnare al bambino a dormire nel proprio letto

Al giorno d'oggi è diventata un'abitudine molto diffusa, quella di consentire ai propri figli di dormire nel "lettone" dei genitori. Tutto questo si verifica perché non si riesce a dire di "no", oppure si ha il desiderio di farli sentire più protetti...
Bambino

10 consigli per far dormire il tuo bambino

Può capitare a volte che i bambini, soprattutto durante i loro primi mesi di vita, facciano fatica ad addormentarsi o peggio non dormano per tutta la notte o quasi e questo si riflette inevitabilmente anche sui genitori che, al mattino seguente, si sentono...
Bambino

Come abituare un bambino a dormire da solo

La nascita di un bambino all'interno di una coppia porta con se molta felicità e amore. Sfortunatamente non sono tutte rose e fiori. Crescere ed educare un bambino sono compiti di grande responsabilità, che necessitano di grande impegno. Svegliarsi...
Bambino

Come abituare un bambino a dormire presto la sera

La regola di base che ogni genitore dovrebbe imporsi è quella di essere coerenti, mettendo in pratica i principi e le regole che ci si è prefissati di adottare con i propri figli, sin dalla più tenera età. Uno dei problemi che molti genitori lamentano...
Bambino

Come dormire con un bimbo appena nato

Le neo mamme alle prime esperienze con un neonato a volte si sentono insicure e hanno paura che ogni cosa che fanno potrebbe in qualche modo danneggiare il bambino, soprattutto quando è ancora troppo piccolo e delicato. In particolare le prime notti...
Bambino

Errori da evitare durante la scelta della culla

Le mamme lo sanno: la culla del loro bambino rappresenta un forte legame. Essa infatti ricorda il calore e la protezione del grembo materno. Queste caratteristiche devono essere considerate al fine di acquistare i migliori elementi per comporre la culla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.