Come far affezionare il cane al neonato

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'amico a quattro zampe fa parte della famiglia, e come spesso accade per il bambino, alla nascita del fratellino, il meccanismo di gelosia che potrebbe scatenarsi è praticamente lo stesso. Vediamo quindi dei pratici consigli su come far affezionare il cane al neonato e continuare ad essere una famiglia felice.

24

Abituare il cane al nuovo arrivato

"Fido" è certamente molto intelligente, sicuramente avrà notato il cambiamento durante i nove mesi di gravidanza, quindi capisce che qualcosa sta per succedere. Il nuovo arrivato sarà certamente riconosciuto anche dal nostro amico a quattro zampe come un nuovo essere vivente da proteggere, proprio per la sua fragilità, con odori diversi rispetto a quelli che rispecchiano le sue abitudini. Quindi la prima cosa da fare è quella di utilizzare sul nostro corpo, nello specifico sulle mani, i prodotti come le creme che useremo per il bebè, così anche "Fido" avrà modo di abituarsi. Prima dell'arrivo a casa del neonato, è bene fargli annusare anche una tutina o un body del piccolo, in questo modo sarà più facile creare l'atmosfera familiare.

34

Far affezionare il cane con i consigli del veterinario

Per una maggiore sicurezza è possibile rivolgersi al proprio veterinario, non solo per controllare che il nostro amico a quattro zampe non abbia malattie e sia in perfetta salute, ma anche per valutare eventualmente, un corso di obbedienza tramite un addestramento specifico. Quello che non bisogna fare è costringere "Fido" a frequentare i bambini al parco che lo possono infastidire con le urla, gli schiamazzi, le corse. Il nostro bebè non sarà così e non è consigliato creare l'effetto opposto.
Quando la padrona arriva a casa dall'ospedale, dovrà avere la massima cura del cane, dovrà coccolarlo e fargli capire quanto sia mancato.
In questo modo "Fido" sarà più propenso ad accogliere il nuovo arrivato, e una volta avvenuto l'incontro, bisognerà premiare l'amico a 4 zampe per l'accoglienza. Questa è un'abitudine che dovrà essere portata avanti nel tempo: ogni volta che il cane dimostrerà un gesto d'affetto nei confronti del piccolo, dovrà ricevere un premio che funge da incentivo, in modo che capisca quale comportamento manifestare sempre.

Continua la lettura
44

Far affezionare il cane creando luoghi sempre aperti

Anche se fido dimostra di essere un ottimo amico, quello che non bisogna fare è lasciarlo solo con il bebè perché potrebbe sempre succedere un imprevisto di cui non sappiamo tenere conto. Il cane non è un baby-sitter, può essere un compagno di giochi, ma non è nemmeno alla stessa stregua del peluche. Detto questo è anche bene precisare che è sbagliatissimo chiudere la porta della camera da letto quando il piccolo dorme, impedendo al nostro amico peloso di entrare perché potrebbe indispettirsi, sentirsi escluso e pertanto innervosirsi.
Con questi accorgimenti non avremo problemi a far affezionare il cane al neonato ed ovviamente, viceversa!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

Ansia da parto: come tranquillizzarsi

La donna attraversa uno dei periodi più belli ma anche più difficili della sua vita, quando decide di avere un figlio. Durante la gravidanza le ansie che ogni donna sviluppa nei confronti della gravidanza stessa, del parto e della maternità, sono molteplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.