Come evitare l'aerofagia nel lattante

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il termine aerofagia significa letteralmente ingestione di aria. È molto difficile, per la persona inesperta, accorgersi di tale fenomeno al momento in cui avviene, mentre è più facile riconoscere la sintomatologia che generalmente si instaura quando la quantità di aria inghiottita è di notevole entità. Nel caso specifico del lattante, è necessario adottare degli accorgimenti volti a prevenire l'ingestione di aria, pena l'insorgere di fastidiosi disturbi che minano la tranquillità ed il sonno del neonato. Ecco come evitare l'aerofagia nel lattante!

24

È fisiologico che il lattante ingerisca piccole quantità di aria durante la poppata e probabilmente questo permette una buona emulsione del latte con una conseguente miglior digestione. Quando invece l'aerofagia diventa imponente si determina una iperdistensione gastrica: la tensione addominale e la difficoltà di liberare l'aria in eccesso rendono il neonato irrequieto e soggetto a rigurgiti, singhiozzi, eruttazioni e meteorismo intestinale.

34

Il neonato allattato artificialmente attraverso un biberon deve poter succhiare una tettarella che imiti il più possibile il capezzolo materno: sono da preferire tettarelle semi-rigide e biberon con fondo anti-colica. È fondamentale che la tettarella sia sempre piena di latte e che non si creino bolle d'aria in prossimità del foro di uscita del latte. Subito dopo la poppata, che sia essa al seno o al biberon, è bene facilitare l'espulsione dell' aria ingerita portando il neonato in una posizione in più possibile eretta e battendo delicatamente con una mano la schiena del lattante. La liberazione di eventuale aria dal tratto intestinale può essere sollecitata con un semplice esercizio: con il bambino in posizione supina, si portano lentamente ma con forza le ginocchia al petto, si ruotano verso l'esterno e si torna in posizione distesa. Ripetere l'operazione 3 o 4 volte di seguito faciliterà il rilascio addominale.

Continua la lettura
44

Il neonato attaccato al seno in modo non idoneo va incontro inevitabilmente ad una ingestione massiccia di aria: il naso del lattante deve essere libero da eventuali secrezioni e le sue labbra devono coprire l'intera areola, creando attorno al capezzolo un'area di adesione totale che non lascia spazio ad infiltrazioni d'aria. Anche la posizione reciproca di mamma e bambino è determinante nel facilitare una migliore adesione al capezzolo: le posizioni più confortevoli e maggiormente limitanti l'ingestione di aria sono quella a rugby (corpo del bimbo sotto il braccio corrispondente al seno di allattamento con il mento del neonato attaccato alla mammella, in modo che sia costretto a tirare indietro la testa liberando il naso) e quella sdraiati di lato (mamma e bimbo sono sdraiati su un fianco uno di fronte all'altro).

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire le coliche del lattante

Le coliche gassose sono un fenomeno molto diffuso tra i lattanti, soprattutto nei primi mesi di vita. Sono accompagnate da un pianto che sembra quasi inconsolabile che viene scatenato da un dolore acuto che si sviluppa a livello addominale. I genitori,...
Bambino

Come capire se il latte materno è buono

L’alimento materno è perfetto per rispondere a tutte quelle che sono le esigenze nutritive del neonato. La natura lo ha perfezionato nel corso di milioni di anni, pertanto non solo è sempre adeguato e perfetto per la crescita e la salute del bebè,...
Bambino

Come dire ai propri figli che si aspetta un bambino dal compagno

Al giorno d'oggi sono sempre più i matrimoni che nascono con quella volontà di durare ma che presto o tardi sono destinati allo sfacelo totale. I motivi sono sempre più disparati, ma la verità è che oggi come oggi non si riesce più a sopportare...
Bambino

Coliche neonatali: come affrontarle e prevenirle

La nascita di un bambino all'interno di una famiglia, è sempre un esperienza unica e di grande gioia. Molto spesso però, i primissimi mesi di vita del neonato, rappresentano per i genitori un periodo veramente stressante. Specialmente con il primo figlio...
Bambino

Come allungare i tempi tra una poppata e l'altra

Sempre più donne stanno diventando consapevoli dei vantaggi dell'allattamento al seno per i loro bambini e per se stesse. L'allattamento al seno sviluppa una speciale vicinanza tra madre e figlio vantaggiosa per entrambi. Le problematiche dell'allattamento...
Bambino

Come vestire i bambini con i primi freddi

Con i primi freddi è difficile vestire i bambini, in quanto non si sa se vestirli pesanti o un po' più leggeri, il tutto dipende dalla temperatura corporea del piccolo: se il bambino è un tipo che suda non bisogna vestirlo molto pesante, poiché non...
Bambino

Massaggi per neonati: come praticarli

Fare un massaggio su di un neonato è una pratica che deve essere saper eseguita bene, essendo quest'ultimo molto delicato, ma è allo stesso tempo molto utile. Infatti, un massaggio ben eseguito è in grado di tranquillizzare i neonati che mostrano segni...
Bambino

Idee regalo per la nascita di gemelli

La nascita di un bambino è sempre una gioia, quando poi sono gemelli la gioia è raddoppiata, purtroppo anche i regali devono essere raddoppiati e tutto il corredino e l'occorrente che serve per l'uso quotidiano di entrambi i bambini. Tante sono le idee...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.