Come diluire il latte vaccino per il neonato

Tramite: O2O 07/02/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il latte, per l'essere umano, è un alimento indispensabile. Viene adottato nella dieta del neonato fin dai primi giorni di vita, specie quando non è possibile procedere con l'allattamento materno. L'allattamento al seno è uno tra i gesti più naturali, che giova alla salute del nuovo arrivato quanto alla salute della neo-mamma. Il latte materno è ricco di sostanze naturali e anticorpi, pertanto, ingerendolo il bambino sviluppa una barriera difensiva più efficace, e l'azione di allattamento sviluppa nella donna sostanze utili a prevenire malattie degenerative a carico del tessuto mammario. Concluso il periodo del latte in polvere, e del latte di crescita, è possibile inserire il latte vaccino nella dieta del bambino, ma per non scatenare fenomeni di ipersensibilità o di disturbo all'apparato gastroenterico imparate come diluire il latte vaccino per renderlo più digeribile.

26

Occorrente

  • Latte vaccino, acqua
36

Introdurre il latte vaccino dopo il primo anno di vita

Il latte vaccino più diffuso in commercio è sicuramente il latte di mucca, detto appunto anche latte vaccino. Tuttavia esistono anche altri tipi di latte, come quello di capra, quello di asina e quello di pecora, che vengono somministrati secondo il tipo di bisogno, poiché hanno caratteristiche organolettiche e nutrizionali diverse. È consigliabile introdurre il latte vaccino nei bambini dopo il primo anno di vita, ma sempre previo consiglio del pediatra. Questa qualità di latte va integrato con grado, in modo tale da lasciare che il bambino assimili lentamente questo nuovo alimento scongiurando pertanto reazioni avverse o allergiche.

46

Usare il 30% di latte sull'intera quantità di liquido

Per fare un esempio pratico, supponete che un bambino di un anno beva una porzione di circa 250 ml di latte. Nel momento in cui decidete di aggiungere il latte vaccino, dovrete stemperarlo con dell'acqua in bottiglia, preferibilmente di quelle consigliate per l'alimentazione dei bambini. All'inizio è preferibile usare il 30% di latte sull'intera quantità di liquido. Secondo questo assunto, all'interno del biberon verserete 70 ml di latte e 180 ml di acqua, per ottenere 250 ml di prodotto finale. Mantenete queste proporzioni per almeno dieci giorni, controllando le reazioni del piccino.

Continua la lettura
56

Aumentare la dose prima del 50%, poi del 70%

Superata la decade se al bambino piace questa nuova bevanda e non si sono verificati problemi e manifestate reazioni a carico dell'apparato digerente, aumentate la dose per circa del 50%, e cioè semplicemente versando nel biberon metà acqua e metà latte vaccino. Come avete già fatto precedentemente, tenete sotto osservazione il bambino, e se le cose procedono normalmente andate avanti per ulteriori dieci giorni. Passato questo lasso di tempo potete nuovamente aumentare il dosaggio, fino al 70% del latte vaccino e il restante 30% di acqua. Infine, come ultimo step, passati gli ultimi dieci giorni, provate a dare al bambino il latte vaccino senza diluirlo, magari diminuendo la quantità per il primo giorno e aumentandola nell'arco di una settimana. Chiaramente durante questa delicata fase di svezzamento, è meglio aggiornarsi costantemente con il pediatra, manifestando a lui impressioni o perplessità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire i consigli del pediatra.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare se al neonato va di traverso il latte

Per molte donne, non esiste evento più lieto della nascita del proprio bambino. Generare nuova vita regala una nuova prospettiva a ogni mamma. La propria vita cambia e ogni priorità del piccolo diventa la nostra. Un neonato ha bisogno di tutte le nostre...
Bambino

Come si calcola il fabbisogno di latte di un neonato

Finalmente abbiamo il nostro piccolo cucciolo tra le braccia! Niente più nausee. Niente più pancione che non ci permette di allacciare le scarpe da sole. Niente più mal di schiena da non dormire la notte. Tutto assolutamente come prima! Sicure? Eh...
Bambino

Come capire se il neonato non digerisce il latte

Tutte le neomamme cercano di capire se il loro piccolo digerisce o meno il latte, molte si preoccupano se il neonato dopo la poppata non fa il ruttino, oppure se rigurgita o addirittura si allarmano se notano che è un po' agitato o ha il singhiozzo....
Bambino

Come mantenere la produzione di latte materno

È ormai risaputo che non c'è al mondo alimento migliore del latte materno per far crescere i propri figli sani e forti. Per il neonato il latte della madre è perfetto, perché contiene tutto quello di cui egli ha bisogno e perché non provoca le dolorose...
Bambino

Come aiutare un neonato stitico

La stitichezza in un neonato non è una cosa rara e, quindi, non deve preoccupare i genitori. Ciò può dipendere da una predisposizione ereditaria oppure dal tipo di latte che assume. Capita spesso che il bambino lo si ritiene stitico anche quando soffre...
Bambino

Come capire se il latte materno è buono

L’alimento materno è perfetto per rispondere a tutte quelle che sono le esigenze nutritive del neonato. La natura lo ha perfezionato nel corso di milioni di anni, pertanto non solo è sempre adeguato e perfetto per la crescita e la salute del bebè,...
Bambino

Come si forma il latte materno

Per il nutrimento di un neonato è sempre preferibile utilizzare il latte materno piuttosto che quello artificiale. È generalmente risaputo, infatti, che il latte della mamma contiene diverse sostanze nutritive utili alla crescita psico-fisica del bambino....
Bambino

Come capire se si ha abbastanza latte materno

Prima della nascita del bebè e durante gli ultimi tre mesi di gravidanza, il seno della futura mamma si prepara alla produzione del latte materno che costituirà il principale nutrimento per il nuovo nato. L'allattamento al seno è particolarmente importante,...