Come crescere un bambino non vedente

Tramite: O2O 20/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

La nascita di un figlio è l'esperienza più bella al mondo. Una vita in più su questa terra è un dono dal cielo, si dice, per molti è l'aspetto più importante della propria vita, per altri invece può diventare un problema.La nascita di un figlio con delle problematiche fisiche può essere all'inizio un trauma, poi con l'andar del tempo diventa un'esperienza indimenticabile, perché quello che riesci ad ottenere da un bambino con un handicap non lo puoi ottenere da un bambino così detto "normale". Ora cerchiamo di analizzare come si cresce un bambino non vedente, cosa sono le prime cose da fare.

26

Intervento precoce nei primi mesi di vita

La vista ha un ruolo determinante nello sviluppo psicomotorio del bambino, ecco perché un intervento precoce nello stimolare un bambino non vedente o ipovedente può eliminare i danni che potrebbero subentrare se non si interviene nei primi mesi di vita.

36

Stimolazione basale e visiva

Con degli stimoli semplici e sensoriali si aiuta il bambino a scoprire il proprio corpo e se stesso. Bisogna innanzi tutto far crescere il piccolo in un ambiente armonioso e stimolante. Stimolare i sensi a sua disposizione quale il tatto, l'olfatto, l'udito, il descrivere un oggetto o un'ambiente può esser di aiuto per lo sviluppo dell'immaginazione.

Continua la lettura
46

Psicomotricità e musicoterapia

Attraverso il gioco e il movimento si sviluppano le capacità creative del bimbo. La musica e il suono sono fattori da non tralasciare, aiutano il piccolo a percepire ed a esprimere le proprie emozioni. La dimensione spazio tempo è resa viva dall'ascolto di suoni, percepiti come onde di energia, che legati al movimento, fa prendere al bambino la consapevolezza di se e dello spazio che lo circonda.

56

Autonomia personale

Aiutare il bimbo ad affinare le proprie capacità per i propri bisogni primari, così da renderlo indipendente nei movimenti in spazi a lui sconosciuti. Essere autonomi significa sviluppare tutte quelle attività necessarie alla vita quotidiana, quali vestirsi, lavarsi, mangiare etc. In questo processo formativo la famiglia gioca un ruolo molto importante, bisogna aiutare il bimbo passo per passo senza costrizioni e lasciandolo fare, così da renderlo piano piano autonomo e sicuro dei propri movimenti.

66

Cosa deve sapere una famiglia di un bimbo non vedente

Innanzi tutto bisogna accettare la realtà senza pietismi e frustrazioni, in secondo luogo attivare tutte le risorse del territorio dove si vive come la Asl per ottenere, dopo le varie visite e certificazioni, i benefici spettanti. È importante pensare al proprio figlio nella sua globalità e non nelle sue limitazioni, aiutarlo a fare più esperienze possibili sviluppando appieno le sue potenzialità. Un bambino non vedente può fare tutto, il problema più grande forse è la relazione con gli altri, purtroppo non sempre si incontrano persone sensibili e informate, ma non possiamo cambiare gli altri ma solo il nostro modo di vedere le cose.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Padre single: come crescere i figli da solo

In tutti quei casi in cui un padre single si ritrova a dover crescere i figli da solo, non è così scontato che farà sempre le scelte giuste. Ma dopotutto chi è in grado di farle? Certo un bambino che cresce con entrambi i genitori avrà amore, cure...
Bambino

5 consigli per crescere al meglio un figlio

Sicuramente la nascita di un figlio rappresenta una gioia e un completamento della propria vita. Ma avere un figlio comporta anche responsabilità. Ogni genitore ha infatti la grande "missione" di saperlo crescere nel migliore dei modi. Quelli che seguono...
Bambino

Come aiutare un bambino a non essere geloso degli altri

Iniziamo subito col dire che crescere un bambino ed educarlo al meglio è una delle imprese più difficoltose e allo stesso tempo impegnative per un genitore o per un educatore. Uno dei momenti più difficili da superare infatti, è quando nasce un fratellino,...
Bambino

Lo sviluppo cognitivo del bambino da 0 a 3 anni

Con il termine " sviluppo cognitivo" si intende il progressivo crescere e rafforzarsi dell'attività intellettuale. I processi alla base dello sviluppo cognitivo durante i primi anni di vita sono due: la ripetizione di attività che il bambino già conosce...
Bambino

Malesseri del bambino: come capirli

Avere un bambino è una grande gioia, ma sicuramente bisogna avere parecchia pazienza e molta accortezza per prendersi cura di un bambino, soprattutto nei primi anni di infanzia e adolescenza. I piccoli infatti, hanno bisogno di attenzioni e di cure per...
Bambino

Come fare se il bambino non vuole andare all'asilo

I bambini, specie se sono ancora molto piccoli, non riescono ad esprimere in maniera chiara le proprie emozioni, le proprie sensazioni, i propri disagi interiori, le proprie angoscie. Il compito di ogni genitore dunque, è fondamentale: essi devono cercare...
Bambino

La comunicazione non verbale nel bambino

La comunicazione non verbale è quel processo di comunicazione mediante il quale un essere umano trasmette determinati messaggi all' interlocutore utilizzando espressioni facciali, sguardi, movenze. È il modo di comunicare che si avvale dei sensi slegati...
Bambino

Come gestire un bambino che non rispetta gli oggetti

In questa guida, passo dopo passo, provvederò a dare tutte le spiegazioni utili su come gestire nel migliore dei modi un bambino che non rispetta gli oggetti. Un figlio, di solito verso l'età di due o tre anni, tende a trasformarsi inesorabilmente in...