Come correggere la R moscia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Parlare in maniera fluente e senza difetti di pronuncia è il sogno di molte persone, ma purtroppo chi più chi meno soffriamo di qualche difetto, chi balbetta, chi ha problemi di pronuncia e chi possiede la famosa R moscia. Per quanto ad alcuni possa apparire come un terribile difetto, questo può essere visto anche come un tratto distintivo, una simpatica particolarità che caratterizza in modo univoco una persona; alcuni personaggi famosi poi, ne hanno fatto la loro fortuna: che piaccia o meno. Va detto però che spesso, soprattutto nei bambini, le caratteristiche che rendono diversi dagli altri non sono vissute in modo positivo, comportando disagi psicologici a volte anche di notevole identità. In questo articolo vogliamo cercare di capire come poter correggere, ai nostri bambini, la così detta "R" moscia. Attraverso pochi e semplici passaggi vi daremo utili suggerimenti che vi aiuteranno a risolvere questo piccolo inconveniente. Vediamo come.

26

Occorrente

  • logopedista
  • esercizi di pronuncia
  • medico di fiducia
  • pediatra di fiducia
36

Da cosa deriva la R moscia

Iniziamo subito con il dire che la "r moscia" o rotacismo è un difetto di pronuncia del fonema /r/ dovuto alla mancata vibrazione linguale che ne permette la corretta fonazione. In chi è affetto da rotacismo la lingua non viene posizionata nel modo corretto, non consentendo la vibrazione caratteristica dalla quale si può ottenere il fonema /r/. Assicuriamo prima di tutto, che non vi siano anomalie anatomiche. Piccole malformazioni anatomiche possono portare ad avere questo difetto di pronuncia (in termini tecnici dislalia). Spesso si tratta di malocclusione, cicatrici che rendono meno mobile ed articolata la struttura linguale, traumi, o più semplicemente un frenulo linguale corto, che impedisce alla lingua di raggiungere il punto esatto per produrre la caratteristica vibrazione. Il nostro medico o un bravo logopedista di certo, ci aiuteranno a capire se questo problema ha come causa una di queste anomalie anatomiche ed eventualmente ci aiuterà anche, di conseguenza, a correggere il problema.

46

Esercizi per la pronuncia

Eseguiamo sempre alcuni semplici esercizi. L'obiettivo di questi esercizi è riuscire prima a percepire e dopo a riprodurre, la caratteristica vibrazione del fonema /r/. Si possono far riprodurre suoni come tra (la t, infatti, aiuta anche la formazione della r), e successivamente fra, pra con le variazioni di vocali. Un altro esercizio è l'esecuzione della classica pernacchia con la lingua tra le labbra (esercizio non banale e di sicuro divertimento se si tratta di un bambino). I logopedisti usano uno strumento simile ad uno spazzolino elettrico posto sotto la punta della lingua, mentre questa è appoggiata agli incisivi superiori, per poter simulare la vibrazione in modo che si capisca quale suono emettere.

Continua la lettura
56

Cause della R moscia

Passiamo proprio dalle cause funzionali. Questo genere di cause, si hanno nel caso in cui non vi siano anche dei veri e propri difetti anatomici. Si tratta spesso di imitazione di modelli comportamentali, per cui se ad esempio un bambino presenta la r moscia, chiediamoci se qualcuno nel suo ambiente ha questo difetto (come ad esempio amici del bambino, parenti, ma anche educatori).
Correggere la R moscia è un processo che richiede tempo ed esercizio, e moltissima pazienza. Infatti la correzione e la corretta pronuncia delle parole non sempre è così semplice. Ma se avete deciso che è giunto il momento di migliorare questo aspetto della vostra parlate, perché non amate particolarmente avere la R moscia, allora i suggerimenti di questa guida insieme all'aiuto di qualche specialista potranno farvi fare passi da gigante.  

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attraverso questo articolo anche noi, potremo essere in grado di aiutare nostro figlio o figlia, a superare questo problema, non sempre ben accettato da loro stessi!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

L'occhio pigro nel bambino

L'occhio pigro nel bambino, propriamente "ambliopia", è una disfunzione che comporta il calo della vista da uno o entrambi gli occhi ed è, spesso, accompagnata da un lieve strabismo. Dal momento che questa patologia colpisce soprattutto soggetti in...
Bambino

Come far abituare il bambino all'apparecchio ortodontico

Oggi, gli apparecchi ortodontici sono molto migliorati rispetto a quelli di alcuni anni fa, di conseguenza è più semplice abituarsi a portarlo. La cosa fondamentale è seguire alla lettera le indicazioni del dentista, non saltare gli appuntamenti perché...
Bambino

Come scoprire se il bambino è mancino

Il mancinismo interessa solo il 10% della popolazione mondiale. Secondo diversi studi, mancini si nasce. Alla base del fenomeno potrebbe concorrere l'ereditarietà. Infatti, qualora un genitore fosse mancino, con molte probabilità lo sarà anche il figlio....
Bambino

Come insegnare le parole al bambino

Genitore si diventa piano piano crescendo col proprio bambino. Per questo non bisogna accanirsi sul piccolo pretendendo a tutti i costi che lui/lei ripeta le parole che noi vogliamo sentirci dire solo perché magari non vediamo l'ora che dica le due parole...
Bambino

5 nomi per bambine ispirati alla primavera

La primavera è forse una delle stagioni più belle. Amata da tutti, grandi e piccini. Mette di buon umore, forse perché preludio dell'estate o perché semplicemente la presenza del sole stimola i pensieri positivi e allontana quelli cattivi. Come stagione...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Problemi del linguaggio: come affrontarli

Cedere subito all'ansia ed andare in allarme quando il proprio bambino inizia a mostrare delle difficoltà di linguaggio, non sembra essere una buona reazione al verificarsi di una situazione inattesa. Ovviamente come è risaputo ogni individuo, bambino...
Bambino

Come insegnare a parlare ai bambini

A partire dai primi mesi di vita dei bambini, uno dei momenti più attesi, per ogni genitore, è quello di sentir pronunciare le prime parole al proprio figlio. Perché ciò avvenga è molto importante stimolare i bimbi nel modo giusto, affinché sviluppino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.