Come comportarsi se il neonato piange la notte

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Uno degli eventi più gioiosi del percorso della nostra vita, è sicuramente la nascita di un figlio. Ma adeguarsi al nuovo arrivato non è così facile come sembra. Il suo arrivo, infatti, cambia o sconvolge del tutto i ritmi familiari. Insieme alle gioie, quindi, i neo-genitori si trovano a dover affrontare anche delle difficoltà inevitabilmente connesse al percorso di crescita del proprio figlio. Alle notti insonni trascorse con il bambino in grembo, dopo la sua nascita, si aggiungono i suoi pianti durante la notte. Per la coppia genitoriale, il sonno disturbato risulta quindi uno dei maggiori ostacoli nei primi giorni di vita del neonato. Senza ulteriori indugi e preamboli vediamo, attraverso questa semplice guida, articolata in brevi ed efficaci passaggi, come comportarsi se il neonato piange la notte.

26

Capire il motivo del pianto

I primi sei mesi di vita costituiscono una fase estremamente delicata e cruciale per lo sviluppo psico-fisico del lattante e per il suo successivo benessere. Durante questo particolare periodo il pianto viene utilizzato fondamentalmente come un segnale per richiedere aiuto alle figure di accudimento che, in seguito al suo "grido d'aiuto", dovrebbero prontamente accorrere. Di solito le motivazioni che spingono il bambino a piangere durante la notte, possono essere tra le seguenti: può avere fame o sete, può avere bisogno di un cambio, può sentire o troppo caldo o troppo freddo, può avere mal di pancia, o magari ha semplicemente bisogno di cambiare posizione per dormire. In tali situazioni, quindi, occorre assolvere ai suoi bisogni intervenendo per migliorarne le condizioni, e quindi farlo smettere di piangere.

36

Contatto materno

Soprattutto dopo il sesto mese di vita e con l'evolversi delle abilità cognitive e sociali del piccolo, il piangere potrà trovare un impiego più strumentale nei confronti dei genitori. Il bambino, quindi, tramite il pianto cercherà sempre di comunicarvi qualcosa, ma delle volte, ciò di cui ha bisogno è solo il contatto con la madre. Nel momento in cui il bambino comincerà a piangere, ma non riuscite a capirne il motivo, provate a poggiarlo sul letto accanto a voi e vedete la sua reazione. Se si tranquillizza, allora non c'è da preoccuparsi: aveva solo bisogno di sentirsi protetto! Attenzione a non viziarlo troppo in questo passaggio, in quanto, il vostro bambino potrebbe essere più furbo di quanto pensiate.

Continua la lettura
46

Consigli

Per ultimo, si consiglia di insegnare gradualmente al bambino la distinzione tra i ritmi diurni e notturni, adeguando sia il tono della voce, sia le condizioni di luminosità dell'ambiente domestico. Creare, quindi, un clima che favorisca il sonno del neonato, è sicuramente un fattore di fondamentale importanza.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sarebbe opportuno insegnare al bambino la distinzione tra i ritmi diurni e notturni adeguando il tono della voce, le condizioni di luminosità dell'ambiente domestico
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 trucchi per calmare il neonato che piange spesso

Ogni neonato è diverso dall'altro. C'è il bimbo che non piange quasi mai, e quello che, invece, lo fa spesso! Ciò che accomuna tutti, però, è lo scopo del pianto, ovvero: comunicare. Il neonato, infatti, non ha altro modo per far capire che qualcosa...
Bambino

Metodi per placare il pianto isterico del bimbo

il pianto è l'unico strumento a disposizione che un neonato ha per poter comunicare con i suoi genitori. Ogni volta che necessita di qualcosa il bambino piange per segnalare che non sta bene oppure per far capire a chi gli sta intorno che ha bisogno...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
Bambino

Come rispondere ai pianti del neonato

Quando si diventa mamma per la prima volta sono molti i dubbi che possono venire riguardo al neonato. Uno di questi riguarda il pianto: come comportarsi davanti ad un pianto frequente? Perché il piccolo piange? I motivi possono essere svariati, proprio...
Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

Come interpretare il pianto di un neonato

Capire il perché un neonato piange non sempre è facile ed immediato: questo diviene spesso una notevole fonte di preoccupazione e talvolta addirittura ansia per il papà e per la mamma, specialmente se si trovano ad affrontare la loro prima esperienza...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.