Come comportarsi se il bambino non vuole andare a scuola

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Educare un bambino non è mai semplice, soprattutto per un novello genitore che si trovi alle prese con un bambino dal carattere forte e capriccioso. Per questo alle volte dei buoni consigli potrebbero aiutarvi a fare scelte giuste e ponderate ed a crescere vostro figlio nel migliore dei modi.
Un problema che prima o poi tutti i genitori si trovano a dover affrontare è l'opposizione del proprio figlio ad andare a scuola. Mentre quelli più grandi potrebbero essere "giustificati" perché magari temono un compito in classe o un'interrogazione per i quali hanno studiato poco, i bambini di scuola materna o elementare potrebbero essere affetti da ansia da separazione dai genitori, causata o dal non essersi mai allontanati dalla figura genitoriale perché magari non hanno mai frequentato il nido o per la novità della situazione che potrebbe preoccuparli (nuovi compagni, nuove maestre, nuovi luoghi). Una certa ansia è normale, ma se questa diventa poi eccessiva al punto da far vivere al bambino la scuola come un vero e proprio incubo al quale vuole a tutti i costi sottrarsi, allora per i genitori il problema diventa maggiore e più difficile da gestire. Proviamo, perciò, a vedere come comportarsi se il bambino non vuole andare a scuola attraverso pochi e semplici passaggi che potrebbero aiutarvi a risolvere il problema.

25

Non cedere all'ansia del bambino

Il primo e più importante trucco, da adoperarsi in qualunque situazione di "scontro" con un bambino è quello di non cedere, non far vincere la sua ansia e la sua paura, del resto assolutamente immotivata. Occorre riconoscere i sentimenti del proprio bambino, parlarne con lui per spiegargli che non c'è nulla da temere, ma nello stesso tempo non bisogna mai assecondarlo tenendolo lontano dalla scuola. Fondamentale, invece, è spiegargli che è normale sentirsi nervoso dinnanzi a cose nuove ed assicurarlo che la mamma o il papà saranno fuori scuola ad attenderlo alla fine della giornata scolastica. Anche se può risultare straziante per un genitore, rifiutare la richiesta di un bambino di rimanere a casa, serve come lezione per affrontare poi i problemi in futuro.

35

Mantenere la calma

Mantenere la calma è fondamentale in questa come in altre situazioni in cui il nostro bimbo si mostra recalcitrante a fare qualcosa. Non bisogna mai perdere la calma se, per causa di un figlio che si rifiuta di andare a scuola, si può fare tardi al lavoro o vengono stravolti i programmi della giornata. In questo caso, infatti, a differenza di altri "capricci" portati avanti dal bambino, dobbiamo ricordarci che il piccolo non sta cercando di rendere la vita difficile ai genitori, ma è solo spaventato e quindi agisce di conseguenza. Una certa quantità di ansia è normale, ma i segni estremi suggeriscono un problema di fondo che richiede la risoluzione di un problema, magari anche con l'intervento di figure esterne alla famiglia. I sintomi di ansia da separazione possono includere: timore di essere in una stanza da soli, disturbi del sonno ed incubi prima della scuola. Questi comportamenti possono causare gravi problemi sociali ed educativi, e possono trasformarsi in un disturbo di panico quando il bambino diventerà adulto.

Continua la lettura
45

Chiedere aiuto a figure esterne

Se l'ansia del bambino dura più di un paio di giorni, tempo assolutamente normale per il piccolo di abituarsi alla novità della situazione che lo spaventa, si può provare a chiedere aiuto alla sua insegnante. I docenti sono esperti nel trattare con i bambini, soprattutto dopo anni di esperienza e diversi bambini alle spalle. Il loro supporto indirizzato e concentrato sul problema del bambino sarà sicuramente un valido aiuto per poter superare nel migliore dei modi questo momento, e ben presto vostro figlio acquisterà, oltre alla propria sicurezza ed alla familiarità con i luoghi e le persone che prima temeva, anche una curiosità ed una voglia di andare a scuola grandissima. Laddove il problema dovesse poi persistere sarà il segnale di un disagio più profondo, in questo caso si rende allora necessario l'intervento di un professionista in psicologia infantile che possa essere da supporto e aiuto al bambino in questa fase particolare della propria vita.
Abituare un bambino ad andare a scuola è un processo che richiede molta pazienza, ma anche un buon metodo per poter ottenere ottimi risultati in poco tempo e senza traumi, attraverso i suggerimenti di questa guida potrete avere qualche aiuto in più per scongiurare questa piccola crisi e far capire a vostro figlio quanto sia bello oltre che utile andare a scuola.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come fare se il bambino vuole stare sempre in braccio

I bambini adorano essere coccolati, cullati e amati dai propri genitori. I piccoli infatti, dormono benissimo quando sono tra le loro braccia, ma quando vengono delicatamente adagiati nella culla, iniziano a piangere. Tutto questo a lungo andare, crea...
Bambino

Come preparare il bambino al primo giorno di scuola dell'infanzia

Il fatidico primo giorno di asilo arriva per tutti ed è molto atteso e parecchio temuto sia dalle mamme che dai bambini: le numerose domande che solitamente le donne (sempre eccessivamente ansiose e spaventate anche dagli eventi naturali) si pongono...
Bambino

Come comportarsi se un bambino ingerisce detersivi

Quando si ha in casa un bambino piccolo, bisogna prestare molta attenzione, perché sono moltissimi i pericoli presenti.Se ci troviamo a dover badare per la prima volta ad un bambino piccolo, è molto importante informasi prima su quali siano i possibili...
Bambino

Come aiutare un bambino timido a scuola

Gioca tranquillamente con gli altri bambini, quando avete ospiti cattura l'attenzione di tutti, eppure davanti alle maestre arrossisce, si confonde, abbassa lo sguardo e farfuglia durante le interrogazioni. Oppure è sempre stato introverso, non fa amicizia...
Bambino

10 consigli se il bimbo non vuole mangiare

Quante mamme si sono ritrovate alle prese con l'inappetenza dei propri figli. Il fatto che il proprio bambino non voglia mangiare può diventare un vero incubo per la mamma che è terrorizzata all'idea che se il bambino non mangia, allora non crescerà,...
Bambino

Come scegliere una scuola materna

L'ingresso nella scuola materna rappresenta per il bambino un momento fondamentale. Proprio nella scuola materna il piccolo amplia la sua rete di conoscenze e accede al mondo della socialità. Per i genitori dunque, scegliere una buona scuola materna...
Bambino

Come comportarsi con i bambini che rifiutano le regole

Quante volte capita di vedere un bimbo che strilla perché non vuole rispettare una regola?Le regole per alcuni bambini possono essere insopportabili, ma per la loro educazione risultano essere fondamentali. Imparare fin da piccoli che esistono dei limiti,...
Bambino

Come comportarsi con un adoloscente

Spesso, anche nelle migliori famiglie, si creano contrasti tra i genitori e i figli adolescenti. L'adolescenza è quell'età in cui si crede di sapere già tutto e di essere abbastanza grandi per fare ciò che si vuole. Ma sappiamo bene che non è così....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.