Come capire se il neonato non digerisce il latte

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Tutte le neomamme cercano di capire se il loro piccolo digerisce o meno il latte, molte si preoccupano se il neonato dopo la poppata non fa il ruttino, oppure se rigurgita o addirittura si allarmano se notano che è un po' agitato o ha il singhiozzo. Questi sono tutti falsi campanelli d'allarme, perché l'unico vero modo per valutare la digestione e quindi l'assorbimento a livello dell'intestino è osservare le feci. Bisogna prestare attenzione oltre che all'aspetto e alla consistenza anche al numero delle evacuazioni; se questi parametri sono nella norma non siamo in presenza di cattiva digestione. La guida seguente ti spiega in modo semplice come capire se il neonato non digerisce il latte; prosegui con la lettura.

27

Diventare madre significa conoscere la vera gioia ma anche la vera paura. Quando si ha a che fare con un essere così piccolo che dipende in tutto e per tutto da te spesso si è portati ad essere particolarmente apprensivi e a vedere problemi anche dove non ci sono. Comunque in presenza di qualunque tipo di dubbio rivolgiti ad un esperto che abbia la tua completa fiducia e che sappia consigliarvi nel migliore dei modi.

37

I bimbi spesso insieme al latte introducono una certa quantità di aria che fuoriesce con il ruttino. Se un bambino succhia nella maniera giusta senza ingurgitare molta aria non è affatto detto che faccia il ruttino. Anche il singhiozzo è una manifestazione naturale e frequente nei neonati, soprattutto dopo un pasto abbondante e non è assolutamente indice di cattiva digestione.

Continua la lettura
47

Congenita intolleranza al lattosio è molto rara ed è una malattia metabolica ereditaria e non un'allergia. Questo disturbo si ottiene generalmente entro pochi giorni dopo la nascita ed è caratterizzata da una grave diarrea, vomito, disidratazione e difetto di crescita. Si risolve dopo l'età di sei mesi. Altra meno grave malattia metabolica simile è la carenza di lattasi congenita. Questo disturbo si manifesta entro 10 giorni dalla nascita, si verifica quando il necessario per la digestione del lattosio nel piccolo intestino è basso o assente alla nascita ed è caratterizzato da diarrea e malassorbimento. Alcuni bambini prematuri hanno una forma temporanea di intolleranza al lattosio (carenza di lattosio sviluppo) perché i loro corpi non sono ancora producono lattasi. Questo andrà via quando il bambino matura, e in realtà il processo di maturazione può essere accelerata per ingestione del bambino di lattosio. Una possibilità è quella di aggiungere lattasi di poppate del bambino (invece di passare alla formula senza lattosio, che è nutrizionalmente inadeguata).

57

Il rigurgito, invece, è una piccola quantità di ciò che è contenuto nello stomaco ed esce senza violenza dalla bocca del neonato, ciò è dovuto al fatto che la valvola che si trova nell'imboccatura dello stomaco non trattiene ancora bene il cibo. Qualsiasi movimento può provocare il rigurgito, dondolare il bambino, abbracciarlo troppo stretto o coricarlo, ma anche gli stessi movimenti dello stomaco provocati dalla digestione. Nella maggior parte dei bambini la tendenza al vomito è maggiore durante le prime settimane e i primi mesi di vita e si attenua man mano che crescono. Quasi sempre è già scomparsa quando cominciano a stare seduti da soli. Il rigurgito è fastidioso e antipatico, ma non ha importanza se il bambino cresce bene ed è contento.

67

Se osservi delle modificazioni nella digestione del bambino, consulta subito il medico. A volte bastano pochi accorgimenti che riguardano i tempi e i modi dell'allattamento. Nei casi di reflusso gastroesofageo patologico vero e proprio il pediatra deciderà per una cura opportuna. Non cercare assolutamente di fare la diagnosi da sola, è molto facile sbagliare ed è probabile che accada.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultati sempre con il pediatra.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Consigli per facilitare la suzione del latte da parte del neonato

Per un neonato il latte materno è sicuramente il migliore esistente in natura, specie se somministrato nel primo anno di vita; infatti, non solo riesce a soddisfare il suo fabbisogno giornaliero, ma è da considerarsi un pasto completo, senza quindi...
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Cosa fare se al neonato va di traverso il latte

Per molte donne, non esiste evento più lieto della nascita del proprio bambino. Generare nuova vita regala una nuova prospettiva a ogni mamma. La propria vita cambia e ogni priorità del piccolo diventa la nostra. Un neonato ha bisogno di tutte le nostre...
Bambino

Come capire se il latte materno è buono

L’alimento materno è perfetto per rispondere a tutte quelle che sono le esigenze nutritive del neonato. La natura lo ha perfezionato nel corso di milioni di anni, pertanto non solo è sempre adeguato e perfetto per la crescita e la salute del bebè,...
Bambino

Come capire se il neonato ha mal d’orecchio

Una delle gioie più grandi che una persona possa vivere durante tutto l'arco della propria vita è senza ombra di dubbio la nascita di un figlio. I neonati necessitano di attenzioni molto particolari. Per un genitore è fondamentale conoscere tutte le...
Bambino

Come diluire il latte vaccino per il neonato

Il latte, per l'essere umano, è un alimento indispensabile. Viene adottato nella dieta del neonato fin dai primi giorni di vita, specie quando non è possibile procedere con l'allattamento materno. L'allattamento al seno è uno tra i gesti più naturali,...
Bambino

Come capire se il latte materno è sufficiente

Essere mamma rappresenta indubbiamente uno dei fenomeni più belli ed entusiasmanti che ci possano mai attraversare la vita di una donna. Si tratta infatti di un'esperienza unica, fatta di gioie ma anche di tantissime preoccupazioni verso il proprio bambino....
Bambino

Come capire se il neonato ha le coliche

Una colica è un forte dolore che coinvolge l'addome, sede dell'apparato digerente dallo stomaco in giù, al quale sono alternati momenti privi di dolore. Un attacco di coliche è generalmente provocato da ciò che si beve o si mangia, e può colpire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.