Come capire se il latte materno è buono

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L’alimento materno è perfetto per rispondere a tutte quelle che sono le esigenze nutritive del neonato. La natura lo ha perfezionato nel corso di milioni di anni, pertanto non solo è sempre adeguato e perfetto per la crescita e la salute del bebè, ma ogni mamma produce un latte diverso, e la stessa donna, se diventa madre più di una volta, produce un latte differente per ogni figlio. A volte, a generare dei forti dubbi è l’aspetto del latte, che può sembrare troppo chiaro o acquoso. La sua composizione è diversa da quella del latte vaccino, in quanto contiene molta acqua perché deve rispondere al fabbisogno di liquidi del bambino. Inoltre, la sua consistenza varia durante la poppata: all'inizio il latte è molto più trasparente, poi diventa via via più denso. Andiamo quindi a vedere, passo per passo, come si fa a capire se il latte materno è buono oppure no.

25

Allattare a richiesta

Quando un neonato viene alimentato con il latte materno, è consigliabile non avere degli orari delle poppate definiti e troppo rigidi: è sufficiente alimentare il lattante ogni qual volta mostra di avere voglia di latte, ossia quando appare affamato: questa modalità di allattamento al seno materno viene denominata "a richiesta". In ogni caso allattare mediante la modalità a richiesta non vuol dire avere un comportamento completamente anarchico riguardo l’alimentazione del lattante: devono comunque essere rispettate delle specifiche norme di comportamento, che derivano da un po’ di buon senso o dall'esperienza della mamma o di chi le sta vicino.

35

Avere orari elestici

Per esempio, tranne che per i primi 10 o 15 giorni dalla nascita del bambino, quando non si è ancora stabilizzata la produzione del latte materno, è preferibile avere degli orari piuttosto elastici, ma sempre con un periodo di intervallo almeno di due ore tra una poppata e l’altra, altrimenti si rischia di dare al lattante delle abitudini che potrebbero diventare, alla lunga, piuttosto difficili da gestire sia per la madre che per l’intera famiglia. Un altro consiglio utile è che il bambino non deve essere mai svegliato appositamente per la poppata, anche se dorme da più di 5 o 6 ore consecutive.

Continua la lettura
45

Far analizzare il latte

Tornando alla qualità del latte materno, un timore molto diffuso tra le neo mamme è quello di avere la certezza che il latte sia sufficientemente nutriente per la crescita del lattante. Nelle mamme, infatti, si sviluppa una sorta di ansia, che è legata alla nuova responsabilità, cioè quella di rappresentare l’unica fonte per la nutrizione del proprio neonato. Capita che quest’ansia porti la mamma addirittura a far analizzare il proprio latte per il timore che non sia adeguato. A questo proposito, è bene sapere che l’esame chimico del latte materno non è affatto utile. Perché la sua composizione può essere molto variabile a seconda del momento e di altri fattori. Infatti il latte materno si può modificare anche nell'ambito della stessa poppata: è più liquido verso l’inizio, composto principalmente da zucchero e acqua; diventa man mano più ricco di proteine e infine diventa più denso al termine della poppata, nel momento in cui aumenta considerevolmente la concentrazione di grassi, i quali favoriscono la sensazione di sazietà nel neonato. Il latte della mamma inoltre differisce a seconda delle ore del giorno, pertanto se non si è in presenza di anomalie o condizioni patologiche particolari, non ha senso eseguire un'analisi del latte.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire se il latte materno è sufficiente

Essere mamma rappresenta indubbiamente uno dei fenomeni più belli ed entusiasmanti che ci possano mai attraversare la vita di una donna. Si tratta infatti di un'esperienza unica, fatta di gioie ma anche di tantissime preoccupazioni verso il proprio bambino....
Bambino

Tecniche e metodi per la conservazione del latte materno

Quando si torna a casa dall'ospedale, dopo il parto, è opportuno per le neo-mamme conservare il proprio latte. Il neonato inizia con poppate minime, succhia circa 20 g di latte materno, ma nei giorni a venire la produzione dello stesso aumenta notevolmente....
Bambino

5 consigli sulla conservazione del latte materno

Il latte materno contiene un'immensa quantità di nutrienti necessari alla crescita del tuo bambino. Se allatti al seno, ma hai spesso la necessità di allontanarti dal tuo bimbo per svariate ragioni, non abbandonare l'idea dell'allattamento, perché...
Bambino

Come si forma il latte materno

Per il nutrimento di un neonato è sempre preferibile utilizzare il latte materno piuttosto che quello artificiale. È generalmente risaputo, infatti, che il latte della mamma contiene diverse sostanze nutritive utili alla crescita psico-fisica del bambino....
Bambino

Come congelare e scongelare latte materno

Il latte materno, ricco di proprietà nutritive, è un elemento fondamentale per la crescita e la salute del neonato. Esso, infatti, permette al bambino di costruirsi una flora batterica intestinale e un sistema immunitario forti, in grado di difendersi...
Bambino

Come mantenere la produzione di latte materno

È ormai risaputo che non c'è al mondo alimento migliore del latte materno per far crescere i propri figli sani e forti. Per il neonato il latte della madre è perfetto, perché contiene tutto quello di cui egli ha bisogno e perché non provoca le dolorose...
Bambino

Latte artificiale: quando preferirlo a quello materno

L'allattamento ricopre per mamma e bambino una grande importanza, il contatto fisico e la trasmissione di anticorpi che avviene sin dai primi giorni di vita, attraverso le prime gocce di colostro, proteggono il bimbo da infezioni e malattie. In alcuni...
Bambino

Come stimolare gli ormoni per la produzione di latte materno

Una delle cose più naturali che la vita può riservare ad una donna è l'allattamento al seno. Questo oltre a nutrire il bambino, consente di creare con lui un rapporto speciale fatto di contatto, amore e nutrimento. Significa alimentarlo in ogni senso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.