Come capire se il bambino mangia bene al seno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se non ci sono particolari problemi, l'allattamento materno è quello più idoneo per il lattante. Il latte, infatti, composto di acqua, proteine, grassi, zuccheri, sali, vitamine, è completo dal punto di vista nutritivo, facilmente digeribile dal neonato e specifico per lui. Inoltre contiene, degli "anticorpi" che sono importanti per la difesa contro le malattie, specialmente le infezioni intestinali. Se il latte materno è scarso oppure la mamma non vuole allattare al seno, si potrà ricorrere al latte formulato. La mamma che allatta ha con il suo bambino un rapporto "speciale", profondo, giorno per giorno più intenso. Capita spesso però, che la neo-mamma, specialmente nelle prime settimane, si domandi se il suo bambino prenda abbastanza latte. Con l'alimentazione al seno, infatti, non c'è immediato riscontro in questo senso e la mamma dovrà, in una certa misura, affidarsi al suo istinto e alla propria esperienza. Come capire, dunque, se il bambino mangia bene al seno? In questa guida saremo in grado di chiarire tutti i dubbi alla neo-mamma.

25

La posizione

La prima operazione da compiere è quella di trovare una posizione il più possibile comoda e appartata. Esistono almeno tre posizioni per allattare: quella classica in cui la sta mamma seduta con il bimbo in braccio, pancia contro pancia e testolina all'altezza del seno; quella distesa in cui la mamma sta su un fianco con il bimbo disteso accanto, e a "rugby" con la mamma seduta e il bimbo disteso accanto, con la testolina all'altezza del seno. Provale tutte, il seno si svuoterà in modo ottimale e offrirai sollievo ai capezzoli in caso di ragadi. Tieni presente che spesso, in caso di crescita lenta, il problema non sta nella scarsa produzione di latte, ma nella mancata ricezione da parte del piccolo. Fai attenzione, quindi, che il tuo bambino si attacchi in modo corretto. Se hai dei dubbi, non esitare a rivolgerti al consultorio pubblico più vicino a te, al nido dell'ospedale in cui hai partorito, al pediatra o alle associazioni locali di supporto alle mamme della tua zona che allattano.

35

I tempi della poppata

Ora osserva il tuo bimbo succhiare. Le sue guance si gonfiano? La bocca è ben aperta? Deglutisce? Se ti sembra che il piccolo faccia tutte queste cose, probabilmente sta succhiando correttamente. Controlla anche la durata della poppata: un neonato, specialmente nei primi giorni, può stare attaccato al seno anche più di mezz'ora. Inoltre il latte non è uguale durante il corso della poppata e risponde al duplice bisogno del bambino di dissetarsi o di sfamarsi. Il primo latte, infatti, è liquido e ricco di zuccheri, in seguito si addensa e si arricchisce di grassi. È importante, quindi, dare modo al bimbo di prolungare o interrompere la poppata a seconda delle sue esigenze. Ricorda, a questo proposito, che il bambino manifesta sempre i suoi bisogni: osservalo con attenzione e riuscirai a capirlo.

Continua la lettura
45

Consulenza ed aiuto

Allattare è un'esperienza di crescita per la mamma e per il suo bambino. Sentire la mamma pronta e disponibile non solo a sfamarlo ma anche ad offrirgli un contatto fisico, dà al bambino un profondo senso di sicurezza. Moltissime sono le strutture e le associazioni, anche a livello locale, che sostengono e offrono aiuto e consulenza alle mamme che allattano.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

10 motivi per cui l'allattamento al seno fa bene al bambino

Grazie all'allattamento al seno, una madre ed un figlio vanno a creare il primo legame tra loro, esso rimarrà poi indissolubile per tutto il resto della vita. I vantaggi che può andare l'allattamento al seno sono tanti, qui di seguito infatti verranno...
Bambino

Come fare se il bambino non si attacca al seno

La nascita di un bambino costituisce sempre un'esperienza emozionante per ogni genitore. Talvolta, sin dai primi giorni di vita del neonato, insorgono alcuni problemi che possono creare ansia nella neo mamma. Può accadere che il piccolo non si attacchi...
Bambino

Come Sapere Se Il Bambino Mangia La Giusta Quantità Di Latte In Polvere

L'alimentazione dei neonati, si sa, è particolarmente delicata specie quando la mamma, per le più svariate ragioni, è impossibilitata a dare al figlio il proprio latte materno. In questo caso il latte artificiale, in polvere, rappresenta l'unica soluzione...
Bambino

Cosa fare se il bambino mangia troppi dolci

L'alimentazione sarà il tema centrale che verrà sviluppato nei passi che comporranno la nostra guida. Divideremo questa guida in tre passi differenti, al fine di darvi qualche idea utile su cosa si debba fare se il bambino mangia troppi dolci. Incominciamo...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta un solo seno

Quando una mamma si trova ad affrontare il periodo dell'allattamento, può accadere che il neonato si rifiuti di iniziare a poppare. Nonostante le insistenze, in molti casi, l'unico risultato è quello di far piangere il neonato; questo può comportare...
Bambino

Come capire se il bambino è pronto a togliere il pannolino

Capire se è il caso di togliere il pannolino al proprio bambino non è mai una cosa molto semplice. Ci sono genitori che si basano sull'età, ma, in realtà, la cosa migliore da fare sarebbe quella di basarsi su determinati segnali che vi dà vostro...
Bambino

Come capire se il bambino ha problemi di apprendimento

Molte volte i problemi che ha un bambino per quanto riguarda lo studio riguarda l'apprendimento. Questa può essere la parte più dura che provoca la mancata voglia di studiare. Allora a questo punti bisogna adoperarsi e andare incontro a tale problema:...
Bambino

Come capire se il bambino dorme tranquillo

Generalmente i bambini, soprattutto se neonati, possono riscontrare qualche problema di sonno. Le motivazioni per cui il bambino non dorme possono essere varie, ma nel caso dei neonati il fatto di svegliarsi ogni 3 o 4 ore si ricollega alla fame. Le ore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.