Come capire se il bambino dorme tranquillo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Generalmente i bambini, soprattutto se neonati, possono riscontrare qualche problema di sonno. Le motivazioni per cui il bambino non dorme possono essere varie, ma nel caso dei neonati il fatto di svegliarsi ogni 3 o 4 ore si ricollega alla fame. Le ore diurne sono ancora gestibili nella maggior parte dei casi. La questione si fa spinosa quando si parla delle ore notturne. La preoccupazione di ogni genitore sta proprio nel non riuscire a dormire di notte. Talvolta però non è il caso di allarmarsi, perché magari il bimbo dorme bene e non si sveglia fino al mattino successivo. Vediamo allora come capire se il bambino dorme tranquillo seguendo i suggerimenti di questa piccola guida.

27

Occorrente

  • Tanta calma e assenza di suoni fastidiosi
  • Pazienza
  • Bagnetto
  • Ninna nanna
37

Tenere il bimbo nel lettino in posizione prona da 0 a 6 mesi di vita

Mediamente, un neonato dorme più o meno 16 ore al giorno. Un ritmo di questo tipo è ovviamente variabile a seconda del soggetto. Quando si trova ancora nella pancia della mamma, il piccolo tende ad addormentarsi ascoltando dei suoni. Questi col tempo gli risultano familiari. Si sveglia invece quando la mamma riposa. Una volta nato, il bambino può addormentarsi se i genitori osservano delle piccole regole. Una di queste consiste nel tenere il neonato in posizione prona durante il sonno nel lettino. Un accorgimento del genere vale fino ai 6 mesi di vita. In questa fase il bambino cerca il contatto con la madre e lascia scemare la necessità del nutrimento. In questo caso è importante farlo addormentare in modo tale che avverta la presenza della madre. In questo modo dormirà tranquillo per qualche ora.

47

Abituare il bambino a diversi momenti della giornata ed evitare di farlo addormentare in braccio

Per capire meglio se il bambino dorme tranquillo, bisogna assumere un comportamento particolare nei periodi di veglia notturna. Far giocare il piccolo in questo intervallo di tempo è deleterio. Il motivo è che si rischia di farlo agitare e la tranquillità del sonno viene così alterata. Occorre invece far capire al bimbo che esistono vari momenti durante la giornata, ciascuno dei quali si dedica al gioco, al cibo e al riposo. Bisogna poi evitare che il bambino in addormenti in braccio. Questo perché, qulora si svegliasse durante la notte, non troverebbe un luogo a lui familiare come le braccia dei genitori. Per questa ragione e per molte altre, è meglio farlo addormentare nel lettino, con uno dei genitori accanto.

Continua la lettura
57

Organizzare la cameretta in modo da creare un ambiente rilassante e ridurre al minimo i rumori

Un altro accorgimento da seguire per capire se il bambino dorme tranquillo, riguarda l'organizzazione della cameretta. Questa dovrà risultare poco illuminata, molto tranquilla e silenziosa. Sarebbe il caso, ad esempio, di non far arrivare suoni troppo fastidiosi in questo ambiente in cui invece deve regnare la tranquillità. Molto importante è mettere a letto il piccolo e prlargli a bassa voce, regolando anche il volume della tv. In questo modo non si disturberà il suo sonno e il bimbo si addormenterà tranquillo. Inoltre, si può instaurare una sorta di rito del sonno. Basta abituare il bambino ad una serie di cose, come un bagnetto tranquillizzante o una ninna nanna.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cullare il bambino è utile a farlo calmare ma è meglio non farlo dormire in braccio.
  • Tenere una lucina soffusa accanto al lettino aiuta a tranquillizzare il bambino e a fargli capire che è l'ora della nanna.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire se il bambino ha problemi di apprendimento

Molte volte i problemi che ha un bambino per quanto riguarda lo studio riguarda l'apprendimento. Questa può essere la parte più dura che provoca la mancata voglia di studiare. Allora a questo punti bisogna adoperarsi e andare incontro a tale problema:...
Bambino

Come capire il tuo bambino dal linguaggio del corpo

Sin dalla più tenera età, i bambini cercano di comunicare ed interagire con il mondo esterno. Per farlo impiegano tutti i modi che sono a loro disposizione. Non hanno ovviamente la possibilità di parlare, ma attraverso versi, gesti ed atteggiamenti...
Bambino

Come capire se il bambino mangia bene al seno

Se non ci sono particolari problemi, l'allattamento materno è quello più idoneo per il lattante. Il latte, infatti, composto di acqua, proteine, grassi, zuccheri, sali, vitamine, è completo dal punto di vista nutritivo, facilmente digeribile dal neonato...
Bambino

Come capire se il bimbo ha fame

La giornata di un bambino molto piccolo è scandita da tre momenti fondamentali per la sua crescita. La nanna, la pappa e i bisogni fisiologici, importanti indicatori della salute del piccolo. Si capisce facilmente se il bambino ha sonno o se deve essere...
Bambino

Come capire quando è il momento giusto per togliere il pannolino

Ogni mamma sa che il momento di togliere il pannolino al piccolo non è semplice. Prepariamoci psicologicamente ai primi problemi, cerchiamo di non obbligarlo con rimproveri o punizioni, questa fase per il bambino non è facile. Per instradare il bambino...
Bambino

Come tranquillizzare un bambino che piange

Quando si ha a che fare con un bambino piccolo, molti genitori vanno in crisi quando lo sentono piangere, perché non sanno come comportarsi o calmare il loro piccolino. Di solito quando si tratta di un neonato, è difficile capire cosa provochi tale...
Bambino

Malesseri del bambino: come capirli

Avere un bambino è una grande gioia, ma sicuramente bisogna avere parecchia pazienza e molta accortezza per prendersi cura di un bambino, soprattutto nei primi anni di infanzia e adolescenza. I piccoli infatti, hanno bisogno di attenzioni e di cure per...
Bambino

5 segnali per capire che il bebè non ha digerito

Tra i mille dubbi che affliggono ogni nuova mamma, uno dei pensieri più frequenti è il sapere se il proprio bambino ha digerito il suo pasto. Infatti, ciò può comportare un vero e proprio reflusso gastroesofageo, che è davvero molto frequente nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.