Come cambiare il pannolino ad un bimbo irrequieto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I bambini sono sempre vivaci e irrequieti, e a volte la situazione sembra fuori controllo ai genitori alle prese con la vita frenetica. Anche cambiare il pannolino al bimbo può quindi risultare un'impresa davvero impegnativa: ecco quindi che si rende necessario trovare degli stratagemmi per riuscire a lavare e cambiare velocemente la piccola peste. A questo proposito, con i passi seguenti, vederemo come procedere per cambiare il pannolino ad un bimbo irrequieto in modo rapido ed efficace. Ma perché un bambino o bimba che sia, dovrebbe sentirsi irrequieto al momento del cambio? La dentizione, le colichette, il rossore da irritazione da pannolino, possono essere la causa della momentanea ribellione, o semplicemente sono stanchi e non hanno altro modo di esprimerlo.

27

Occorrente

  • Asciugamani
  • Fasciatoio
  • Sapone neutro
  • Pasta emolliente
37

Prepararsi

Regola importante ovviamente non solo per questa situazione ma anche più in generale per la vita, è l'organizzazione! Quindi, sia che voi abbiate un mobile fasciatoio o un fasciatoio in gomma portatile, assicuratevi, prima di cambiare il piccolo, di avere tutto a portata di mano e spazio a sufficienza per manovrare, perché molte cose dovranno essere prese e posate nel minor tempo possibile e non devono finire in terra. Pronti con pannolino di ricambio, salviette per pulire il sederino, crema protettiva e lenitiva per evitare arrossamenti, body asciutti, vestitino o completino, calzini e importante, un giochino, per esempio il suo peluche preferito per distrarre e intrattenere il bimbo che si agita e piange. Mai allontanarsi dal bimbo steso sul fasciatoio perché potrebbe cadere oppure spaventarsi e mettersi a piangere a dirotto, il che sicuramente non aiuta.

47

Farsi aiutare

Se avete la fortuna di avere sotto mano qualcuno che vi può dare una mano come un parente, i fidati nonni o anche la stessa babysitter, potete suggerire loro di intrattenere il neonato con giochini, canzoncine, o sonaglietti che richiamino la sua attenzione. Provate in ogni caso con della musica di sottofondo che sia rilassante e che serva quasi da ninna nanna. L'eventuale aiutante può anche per esempio passarci rapidamente tutto il necessario permettendoci così di concludere in tempi brevi, evitando che ci cada tutto in terra.

Continua la lettura
57

Cominciare il cambio

Arriviamo quindi al momento "fatidico"; il vostro complice distrae il bimbo, voi sfilate il pannolino, e se c'è presenza di qualcosa di semisolido, prendete le salviette e con delicatezza togliete i residui con movimenti che vanno sempre verso il sederino e mai il contrario, questo per non infettare i genitali con eventuali residui. Ricordate che il bambino deve poi essere bello asciutto e pulito prima di rivestirlo, quindi dopo averlo lavato con un sapone per pelli delicate, provvedete ad asciugarlo con cura perché non ci siano problemi di arrossamenti.

67

Terminare l'opera

Procedete poi all'applicazione della pasta protettiva e lenitiva e, infine, mettete il nuovo pannolino. Va messo così: la parte con gli adesivi deve messa al di sotto del fondo schiena e la parte coi lembi più ampi al di sopra. Basterà aggiustare la posizione del pannolino per renderlo più confortevole e attaccare gli adesivi sulla zona appoggiata al pancino, in modo da ricoprirlo. Cercate di attaccare le parti adesive sulle apposite zone del pannolino per un buon posizionamento e perché non causi irritazioni.Infine bisognerà sistemare la parte inferiore sul sedere del piccolo, ovvero l'elastico che tiene ben saldi i bisognini. Per concludere, sempre con delicatezza, rivestite il bambino.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercare di essere precisi e fluidi nei movimenti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come cambiare il pannolino ad un bambino senza svegliarlo

Il pannolino va cambiato frequentemente al bambino. Non si tratta solo di una norma igienica. Il cambio e la perfetta detersione, prevengono fastidiose irritazioni e dermatiti. La notte il bambino provvede ugualmente ai propri bisogni fisiologici. Alcuni...
Bambino

Come togliere il pannolino in 5 mosse

Per tutti i genitori arriva l'inevitabile momento di dover eliminare il pannolino, che implica un impegno quotidiano da svolgersi in un modo rapido e corretto. Diversi sono gli inconvenienti legati a questa fase, che possono mettere a dura prova la pazienza...
Bambino

10 consigli per capire quando è il momento giusto per togliere il pannolino

Quello del pannolino è il primo vero scoglio da affrontare per mamma, papà e il loro bimbo. Solitamente il periodo del "passaggio" è quello in età compresa tra i 18 e i 30 mesi, periodo in qui inizia a prendere coscienza di sè stesso e inizia a capire...
Bambino

Dermatite da pannolino: consigli per evitare l'insorgenza

la dermatite da pannolino è un'infiammazione della pelle nella zona dei genitali e del sederino. L'insorgenza è causata da allergie da contatto e sfregamento della cute con il pannolino. Bisogna evitare pannolini con composti chimici che possono causare...
Bambino

10 regole per l'addio al pannolino

L'addio al pannolino è un momento vissuto con timore sia dai genitori che dai bambini. Le cause di quest'angoscia risiedono spesso nei ripetuti fallimenti di quest'impresa che portano i genitori ad arrendersi ai primi ostacoli. Molte volte, la causa...
Bambino

Come capire se il bambino è pronto a togliere il pannolino

Capire se è il caso di togliere il pannolino al proprio bambino non è mai una cosa molto semplice. Ci sono genitori che si basano sull'età, ma, in realtà, la cosa migliore da fare sarebbe quella di basarsi su determinati segnali che vi dà vostro...
Bambino

Come capire quando è il momento giusto per togliere il pannolino

Ogni mamma sa che il momento di togliere il pannolino al piccolo non è semplice. Prepariamoci psicologicamente ai primi problemi, cerchiamo di non obbligarlo con rimproveri o punizioni, questa fase per il bambino non è facile. Per instradare il bambino...
Bambino

Come passare dal pannolino al vasino

Imparare a fare i propri bisogni nel vasino è certamente un grande passo verso l'indipendenza per un bambino. Solitamente, dopo i due anni si può cominciare a pensare di togliere il pannolino (rigorosamente durante il giorno, per la notte sarà necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.