Come calmare bambini iperattivi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I bambini che definiamo "iperattivi" presentano delle particolari caratteristiche. Hanno infatti difficoltà a stare fermi o seduti. Inoltre si mostrano quasi sempre agitati e vivaci. Un bambino iperattivo incontra qualche difficoltà evidente anche nello stare attento. Difatti non riesce ad ascoltare per più di 10 minuti. Il deficit d'attenzione lo porta ad alzarsi e iniziare a fare qualcos'altro. Se le avete provate tutte e non riuscite a risolvere in nessun modo, troverete dei pratici suggerimenti qui di seguito. Nei passi successivi vi spiegherò come calmare i bambini iperattivi. Occorre molta pazienza, è vero. Se però non vi lasciate scoraggiare, riuscirete a migliorare la situazione.

27

Occorrente

  • Calma e pazienza
  • Fermezza
37

Limitare l'iperattività con un'atmosfera tranquilla e il giusto tono di voce

Il più delle volte, la mancanza di controllo da parte dei genitori fa sì che i bambini si sentano liberi di fare ciò che vogliono. Alcune situazioni possono scatenare l'iperattività, come ad esempio un'atmosfera di festa, oppure uno scoppio di palloncini, o la libertà di saltare dalle sedie. Molte di queste situazioni possono diventare pericolose e il bimbo rischierebbe di farsi male. Una prima soluzione sta nel cercare di creare un'atmosfera tranquilla. Cercate di non incitare i bambini ad essere vivaci. Piuttosto portateli a svolgere attività non troppo esagitate. Il tono della voce è molto importante per far capire ai bambini che non è il momento di saltare o correre qua e là in modo sfrenato.

47

Tenere sotto controllo l'iperattività del bambino osservandone il comportamento

Attualmente non si sa ancora con certezza cos'è che rende i bambini iperattivi. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che il deficit di attenzione si debba ricondurre ad un ritardo nello sviluppo cerebrale del bambino. Altri ritengono che sia una questione di fattori ereditari. Il decorso dell'iperattività può avere diversi sbocchi a seconda dei casi. Se il bambino risulta solitamente tranquillo e sereno in casa, un'allegria diffusa può inevitabilmente portarlo ad animarsi in modo eccessivo. Tutti i bambini desiderano correre, urlare e divertirsi. Solo che un atteggiamento di questo tipo va tenuto sotto controllo. In caso contrario si può arrivare ad uno stato di iperattività difficile da correggere e arginare. Osservate il comportamento del piccolo e prendete in considerazione la soluzione più adatta in base al tipo di iperattività.

Continua la lettura
57

Individuare le cause dell'iperattività ed intervenire su di essa

Per evitare che i bambini iperattivi divengano ancora più difficili da gestire, dovete individuare la causa scatenante di tale atteggiamento. Imparate a riconoscere gli elementi che provocano questo "status". Dovrete fare il possibile per attenuarlo. Fatevi vedere seri quando il vostro bambino manifesta iperattività. Guardatelo dritto negli occhi con una certa fermezza e fategli capire che deve calmarsi. Evitate di urlare o picchiarlo, altrimenti lo renderete ancora più vivace. Naturalmente, tutte le precauzioni si devono prendere soltanto se l'iperattività sfocia in qualcosa di negativo. Se il bimbo combina disastri o si fa male, dovete per forza calmarlo in qualche modo. Fategli vedere come si fa a stare tranquilli e si comporterà in modo molto simile a voi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non sgridate il bambino, altrimenti alimenterete la sua vivacità. Piuttosto cercate di creare un'atmosfera pacifica e tranquilla.
  • Distinguete la vivacità dall'iperattività. Non sempre si tratta di disagi a livello psicologico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Bambini iperattivi: come gestirli

Avere a che fare con i bambini è sempre molto bello, ma anche piuttosto complicato in certe circostanze. Stare dietro a queste piccole creature richiede molto impegno e pazienza, soprattutto quando ci si deve confrontare con i diversi disturbi di cui...
Bambino

Come calmare il nervosismo nei bambini

Spesso i nostri figli manifestano reazioni a cui non riusciamo a rispondere adeguatamente, perché ci colgono impreparati ad affrontare comportamenti così estremi. Anche bambini molto piccoli possono esprimere rabbia e nervosismo con atteggiamenti di...
Bambino

Come calmare singhiozzo nei neonati

Tutti sanno che i bambini hanno bisogno di molte cure ed attenzioni per vivere bene ed in salute. Quando si tratta però di bambini appena nati bisogna stare sicuramente ancora più attenti in quanto ogni piccolo problema potrebbe nascondere qualcosa...
Bambino

Come calmare un bimbo che piange

Ciò che contraddistingue un buon genitore e la sua presunta bontà nel saper crescere i propri figli è sopratutto la capacità di comprendere questi ultimi e i segnali che mandano in modo tacito durante le diverse fasi della loro crescita, fino alla...
Bambino

Come capire e calmare la colica del tuo bimbo

Le coliche del lattante sono un fenomeno abbastanza comune durante i primi tre mesi di vita. Spesso, tuttavia, i neo-genitori non sono preparati a questo evento. Per tale ragione, è indispensabile capire come si manifestano le coliche e come intervenire....
Bambino

Come calmare un neonato che piange

Avere a che fare con un neonato è una delle gioie più grandi che una mamma possa desiderare di provare, anche perché si tratta di un periodo relativamente breve. Molto spesso, però, questa felicità si può trasformare in un incubo anche per i genitori...
Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente elevata e molti altri ancora. Il compito, non sempre facile, di chi si...
Bambino

Come calmare il pianto di un neonato

Capita spesso, quando ci si prende cura di un neonato, che il piccolo pianga, ma senza che noi sappiamo il perché. Essendo il pianto l'unico modo che hanno i neonati per esprimersi, diventa importante, soprattutto per i neogenitori, riuscire a interpretare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.