Come aiutare un bambino timido a scuola

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gioca tranquillamente con gli altri bambini, quando avete ospiti cattura l'attenzione di tutti, eppure davanti alle maestre arrossisce, si confonde, abbassa lo sguardo e farfuglia durante le interrogazioni. Oppure è sempre stato introverso, non fa amicizia facilmente, e temete che con l'ingresso a scuola le cose peggioreranno, che il suo temperamento gli sarà d'ostacolo.
Scopriamo assieme come possiamo aiutare il nostro piccolo timido nel contesto scolastico.

25

Non assillarlo e non rimproverarlo

Se il vostro è un bimbo introverso con tutti, può essere che gli manchi la fiducia in se stesso, ma potrebbe anche darsi che sia la fiducia nel prossimo a essere scarsa. Dovete comunque ricordarvi che la timidezza non è un difetto, ma una caratteristica e che se percepite vostro figlio come, in qualche modo, "sbagliato", lui penserà lo stesso di sé: non diventate genitori ansiosi, quindi, non assillatelo perché socializzi di più, non rimproveratelo se non è riuscito a dire tutto ciò che aveva studiato in un'interrogazione. Peggiorereste la situazione. Secondo uno studio condotto dalla Steinhardt School of Culture Education and Human Development di New York, gli insegnanti tendono a percepire i bambini timidi come meno intelligenti e meno bravi dei compagni: questo diventa assai penalizzante per il loro rendimento scolastico. Sono quei bambini che non alzano mai la mano in classe, che non intervengono nelle discussioni collettive, che non pongono domande e non sanno dare risposte, che se chiamati direttamente arrossiscono e spesso non rispondono, benché sappiano alla perfezione la lezione. Si mettono in un angolo e cercano di rendersi invisibili.

35

Il rinforzo positivo

In questo caso l'aiuto che dovreste offrire al vostro bambino è su più fronti: genitoriale, sociale, personale. Anche qui, via al rinforzo positivo e bando, il più possibile, alle critiche. Come genitori chiedetevi che tipo di aspettative abbiate su vostro figlio: lui le percepisce e, se sono troppo alte, si chiude nel suo guscio per timore di deludervi. Cercate di non parlare mai male di lui, nemmeno quando ha combinato una marachella, con estranei e non prendetelo mai in giro, nemmeno bonariamente: alcuni genitori lo fanno con l'intento di rafforzare il carattere dei piccoli, creando involontariamente in loro un forte senso di disagio. Non permettete nemmeno che altri lo facciano. Fatelo invece sentire amato e apprezzato esattamente com'è, cercando di fargli arrivare il messaggio che sforzarsi, un passo alla volta, di superare questa timidezza, non migliorerebbe lui come individuo ma gli semplificherebbe la vita.

Continua la lettura
45

Crea occasioni di socializzazione

Cercate di creare occasioni di socializzazione in cui possa mettersi alla prova, seguendo le sue inclinazioni: per esempio potreste iscriverlo a un corso di nuoto. Esistono inoltre moltissime scuole di recitazione per baby attori: magari non diventerà Marlon Brando, ma questi corsi sono utilissimi per vincere le proprie insicurezze. Evitate quelli eccessivamente competitivi. Ricordatevi però di non forzarlo mai: se la scuola di karate non gli piace, non imponetegliela. In un contesto diverso da quello scolastico in cui dovrà rapportarsi anche con altri bambini, mettendosi alla prova, soprattutto se riesce bene in quel che fa, pian piano imparerà a fidarsi di se stesso e, di conseguenza, a interagire col prossimo, anche il classe. Sarebbe bene teneste comunque presente, però, che se il suo temperamento è introverso lo potrete aiutare un po', ma non potrete mai trasformarlo in un bambino spavaldo, ed è giusto che sia così: soprattutto rispettatelo, sempre.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso di famiglie con più figli è importante cercare di non creare delle competizioni fra fratelli, che potrebbero far pensare a un figlio di essere migliore e all'altro di essere peggiore.
  • L'educazione alla manualità è importante nella creazione dell'autostima. Spronateli a realizzare dei piccoli lavoretti, senza interferire: il lavoro finale non deve essere bello, ma dimostrare che il bambino è capace di creare qualcosa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare un bambino a farsi degli amici

Una sana vita sociale fin da piccoli aiuta a formare adulti felici e consapevoli. Ecco perché è importante che i genitori aiutino il proprio bambino a superare eventuali resistenze nel confrontarsi con gli altri compagni di gioco e di scuola. È bene...
Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
Bambino

Come aiutare il bambino da 0 a 3 mesi a dormire

Il sonno è fondamentale per la serenità del bambino. L'alternanza tra le ore di veglia e quelle dedicate al riposo assicura al piccolo una corretta scansione della giornata. I neo genitori devono quindi aiutare il bambino a trovare il ritmo adeguato...
Bambino

Come comportarsi se il bambino non vuole andare a scuola

Educare un bambino non è mai semplice, soprattutto per un novello genitore che si trovi alle prese con un bambino dal carattere forte e capriccioso. Per questo alle volte dei buoni consigli potrebbero aiutarvi a fare scelte giuste e ponderate ed a crescere...
Bambino

Come aiutare il bambino a superare un lutto

Perdere una persona cara succede prima o poi a tutti. Se la persona è un familiare molto stretto, come un genitore, un fratello o un nonno, la vita non sarà mai più come prima. Quando la perdita accade ad un bambino, gli adulti non sanno proprio come...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la paura dei cani

Chiunque può avere paura dei cani ma capita più frequentemente nei bambini che, pur non essendo mai stati morsi dall'animale, ne hanno timore. Questo succede perché il loro comportamento vivace mette i cani in condizione di euforia o rabbia, che li...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un cane

La perdita del proprio cane è un evento luttuoso. Si prova un dolore identico alla scomparsa di una persona cara. Si dà per scontato che un cane viva meno di un essere umano. Eppure, quando questo splendido animale muore, in casa resta un enorme vuoto....
Bambino

Come aiutare un bambino a concentrarsi

Oggi, la concentrazione per un bambino, è qualcosa davvero di difficile da trovare e mantenere, Questo perché, con le tante distrazioni e le fasce d'età delicate che si ritrovano ad affrontare, restare focalizzati su qualcosa diventa quasi una sfida....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.