Come aiutare i figli ad accettare le sconfitte

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

È capitato a tutti di ricevere delle sconfitte e di prenderla male. Tuttavia, quando gli insuccessi riguardano i figli, in definitiva vengono colpiti anche i loro genitori. Non è semplice vedere il proprio bambino stare male, soprattutto se si tratta di un qualcosa non semplice da trattare. La rabbia, la depressione, l'insofferenza, dei pianti inconsolabili sono degli stati d'animo che per le mamme vengono avvertiti come delle lame affilate. Purtroppo, non esiste un metodo per impedire che questi momenti accadano. L'unica cosa da fare è aiutare i propri figli ad accettare le sconfitte, che in ogni caso aiutano il bambino a crescere. In questa guida vi daremo alcuni piccoli suggerimenti su come aiutare i propri figli ad accettare le sconfitte.

25

Appena capita l'occasione, è fondamentale parlare con il proprio figlio in maniera molto tranquilla. Probabilmente, lui stesso tenderà ad allontanare qualsiasi genitore che si avvicina a lui in momenti delicati, in quanto non avrà l'intenzione di parlare. La cosa che un genitore deve fare è quella di spiegare al proprio figlio che dispiace vederlo così sofferente, per cui si desidera stare accanto a lui, in modo da aiutarlo a risolvere i problemi. Il primo passo da compiere consiste nel liberarlo dal peso che si porta addosso. Lui proverà, senz'altro, un forte senso di vergogna per essere stato sconfitto, ed all'inizio sarà restio ad aprirsi con il proprio genitore. A questo punto, è fondamentale che il genitore stesso gli racconti un'esperienza personale che è stata a dir poco disastrosa per sé stesso, ma che allo stesso tempo è stata significativa ed importante per lo sviluppo. Ad esempio, essere stato cacciato dalla squadra di pallavolo può aver permesso di avvicinarsi ad altri sport, come diventare un buon giocatore di calcio. Oppure, essere stata trattata male dai propri amici può aver dato la possibilità di aver instaurato nuove amicizie, magari più sincere rispetto alle precedenti. Se si riesce, è buona norma cercare di strappargli un sorriso, in modo che sia più propenso a raccontare quello è successo. Una volta che si sarà completamente aperto, è necessario non criticarlo, restare sul neutrale e chiedergli quale aspetto lo fa star male maggiormente. Successivamente, è necessario spiegargli che tutta la vita, di qualsiasi essere umano, è caratterizzata da vittorie e da sconfitte, e che entrambe fanno parte di un lungo cammino che è necessario affrontare per poter crescere. L'aspetto principale è il modo in cui si affrontano i momenti che sembrano più difficoltosi. Sono i genitori che devono dare un peso maggiore o minore ad ogni evento. Quindi, insieme a lui, è importante tentare di trovare una soluzione al problema che affligge il figlio. La risposta a tutto ciò può essere più o meno banale, l'importante è trovarla. In questo modo, il figlio potrà vedere il classico bicchiere mezzo pieno, anche se tutti gli altri diranno che è mezzo vuoto.

35

Per concludere, è necessario tentare di distrarre il proprio figlio. Quindi, è importante portarlo fuori a prendere un gelato, oppure andare a giocare al bowling, o ancora, cucinare qualcosa insieme. La giornata deve terminare bene, così come si è svolta. Quindi, il figlio deve ricordare quanto è stato fatto per lui, per aiutarlo a superare quel brutto periodo. Nella sua mente, deve comparire la percezione che si soffre di meno se si affrontano i problemi con i propri cari. Lui deve capire che accettare una sconfitta significa potere andare avanti, senza abbattersi, ma trovare un modo per tornare sempre a galla, qualsiasi cosa possa essere accaduta. Quindi, cercare di non pensare sempre ai problemi, ma ricominciare a vivere.

Continua la lettura
45

Viene tuttavia da chiedersi come fare per trasmettere ai propri figli che perdere non significa essere dei perdenti. Oppure, occorre far capire al proprio figlio che una sconfitta deve essere accettata, in quanto rappresenta una prova di forza personale. È possibile applicare alcune regole pratiche, che andiamo ora ad indicare. Quando il bambino è molto piccolo e si gioca con lui, è preferibile sforzarsi di non farlo vincere sempre, in modo che potrà tentare di superare le proprie frustrazioni in famiglia, prima che con degli estranei. Lodare i suoi successi ma senza enfasi, è un'altra buona regola di carattere generale. Di fronte ai suoi insuccessi e magari di fronte ad una sua reazione eccessiva, non è il caso di arrabbiarsi in modo eccessivo, senza cercare di sdrammatizzare fin troppo. È opportuno fargli comprendere che si capisce la sua delusione, ma che perdere è possibile e che la prossima volta magari potrà vincere. È consigliato lodare il proprio figlio se nel gioco dimostra di attenersi alle regole, anche rischiando di perdere. Occorre, inoltre, insegnarli che una sconfitta può rappresentare una nuova opportunità, ed un'occasione per migliorare. Inoltre, aiutarlo a comprendere dove ha sbagliato, in modo da non ripetere gli stessi errori. Quindi, offrirgli la possibilità di fare autocritica e di migliorarsi, dal momento che la vittoria dopo la sconfitta, diventa un modo per conferire un nuovo vigore. Anzi, si può far comprendere al proprio figlio che la vittoria dopo la sconfitta produce una maggiore soddisfazione, in quanto è stata guadagnata e meritata con duro lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Affronta tutto con molta serenità: in questo modo la trasmetterai anche a tuo figlio

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come fare accettare la propria disabilità ad un bambino

La diversità rappresenta un problema serio, è inutile negarlo. Essa infatti compromette quelle che sono le normali attività, causando una sensazione di alienazione dal mondo, di inadeguatezza, di “mancata accettazione reciproca”. Il problema di...
Bambino

5 libri che aiutano ad accettare il nuovo fratellino

In molti casi è difficile per i primogeniti affrontare l'arrivo di un nuovo fratellino, si scatenano gelosie ed incomprensioni che creano un clima teso all'interno del nucleo familiare; il compito dei genitori è quello di far comprendere ai figli il...
Bambino

Come educare i figli alle pulizie di casa

Uno dei classici tormentoni della mamma italiana è il tipico "questa casa non è un albergo". Giusto. Allora perché non cominciare fin da subito ad educare i figli alle pulizie di casa? Spesso pensiamo che i bambini non possano essere in grado di aiutare...
Bambino

Come aiutare un bambino timido

Come è possibile riuscire ad aiutare efficacemente un qualsiasi bambino timido? Qualora il vostro piccolo soffra di timidezza, è necessario cercare di incoraggiarlo a reagire, in modo che si possa inserire bene all'interno di un gruppo di persone coetanee,...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un gatto

Pur tenendo conto che ciascuno di noi è diverso e vive la perdita del proprio animaletto, coniglietto, gatto o un altro animale che sia, tale articolo vi vuole spiegare come aiutare un bambino a superare questo trauma. Sempre più spesso gli animali...
Bambino

10 buoni motivi per iscrivere i figli ai campi estivi

Finita la scuola cosa fare per i propri figli? I campi estivi sono un'ottima soluzione, dato che finita la scuola ed è ancora presto per partire per le ferie. Coi campi estivi si possono conciliare le esigenze lavorative con quelle di accudire i figli....
Bambino

10 regole per crescere figli felici e sereni

"I figli sono pezzi del nostro cuore", così un noto detto stabiliva una delle più profonde realtà che un genitore ha verso i propri figli. Molte volte ci ritroviamo alle prese con i problemi della vita ma l'unico pensiero che attraversa la mente di...
Bambino

Come aiutare un bambino durante il divorzio

All'interno della presente guida, andremo a parlare di un tema molto delicato, che viene sempre più alla ribalta ogni qualvolta i dati nazionali sui divorzi risultano esser in un trend di crescita, sto parlando dei bambini. Nello specifico, come avrete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.