Come affrontare la nascita del secondo figlio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Scoprirsi in attesa del secondogenito può essere un evento programmato o del tutto inaspettato, ma di certo non è meno emozionante della prima gravidanza. Alla stessa maniera, però, questo avvenimento può essere accompagnato da paure e tensioni, vissute sia dai genitori che dal primogenito. In questa guida vedremo come affrontare al meglio la nascita del secondo figlio e punteremo i riflettori sia su tutto ciò che precede il parto che sulle fasi post-natali. Conosceremo anche i consigli di una specialista nel settore, Lorna Clack, consulente genitoriale che dal 2003 si occupa di fornire assistenza ai neo genitori.

25

Valutare bene pro e contro prima di prepararsi ad una seconda gravidanza

Quando si ha un forte desiderio di genitorialità, la percezione gestaltica dell'evento può spingere a cercare una seconda gravidanza. Sebbene dalla prima esperienza i genitori abbiano imparato come fare il bagnetto, come insegnare l'uso del vasino, come preparare cibi adeguati ogni 3 ore esatte, come cullare un neonato che piange nel cuore della notte e si sentano preparati a gestire un nuovo ingresso in famiglia, si deve sempre ponderare per bene sui pro e sui contro di questa scelta. "Bisogna valutare se il primo figlio mangia autonomamente, se si sveglia ancora nel cuore della notte, ad esempio", chiarisce la Clark. La presenza di due bambini in casa rappresenta un carico di lavoro importante ma diventa nettamente più gravoso se il primo figlio dipende ancora troppo dall'assistenza di mamma e papà. In aggiunta a tutto questo, considerate che l'esuberanza del primo figlio ed i suoi schiamazzi diurni potranno svegliare più volte il neonato; quest'ultimo tuttavia restituirà con piacere il favore urlando insistentemente nel cuore della notte e spezzando il sonno al primo.

35

Educare il primogenito e prepararlo all'ingresso del fratello in famiglia

Non tutti i bambini sono entusiasti di avere un fratello o una sorella, poiché temono di poter perdere la priorità assoluta agli occhi dei genitori. Questo meccanismo di difesa può essere ostacolato con qualche semplice trucco psicologico. Al posto di dire al minore "avrai un fratellino" (il che dirotta implicitamente l'attenzione sul nascituro), provate con un più maestoso "tu sarai il fratello maggiore". L'idea di rivestire un ruolo importante ha la capacità di rompere lo schema che spinge il bambino a rifiutare il nuovo arrivato. È giusto che il primogenito conosca il fratello o la sorella nelle primissime fasi dopo il parto ma va responsabilizzato: per fare ciò, dategli un gioco o qualcosa che lui possa portare in dono al neonato, va bene anche un piccolo peluche. Lasciate che compia il gesto con i suoi tempi ma incoraggiatelo molto e non sgridatelo se inizialmente sembra poco convinto. Per evitare il trauma della sostituzione, se solevate lasciare riposare il vostro bambino nel lettone con voi quasi tutte le sere, almeno 3 mesi prima del parto abituatelo a dormire da solo. Così facendo non considererà il nuovo arrivato come la causa implicita del cambio di comportamento da parte vostra. Fate in modo che lui si senta davvero grande e pertanto importante. Anche in questo caso la Clark ci viene in aiuto e ci dice: "potete regalare al vostro primo figlio una scatola riempita con giochi semplici, ma inadatti al neonato. Vanno benissimo le costruzioni. Ditegli che lui e soltanto lui può possedere la scatola ed il suo contenuto, che al fratello minore questo lusso non è concesso e fategli assaporare il piacere di essere in qualche modo speciale". Ogni tanto cambiate i giochini all'interno della scatola di modo che viaggi con la fantasia e si convinca di possedere un oggetto magico.

Continua la lettura
45

Allontanare i sensi di colpa ed insicurezza sulle proprie capacità genitoriali

Avere un figlio è un'esperienza bellissima che riempie la vita. Averne due, a volte la satura: gli impegni, i doveri, le necessità di famiglia si accavallano e si possono vivere periodi di sregolatezza. Non sentitevi mai dei cattivi genitori, non sentitevi in colpa se una sera volete uscire e decidete di lasciare i figli alle cure di una baby sitter. Non sentitevi insicuri paragonandovi ad altri genitori che ai vostri occhi appaiono perfetti, fate solo del vostro meglio. Approfittare delle ore in cui i bambini dormono per smaltarsi le unghie, fare quattro chiacchiere al telefono, bere un caffè con gli amici, mangiare un gelato o farsi un bagno rilassante non vi rende padri e madri meno attenti. Concedetevi pure dei break giornalmente, lunghi anche solo 5 o 10 minuti, e godeteveli tutti.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Passate del tempo con il figlio maggiore proprio mentre il minore dorme. Non è importante quanto tempo investiate, quello che conta è la qualità del tempo speso assieme. Coinvolgetelo in giochi, canzoni, balli, fategli sentire tutto il vostro affetto in modo che non si senta trascurato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

Ansia da parto: come tranquillizzarsi

La donna attraversa uno dei periodi più belli ma anche più difficili della sua vita, quando decide di avere un figlio. Durante la gravidanza le ansie che ogni donna sviluppa nei confronti della gravidanza stessa, del parto e della maternità, sono molteplici...
Parto

Cordone ombelicale annodato: i rischi

In questa guida, vogliamo tentare di aiutare tutti i nostri lettori e lettrici, che magari sono in attesa del proprio figlio, a capire qualcosa di più sul cordone ombelicale. In questo modo si potrà imparare quali sono i veri rischi che si corrono,...
Parto

Come far affezionare il cane al neonato

L'amico a quattro zampe fa parte della famiglia, e come spesso accade per il bambino, alla nascita del fratellino, il meccanismo di gelosia che potrebbe scatenarsi è praticamente lo stesso. Vediamo quindi dei pratici consigli su come far affezionare...
Parto

Come sgonfiare la pancia dopo il parto

Dopo una gravidanza i tessuti epidermici del ventre risultano spesso rilassati con la conseguente causa di apportare un antiestetico cuscinetto nel giro vita. Questo è un avvenimento assolutamente naturale che non dovrebbe provocare problematiche importanti...
Parto

Come riconoscere la rottura delle acque

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso...
Parto

Guida agli ospedali attrezzati per il parto in acqua

Negli ultimi 10 anni le ricerche hanno dimostrato che l'immersione in acqua calda può abbreviare il parto e renderlo meno doloroso. Partorendo in acqua, le donne hanno meno probabilità di richiedere l'uso di farmaci come petidina o epidurale, per diminuire...
Parto

Esercizi per ridurre la pancia dopo il parto

La gravidanza per qualsiasi donna rappresenta un evento importantissimo della vita che porta a provare diverse sensazioni ed emozioni Una volta avvenuto il parto però, arriva anche il momento in cui bisogna fare i conti con i chili accumulati e riprendere...
Parto

5 segnali che il parto si avvicina

Quali sono i 5 segnali che ci fanno capire che il parto si sta avvicinando? Alcuni sono più evidenti, altri meno... Ma è importante conoscerli e soprattutto saperli riconoscere al momento opportuno. Ci sono infatti una serie di piccoli accorgimenti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.