Come affrontare la gelosia tra bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La gelosia tra bambini è un evento piuttosto frequente, che si tratti di gelosia tra fratelli o tra compagni di scuola. Quando un nuovo bambino arriva in famiglia, l'equilibrio a tre si spezza inevitabilmente, ed è naturale che il nuovo arrivato porti con se un inaspettato scompiglio nel piccolo mondo del primogenito abituato a vedersi rivolte attenzioni che poi "vengono meno". In realtà così non è: ciascun fratellino avrà le attenzioni giuste, ma non sarà facile farlo capire al primo arrivato, soprattutto quando sono di sesso opposto!
Al tempo stesso l'ingresso di un bambino nel mondo della scuola e dei primi rapporti con i coetanei conduce alle prime difficoltà relazionali ed alle prime gelosie per accaparrarsi l'affetto di una maestra o il giocattolo preferito.
Ma allora come affrontare la gelosia tra bambini?

24

Quando la gelosia infantile scaturisce dal sentir meno la presenza di uno dei due genitori (soprattutto della mamma occupata ad allattare il piccolo o stanca per le nottate e quindi senza molte energie) può portare anche ad aggressività contro il fratellino o la sorellina vista come compagnia indesiderata.
Il punto di partenza per fronteggiare le manifestazioni di gelosia è la comprensione del disagio e del drammatico "effetto sorpresa" che l'arrivo di un secondo bambino può sortire sul primo figlio, sconvolgendo tutto quello a cui era abituato! Cosa fare quindi? Parlare con il primogenito e farlo sentire anche lui responsabile del fratellino più piccolo ed indifeso. Così facendo si caricherà di un compito importante e si sentirà ben considerato stabilendo un rapporto più solido con i genitori e creando una certa complicità. Piano piano imparerà ad amare il nuovo arrivato ed a considerarlo suo! Sarà poi geloso infatti che altri possano toccarlo e questo sarà un altro problema, che piano piano si potrà facilmente fronteggiare.

34

Insegnare ad un bambino a condividere gli spazi, i giocattoli, l'affetto di genitori, parenti ed insegnanti è difficile, ma non impossibile. All'inizio sarà difficile far vincere i capricci al più piccolo e deludere il più grande, ma successivamente sarà il primogenito volontariamente ad accontentare il piccolo felicemente.
L'attenzione ai dettagli, agli stati d'animo dei figli ed alle loro necessità è fondamentale e prendendoci cura del primogenito, lodandolo quando protegge il fratellino o la sorellina faremo in modo che si impegni ad essere un modello di riferimento per il nuovo arrivato, il suo protettore fiero!

Continua la lettura
44

Il bambino geloso non va sgridato o rimproverato con urla e punizioni: in questo modo si sentirebbe maggiormente penalizzato e messo da parte dal genitore o dall'insegnante da cui ricerca invece affetto e rassicurazione.
La giusta strategia sta invece nell'essere per quel bambino un porto sicuro, sempre presente dimostrandogli che nessun nuovo bambino arrivato in famiglia e nessun altro piccolo allievo potrà mai, con la sua presenza, rubare il suo amore e portargli via la dimensione di sicurezza affettiva di cui ha bisogno per crescere e per essere felice. Quando il piccolo crescerà dovrà anche questi però imparare come ha fatto il fratello maggiore a condividere i propri giocattoli e a non aspettarsi che vengano esauditi tutti i suoi capricci, altrimenti nella dimensione scolastica potrebbero verificarsi aggressioni per eccessiva possessività dei giochi e scarsa tendenza alla condivisione.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come affrontare il periodo dei no nei bambini

Il mestiere del genitore è uno dei più belli, ma anche uno dei più difficili perché non esistono delle regole che basta seguire per diventare dei buoni genitori. Molto dipende dal modo in cui un genitore si pone nei riguardi di un bambino, ma molto...
Bambino

Come affrontare il rientro dalle vacanze con i bambini

Affrontare il rientro dalle vacanze, è sempre un po traumatico, non è molto piacevole, difatti, ritornare ad affrontare la quotidianità, rientrare e fare i conti con le incombenze lavorative e familiari. Non sono solo i grandi a soffrire del distacco...
Bambino

Come aiutare i bambini ad affrontare i problemi

A seconda dell'età non sempre è semplice aiutare i bambini ad affrontare i problemi.A volte non sanno esprimere il loro disagio o la loro sofferenza indirizzandoli nella giusta direzione.Altre volte invece non sanno spiegare il problema che li afflige...
Bambino

Come aiutare i bambini ad affrontare un cambiamento

I cambiamenti sono una cosa normale e all'ordine del giorno nella vita di ognuno di noi, saperli affrontare nella maniera corretta dipende molto spesso dall'educazione che ci viene data in tenera età, dalla mentalità che ci viene preposta fin da piccoli....
Bambino

Come affrontare la celiachia nel bambino

La celiachia, detta anche enteropatia glutine-sensibile, è una malattia autoimmune caratterizzata da una intolleranza permanente al glutine. Nello specifico, l'intestino del bambino celiaco non riesce ad assimilare il glutine che, considerato tossico,...
Bambino

Come affrontare i risvegli notturni

Nei primi mesi di vita tutti i bambini sono soggetti a frequenti passaggi tra le fasi di sonno leggero e di sonno pesante. Questa situazione può provocare una diminuzione della qualità del sonno, con possibili manifestazioni di pianto o momenti di lamento...
Bambino

Come aiutare un bambino a non essere geloso degli altri

Iniziamo subito col dire che crescere un bambino ed educarlo al meglio è una delle imprese più difficoltose e allo stesso tempo impegnative per un genitore o per un educatore. Uno dei momenti più difficili da superare infatti, è quando nasce un fratellino,...
Bambino

Come affrontare i primi dentini del bimbo

Il primo periodo in cui spuntano i dentini ai neonati è sicuramente un momento molto delicato e critico. Ogni bambino, comunque, ha la dentizione in diverso modo e tempo. Già alcuni possono iniziare ad averla nel terzo mese di vita per esempio, mentre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.