Come affrontare il rientro al lavoro dopo il congedo di maternità

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La maternità è certamente un'esperienza bellissima ed unica nel suo genere. Ogni mamma la vive in modo diverso, ma l'attaccamento al bambino è sempre di una forza straordinaria, tanto che una mamma lavoratrice ha sempre difficoltà a rientrare a lavoro dopo la fine del congedo. Si ha sempre molta paura di affidare il bambino ai nonni o a mani estranee, perciò questo distacco potrebbe risultare un vero e proprio trauma in alcuni casi. Questa guida si propone di spiegarvi come affrontare al meglio il rientro al lavoro dopo il congedo di maternità.

25

La baby-sitter

Se la scelta ricadrà sull'affidare affidare il bambino ad una baby-sitter o ad un asilo nido, forse il distacco sarà emotivamente più forte per entrambi. Innanzitutto cercate di farvi consigliare da persone fidate, in modo che possiate stare tranquille del posto e delle persone che si occuperanno del piccolo. Nel caso in cui il vostro lavoro ve lo consente, cercate di fare un orario ridotto, per i primi tempi, in modo tale che aumentando il tempo di distacco piano piano la cosa non sia troppo pesante e gravosa.

35

La determinazione

Siate forti e determinate, pensate a voi stesse, pensate che state riprendendo in mano la vostra vita e state tornando a quella che fino a qualche mese prima era la vostra vita quotidiana.
Potrete riconquistare la vostra identità di donna e non solo di mamma! Ricomincerete a pensare un pochino di più a voi stesse, di vestirvi accuratamente e di rimettere quel filo di trucco che non guasta mai. Interagirete nuovamente con persone che parlano di argomenti diversi da poppate e pannolini; sarete nuovamente, anche se solo per qualche ora, regine della vostra vita!

Continua la lettura
45

Il fattore psicologico

Il fattore psicologico è sicuramente quello più stressante. Naturalmente potete pensare che anche durante il lavoro potrete in qualsiasi momento telefonare per sincerarvi delle condizioni di salute del bambino, senza però esagerare, perché rischierete di accumulare dello stress aggiuntivo.

55

I nonni

Infine ricordate che sarà un passo difficile sia per voi che per lui: quindi per affrontare la situazione al meglio, soprattutto dal punto di vista psicologico del bambino, vi consiglio un distacco graduale. Nel caso in cui, tornando a lavoro, deciderete di lasciare il bambino ai nonni, sarebbe meglio iniziare qualche giorno prima a lasciarlo solo con loro, anche per poco tempo. Non dimenticate di portare insieme a lui il suo pupazzetto preferito; ciò lo farà sentire sicuramente più al sicuro: siate tranquille e rendete ai suoi occhi il distacco il più naturale possibile; dovete essere forti e trasmettere a lui la sicurezza.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Guida ai diritti delle mamme lavoratrici

Molte donne che avranno presto la gioia di diventare mamme si interrogano sui diritti che gli spettano una volta che avranno raggiunto il limite massimo per poter lavorare essendo in stato di gravidanza. Quindi iniziano a pensare e cercare di capire termini...
Famiglia

Come affrontare una discussione con i genitori

Il rapporto tra genitori e figli incide enormemente sullo sviluppo dei ragazzi e sullo stato dell'intera famiglia. Spesso si ritiene - talvolta sbagliando - che tali relazioni siano sempre prive di attrito e incomprensioni, almeno nelle prime fasi della...
Famiglia

Come sopravvivere a figli, lavoro, casa

Per una donna fare la mamma, lavorare e "badare" alla casa dando sempre il massimo rappresenta una vera e propria sfida quotidiana. Oggi, in effetti, molte donne riescono a farlo anche se molto spesso vengono supportate da aiuti esterni come per esempio...
Famiglia

Come affrontare i viaggi con un bambino piccolo

Quando si hanno bambini piccoli, è sempre preferibile evitare spostamenti troppo impegnativi e prolungati, ma, se organizzati con attenzione, i viaggi insieme possono costituire un'esperienza piacevole per tutta la famiglia. Valutando e programmando...
Famiglia

Come affrontare l'adolescenza dei figli

La fase di passaggio dall'età infantile all'età adulta è un periodo molto delicato per i nostri ragazzi e spesso è difficile da affrontare anche per i genitori. I conflitti che spesso si innescano nelle famiglie con figli nella fase dell'adolescenza...
Famiglia

Come affrontare un trasloco con i bambini

Cambiare casa è un evento che comporta una cambiamento delle abitudini di vita di tutta la famiglia. Per i più piccoli, ad esempio, un trasloco può significare il trasferimento in una nuova scuola, la perdita di vecchi amici e la necessità di farsi...
Famiglia

Come affrontare i primi giorni a casa con un neonato

Dopo una lunga gravidanza di nove mesi giunge il momento del lieto evento. Avere un bambino è una delle esperienze più rivoluzionarie per la vita di una famiglia. In particolar modo è la mamma a subire più cambiamenti e a sentire le sensazioni più...
Famiglia

5 consigli per affrontare i risvegli notturni dei bambini

Dormire bene è alla base per un buon sviluppo psicofisico; durante la notte infatti, viene rilasciato un'importante sostanza per il nostro corpo, la "somotropina" nota anche come "ormone della crescita", la cui funzione è quella di promuovere il corretto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.