Come affrontare il problema dello strabismo nel bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Prima di iniziare la trattazione dell'argomento, facciamo una breve parentesi spiegando che l'apparato visivo nel bambino si sviluppa nei suoi primi anni di vita e si dice completo solo quando giunge alla maturazione delle strutture che collegano l'occhio al cervello. Un sistema visivo buono, permetterà al bambino di vedere in maniera nitida e congiunta da entrambi gli occhi; di contro, una visione ostruita da ostacoli inciderà sullo sviluppo visivo ma anche su quello psicologico. Di solito, i "danni" visivi nel bambino si evidenziano nei primi 12 mesi di vita e quindi se si interviene in tempo sarà poi più facile giungere ad una completa guarigione. Tra i tanti deficit levati alla vista, abbiamo anche lo strabismo. Vediamo con questa guida come affrontare tale problema nel bambino.

24

Lo strabismo in generale

Lo strabismo non ha una regola fissa di intervento, ma ogni paziente è un caso a sé e poi va fatta sempre una distinzione fra gli adulti e i bambini. Per quest'ultimi, il metodo più semplice per aiutare l'occhio strabico a riacquistare la vista è quello di bendare l'altro occhio in maniera tale che sia solo l'occhio deviato ad inviare informazioni al cervello. Ciò può avvenire anche in età molto giovane e addirittura nei primi mesi di vita. In alcune forme di strabismo poi è necessario intervenire chirurgicamente per correggere il difetto; ma vi sono anche tante altre situazioni dove l'uso di lenti correttive può risolvere il problema o almeno rimandare l'intervento in età più adulta. Infine è bene ricordare che non sempre il non perfetto allineamento degli occhi del bambino è segno di strabismo; infatti nei primi mesi di vita i bambini non sono in grado di controllare i movimenti dei due occhi e nemmeno di usarli contemporaneamente.

34

Le due patologie

Esistono varie forme di strabismo ma per quanto riguarda le cause esse possono essere legate sia a difetti rifrattivi, quanto ad anomalie oculari, senza dimenticare il fattore ereditario. Di solito nel bambino la causa più frequente è il difetto rifrattivo non corretto, come per esempio l'ipermetropia (che provoca strabismo convergente) oppure l'ambliopia cioè una visione ridotta di un occhio rispetto all'altro.

Continua la lettura
44

Conclusioni

In sintesi, il mancato allineamento dei due occhi fa si che l'occhio deviato invii al cervello un'immagine diversa rispetto all'altro occhio; il cervello quindi per evitare "confusione" tenderà ad escludere l'immagine riportata dall'occhio strabico. Se ciò avviene per tanto tempo, l'occhio escluso potrà perdere parte della vista o non svilupparla correttamente. Ecco perché è importante osservare bene i bambini e intervenire in caso di manifestazioni evidenti di strabismo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come affrontare la celiachia nel bambino

La celiachia, detta anche enteropatia glutine-sensibile, è una malattia autoimmune caratterizzata da una intolleranza permanente al glutine. Nello specifico, l'intestino del bambino celiaco non riesce ad assimilare il glutine che, considerato tossico,...
Bambino

Come affrontare i tic del bambino

Durante la crescita del bambino siamo sempre attenti a qualsiasi evento o malessere che possa turbare la sua serenità. La crescita dei dentini o un semplice raffreddore è sempre fonte di preoccupazione per i genitori. Ci sono anche delle situazioni...
Bambino

I difetti visivi nel bambino

I difetti visivi nel bambino possono manifestarsi sin dalla nascita, o sopraggiungere in varie fasi della crescita. Generalmente già in tenera età, circa il 6 / 7 % dei bambini, in una fascia che può essere compresa entro i 5 - 6 anni, presenta disturbi...
Bambino

Come scoprire se il bambino ha problemi alla vista

I problemi alla vista sono molto frequenti specie nei primi anni di vita ma con una accurata diagnosi e una altrettanta tempestiva cura si possono rilevare guarigioni totali. In questa guida vedremo come scoprire se il bambino ha problemi di vista. È...
Bambino

L'occhio pigro nel bambino

L'occhio pigro nel bambino, propriamente "ambliopia", è una disfunzione che comporta il calo della vista da uno o entrambi gli occhi ed è, spesso, accompagnata da un lieve strabismo. Dal momento che questa patologia colpisce soprattutto soggetti in...
Bambino

Come fare accettare la propria disabilità ad un bambino

La diversità rappresenta un problema serio, è inutile negarlo. Essa infatti compromette quelle che sono le normali attività, causando una sensazione di alienazione dal mondo, di inadeguatezza, di “mancata accettazione reciproca”. Il problema di...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la balbuzie

La balbuzie è un'alterazione del linguaggio. È caratterizzata dall'uso di suoni ripetitivi o prolungati. Sono frequenti delle pause tra una parola e l'altra. A volte ci sono dei veri e propri blocchi nella fonazione. Il balbuziente formula un pensiero,...
Bambino

Come comportarsi se il bambino non vuole andare a scuola

Educare un bambino non è mai semplice, soprattutto per un novello genitore. Per questo alle volte dei buoni consigli potrebbe aiutare a fare le scelte giuste che vi permetteranno di compiere delle scelte ponderate. Solo così potrete riuscire a crescere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.