Come affrontare il colloquio con gli insegnanti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il primo colloquio con gli insegnanti è un momento cruciale della vita scolastica di un bambino. In questa occasione genitori e docenti iniziano a farsi un'idea, sia della persona a cui affidano il loro bambino (sarà una persona didatticamente valida e affidabile? Sarà un/a buon/a educatore/trice?), sia dell'ambiente di provenienza della stessa. Ciascuno, in questa occasione, com'è inevitabile che sia, trarrà le sue conclusioni. Ecco come affrontare il colloquio con gli insegnanti dei propri figli.

26

Occorrente

  • Buon senso
  • Obiettività
  • Capacità di comprendere le persone
  • Educazione
  • Intelligenza
36

Farsi un'idea anticipatamente

Solitamente gli incontri scuola - famiglia avvengono dopo qualche mese dall'inizio delle lezioni. I genitori quindi, sia grazie ai racconti dei figli, sia confrontandosi con madri e padri di altri compagni, hanno già l'opportunità di farsi un'idea riguardo alle personalità dei diversi insegnanti dei propri figli. Tali informazioni saranno utili, più che altro, per comprendere il modo con cui relazionarsi con il docente in questione; essere schietti ed arrivare subito all'eventuale problema senza tanti preamboli o indorare la pillola, discutere in maniera formale o prediligere una modalità più colloquiale, sono tutte informazioni che possono facilmente essere desunte proprio grazie all'interazione con il figlio e gli altri genitori. È comunque preferibile mantenere un approccio di valutazione autonoma del docente, senza farsi eccessivamente condizionare dalle opinioni degli altri genitori, che per questioni anche personali, potrebbero distorcere la buona reputazione di un insegnante, o comunque essere influenzati da giudizi espressi dai ragazzi a fronte di eventuali negligenze dei discenti stessi.

46

Non esporsi eccessivamente

Qualora invece l'incontro con i docenti avvenga in tempi più precoci, magari il giorno prima dell'inizio delle lezioni, è sempre bene non esporsi eccessivamente; il docente infatti non ha ancora avuto modo di dimostrare il proprio valore didattico e rivelare il carattere, quindi nessuna critica, specie se porta in maniera brusca, può essere ben accolta. Si consiglia in questi casi di lasciare l'iniziativa all'insegnante, farlo parlare ed elaborare una prima idea del suo modo di essere. Qualora ci si trovasse in posizioni contrastanti sarà bene esprimere, con calma, umiltà ed educazione, il proprio punto di vista. Nell'esposizione delle proprie idee bisognerà fornire anche una spiegazione dell'eventuale ragione del disappunto e magari condire il tutto con dell'autoironia (p. Es., prendendosi in giro per la tendenza ad essere ansiosi o per l'incapacità di comprendere una specifica materia, facendo del disappunto una pecca personale); un sorriso può aiutare a risolvere situazioni potenzialmente complicate, evitando che il proprio figlio divenga oggetto di ritorsione da parte di alcuni insegnanti vendicativi.

Continua la lettura
56

Non difendere i propri figli a spada tratta

Infine è consigliabile non difendere i propri figli a spada tratta; non sempre questi rendono al massimo e non sempre il comportamento che tengono in presenza dei genitori è uguale a quello adottato davanti agli insegnanti e soprattutto ai coetanei. È fondamentale non soltanto tener conto di eventuali negligenze o deficit in terrmini didattici, ma anche analizzare condotte e comportamenti talvolta lesivi della fisicità e/o della psicologia di altri bambini e ragazzi, al punto tale di innescare veri e propri fenomeni di bullismo.
Ad un'eventuale critica del docente deve sempre seguire una verifica privata molto accurata. Soltanto dopo aver agito così, si può, semmai, ritentare un dialogo con l'insegnante in modo da collaborare al fine di elaborare delle idonee strategie educative.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come scegliere una scuola materna

L'ingresso nella scuola materna rappresenta per il bambino un momento fondamentale. Proprio nella scuola materna il piccolo amplia la sua rete di conoscenze e accede al mondo della socialità. Per i genitori dunque, scegliere una buona scuola materna...
Bambino

Come organizzare un laboratorio teatrale per bambini

Il teatro per l'infanzia rappresenta un'ottima esperienza di crescita per i più piccoli. Infatti il gioco teatrale serve a stimolare tutta quanta l'espressività dei bambini, mediante il linguaggio verbale e quello corporeo. Mediante questa metodologia,...
Bambino

Come capire se il bambino ha problemi di apprendimento

Molte volte i problemi che ha un bambino per quanto riguarda lo studio riguarda l'apprendimento. Questa può essere la parte più dura che provoca la mancata voglia di studiare. Allora a questo punti bisogna adoperarsi e andare incontro a tale problema:...
Bambino

Quali sono I pericoli per I bambini che fanno Balletto?

È importante sin da piccole coltivare una passione, ad esempio la danza rappresenta un'attività completa, di fatti aiuta a mantenere una postura corretta, insegna il senso del ritmo e dona la giusta grazia nei movimenti che serviranno poi non soltanto...
Bambino

10 motivi per cui i bambini non dovrebbero abusare di tablet e smartphone

Viviamo in un'epoca in cui la tecnologia avanza giorno dopo giorno e coinvolge ogni aspetto della nostra quotidianità. Non possiamo più uscire di casa senza smartphone, è impensabile non avere almeno un computer o un tablet nella nostra abitazione,...
Bambino

5 idee regalo per le maestre

La scuola è la prima grande esperienza di socializzazione dei bambini, quella più completa. Un ambiente di apprendimento e di crescita insostituibile: è doveroso manifestare la propria gratitudine e riconoscenza alle maestre con un regalo, indipendentemente...
Bambino

Come preparare lo zainetto per la gita

È finalmente arrivato il momento della tanto attesa gita scolastica dei vostri bambini? Non entrate subito nel panico perché non sapete proprio cosa mettere dentro il loro zainetto! In questa guida vi spiegheremo quali sono le cose essenziali di cui...
Bambino

Problemi di comportamento nei bambini: come affrontarli

Gestire i bambini non è cosa facile! Capiamo come distinguere i problemi di comportamento nei bambini: come affrontarli.Alcune ricerche hanno dimostrato come in età evolutiva si sviluppano maggiormente i problemi comportamentali e relazionali nei bimbi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.