Bimbi: come gestire la paura degli estranei

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I bambini, è risaputo, hanno bisogno dell'appoggio e degli insegnamenti dei genitori per imparare cose nuove ma soprattutto per superare le proprie paure. Una di queste, tra le più diffuse nei bambini, è la paura degli estranei che mi manifesta spesso con pianti o con atteggiamenti di timidezza esasperata. Per tale motivo vediamo insieme in questa guida come gestire la paura degli estranei nei bimbi. Con semplice ma utilissimi accorgimenti infatti si potrà combattere questa diffusissima paura nei bambini più sensibili.

27

Occorrente

  • Molta pazienza e la capacità di comprendere il vostro bambino
37

I consigli della psicologia infantile

Per superare il timore dei vostri piccoli nei confronti degli sconosciuti vi basterà seguire poche e semplici regole che ci insegna la psicologia infantile. Possiamo dividerle in tre passi. Il primo, assolutamente fondamentale, consiste nel far sentire a vostro figlio che comprendete pienamente la paura che prova. Vi sembrerà stupido o troppo semplice, ma sappiate che è da qui che il problema comincia a diventare davvero importante. In ogni caso non mettere troppa fretta al vostro bambini, ma cercate di capirlo e di farlo esprimere sulla situazione. I bambini infatti affrontano le problematiche in maniera differente. Se quindi vedete che vostro figlio è terrorizzato da qualcuno che non conosce, la cosa migliore da fare è parlargli chiedendogli cos'è che lo preoccupa e mostrando di condividere in pieno il suo problema.

47

Cosa devono fare i genitori

C'è poi un secondo passo che riguarda anche i genitori: il modo in cui madre e padre si pongono nei confronti del figlio. Dovete assolutamente cercare di evitare di mostrare ansia o eccessiva protezione, dal momento che ambedue questi atteggiamenti aumentano la paura del bambino, che vedendovi agitati sentirà che le sue paure hanno ragione d'esistere. Infatti, non ne capirà la ragione e si lascerà contagiare dalla vostra ansia, mentre se vi vedrà più apprensivi del solito, interpreterà questo atteggiamento come un "allora c'è davvero da aver paura!" e questo non farà che peggiorare i suoi timori. L'atteggiamento da seguire, quindi, è quello abitudinario: restate sereni, e il vostro piccolo ne uscirà tranquillizzato.

Continua la lettura
57

Come offrirvi come esempio

Infine c'è un ultimo passo per far sì che vostro figlio riesca a superare la paura degli estranei: dovete 'offrirvi come cavie'. Mostratevi a vostro agio con l'estraneo, rimanete tranquilli, usate un tono di voce pacato o allegro parlando con la terza persona. In questo modo vostro figlio si accorgerà che lo sconosciuto non è una minaccia, anzi, che riesce a dare a voi una sensazione di benessere e tranquillità. Ma, soprattutto, vedrà che non vi fa del male.

67

Come cambiano le paure

La natura delle ansie e delle paure cambia quando i bambini crescono e si sviluppano: i bambini hanno un'ansia straniera, aggrappandosi ai genitori quando si confrontano con persone che non riconoscono. Bambini attorno ai 10-18 mesi hanno l'ansia della separazione, diventando emotivamente disturbati quando uno o entrambi i genitori partono. I bambini dai 4 ai 6 anni hanno ansia di cose che non sono basate sulla realtà, come i timori dei mostri e dei fantasmi.
I bambini dai 7 ai 12 anni hanno spesso paure che riflettono le circostanze reali che possono accadere a loro, come lesioni fisiche e disastri naturali. Quando crescono i bambini, una paura può scomparire o sostituire un'altra. Ad esempio, un bambino che non poteva dormire con la luce all'età di 5 anni potrà godere di una storia di fantasmi anni dopo. E alcuni timori possono estendersi solo ad un particolare tipo di stimolo. In altre parole, un bambino può desiderare di animare un leone allo zoo ma non sognerebbe di andare vicino al cane del vicino.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I bimbi sono come delle spugne: mostrate tranquillità e loro 'assorbiranno' la vostra serenità

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire la paura del buio nei bambini

Una delle fobie più diffuse e più grosse dei bambini è ovviamente la paura del buio. Tutti i bambini ne soffrono o ne hanno sofferto e se non tutti un buon 90% si, tutti per motivi eterogenei. I bambini, il buio, lo vedono come qualcosa di sconosciuto,...
Bambino

Come gestire due bimbi piccoli

Come sapete, gestire due bimbi piccoli in casa non è mai facile, soprattutto quando si tratta di bambini iperattivi o irrequieti. Di seguito alcuni consigli utili per tutte quelle giovani mamme o baby sorger che si dovessero trovare a fronteggiare una...
Bambino

Come gestire un bambino che porta via i giochi agli altri bimbi

Molto spesso capita che in età infantile, il bambino mentre gioca con gli amichetti, porta via in modo presuntuoso e prepotente i giochi agli altri facendoli piangere oppure creando delle situazioni di tensione. Naturalmente, di fronte a questi particoli...
Bambino

Come gestire i capricci dei bimbi quando sei fuori casa

Spesso i bimbi fanno delle sceneggiate, per attirare l'attenzione dei genitori. Altre volte sono dei veri e propri bisogni che dobbiamo soddisfare. Un neonato ha la necessità del latte materno. Non riesce a esprimersi. Perciò piange e urla per farsi...
Bambino

Paura del buio:idee creative per aiutare il tuo bimbo

Le mamme e i papà sanno bene quanto sia difficile mandare a nanna il piccolo di casa, terrorizzato all'idea di rimanere al buio sul suo lettino. Dubbi e timori investono così i genitori che si trovano a dover fare i conti con le inquietudini del bambino,...
Bambino

Cosa fare in casa con i bimbi piccoli

L'inverno è ormai alle porte e fa troppo freddo fuori per portare i bimbi al parco giochi o a fare una passeggiata. I bambini sono dotati di un'energia e di una voglia di scoprire il mondo incredibili, e non vogliono proprio stare con le mani in mano....
Bambino

Come rassicurare un bambino che ha paura

Paura del buio, dei rumori, degli animali, dei tuoni, del dottore, sono solo alcune delle paure che i bambini manifestano nei primi anni d'età ed alcuni anche oltre. Attraverso questa guida vi fornirò alcuni consigli su come rassicurare un bambino qualora...
Bambino

5 attività outdoor invernali da fare coi bimbi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, il fatto che l'aria aperta faccia molto bene non è sicuramente un mistero: a maggior ragione, per i bambini è importantissimo svolgere delle attività outodoor, per svariati motivi (attività ed esercizio fisico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.