5 segnali per capire che il bebè non ha digerito

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra i mille dubbi che affliggono ogni nuova mamma, uno dei pensieri più frequenti è il sapere se il proprio bambino ha digerito il suo pasto. Infatti, ciò può comportare un vero e proprio reflusso gastroesofageo, che è davvero molto frequente nei bambini, a causa del loro esofago corto e all'apertura involontaria del cardias, ma questo disturbo non sarà permanente, poiché durerà al massimo 24 mesi. Molte volte, la colpa può essere anche del latte materno, e in questo caso sarebbe meglio provare quello in polvere, che, però, deve essere di una marca gradita dal piccolo. Per evitare danni e sofferenze, ecco 5 segnali per capire subito che il bebè non ha digerito.

26

Non vuole mangiare

Se il vostro bambino si rifiuta di avere una poppata, ciò potrebbe star a significare che non ha digerito la precedente o che ha un reflusso. Ciò che è importante da fare durante e dopo il pasto è tenere il bambino in una posizione verticale, perché agevolerà l'arrivo del cibo nello stomaco e eviterà la risalita dei succhi gastrici.

36

Piange

Dopo la poppata e almeno mezz'ora di riposo, di solito, si mette il bimbo nella culla, per una dormita, ma è facile intuire che, se questo piange, non sta riuscendo a digerire il latte. La colpa può essere attribuita anche alla posizione assunta dal bambino o dal materasso, che non facilitano la digestione, e potrebbe essere utile porre un lenzuolo sotto il lettino, per creare uno spessore, che permetterà al busto di stare più in alto. Altrimenti, sarebbe meglio far rimanere il bambino in posizione verticale, almeno per un altro po'.

Continua la lettura
46

Vuole stare in braccio

Quando vostro figlio non digerisce, è molto probabile che vi faccia intendere di voler stare in braccio, perché questa posizione offre una maggiore possibilità di non avere un reflusso e di avere una digestione completa. Inoltre, è probabile che la presenza di un genitore possa portare sollievo al bambino, che si calmerà, permettendo anche un rilassamento dei muscoli attorno allo stomaco.

56

Usa il ciuccio

Dopo la poppata, il bambino continua a utilizzare il ciuccio, ma se ciò è troppo frequente, è un chiaro segnale di cattiva digestione. Infatti, il ciucciare implica un movimento viscerale prolungato, con una produzione di saliva che può aiutare sia con la pulizia del tubo esofageo, che con la digestione.

66

Rutta

Il ruttare frequentemente non è un buon segno, soprattutto se accade anche mentre il bebè dorme, perché indica delle agitazioni nello stomaco, che, al peggio, possono portare al vomito del piccolo, con il rigetto del latte, che sarà cagliato, e dei succhi gastrici.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

I principali rituali per la nanna del bebè

I neonati ed i bambini sono molto abitudinari nei loro primi anni di vita, specialmente per quanto riguarda il sonno: molti piccoli hanno bisogno di determinate azioni ripetute, veri e propri rituali per potersi addormentare. Queste azioni devono essere...
Bambino

Come regolare le poppate di un neonato

Avere un neonato nella propria abitazione rappresenta la gioia più immensa per un genitore, ma al tempo stesso, ci sono svariati dubbi che assalgono questi ultimi. Uno di questi riguarda, sicuramente, l'allattamento. Avviare per bene la fase di allattamento...
Bambino

Come evitare il rigurgito del bambino

Durante i primi mesi, subito dopo la poppata o alcune ore dopo, il neonato può avere un piccolo rigurgito di latte; si tratta di un fenomeno estremamente comune nel bambino, che può essere considerato fisiologico, cio non è detto. Ecco una semplicissima...
Bambino

Come scegliere e indossare una fascia porta bebè

La fascia porta bebè è un'alternativa più intima del marsupio e delle carrozzine. In realtà si tratta di un'usanza comune in molte culture antiche, dove la madre aveva bisogno di potersi muovere insieme al figlio svolgendo contemporaneamente i propri...
Bambino

Come rispondere ai pianti del neonato

Quando si diventa mamma per la prima volta sono molti i dubbi che possono venire riguardo al neonato. Uno di questi riguarda il pianto: come comportarsi davanti ad un pianto frequente? Perché il piccolo piange? I motivi possono essere svariati, proprio...
Bambino

5 consigli per tagliare le unghie al bebè

Le unghie dei neonati sono molto differenti rispetto a quelle degli adulti. Sono infatti molto più sottili, morbide e delicate, nonostante crescano alla medesima velocità. Non è strano infatti che un bimbo di pochi mesi riesca a graffiarsi il viso...
Bambino

5 metodi per far dormire i bambini

I bambini consumano molta energia durante il giorno e spesso, hanno bisogno di riposare per ricaricarsi come si deve. Far dormire i bambini molto vivaci, non è sempre un'avventura semplice, ma richiede molta calma e parecchia pazienza. In questa breve...
Bambino

Cibi da evitare nel primo anno di vita

Il primo anno di vita di un neonato, oltre a rappresentare un periodo di incommensurabile gioia per i genitori e per chiunque ha la possibilità di vivere qualche momento assieme a loro, porta a cambiamenti molto evidenti nel piccolo. Basti pensare che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.