5 segnali per capire che il bebè non ha digerito

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Tra i mille dubbi che affliggono ogni nuova mamma, uno dei pensieri più frequenti è il sapere se il proprio bambino ha digerito il suo pasto. Infatti, ciò può comportare un vero e proprio reflusso gastroesofageo, che è davvero molto frequente nei bambini, a causa del loro esofago corto e all'apertura involontaria del cardias, ma questo disturbo non sarà permanente, poiché durerà al massimo 24 mesi. Molte volte, la colpa può essere anche del latte materno, e in questo caso sarebbe meglio provare quello in polvere, che, però, deve essere di una marca gradita dal piccolo. Per evitare danni e sofferenze, ecco 5 segnali per capire subito che il bebè non ha digerito.

27

Non vuole mangiare

Se il vostro bambino si rifiuta di avere una poppata, ciò potrebbe star a significare che non ha digerito la precedente o che ha un reflusso. Ciò che è importante da fare durante e dopo il pasto è tenere il bambino in una posizione verticale, perché agevolerà l'arrivo del cibo nello stomaco e eviterà la risalita dei succhi gastrici.

37

Piange

Dopo la poppata e almeno mezz'ora di riposo, di solito, si mette il bimbo nella culla, per una dormita, ma è facile intuire che, se questo piange, non sta riuscendo a digerire il latte. La colpa può essere attribuita anche alla posizione assunta dal bambino o dal materasso, che non facilitano la digestione, e potrebbe essere utile porre un lenzuolo sotto il lettino, per creare uno spessore, che permetterà al busto di stare più in alto. Altrimenti, sarebbe meglio far rimanere il bambino in posizione verticale, almeno per un altro po'.

Continua la lettura
47

Vuole stare in braccio

Quando vostro figlio non digerisce, è molto probabile che vi faccia intendere di voler stare in braccio, perché questa posizione offre una maggiore possibilità di non avere un reflusso e di avere una digestione completa. Inoltre, è probabile che la presenza di un genitore possa portare sollievo al bambino, che si calmerà, permettendo anche un rilassamento dei muscoli attorno allo stomaco.

57

Usa il ciuccio

Dopo la poppata, il bambino continua a utilizzare il ciuccio, ma se ciò è troppo frequente, è un chiaro segnale di cattiva digestione. Infatti, il ciucciare implica un movimento viscerale prolungato, con una produzione di saliva che può aiutare sia con la pulizia del tubo esofageo, che con la digestione.

67

Rutta

Il ruttare frequentemente non è un buon segno, soprattutto se accade anche mentre il bebè dorme, perché indica delle agitazioni nello stomaco, che, al peggio, possono portare al vomito del piccolo, con il rigetto del latte, che sarà cagliato, e dei succhi gastrici.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire se il tuo bebè ha mal di testa

Il mal di testa, è un disturbo comune anche nei bambini. Un dolore costante che crea nervosismo, dolore e insofferenza sono solo alcuni dei sintomi di una fastidiosa cefalea. Nei bambini molto piccoli, non è sempre facile intuire quando un bebè soffre...
Bambino

Come aiutare il bebè a fare il ruttino

Essere delle neomamme non è affatto facile, bisogna imparare in breve tempo tante cose per essere in grado di prendersi cura di un bambino così piccolo che dipende totalmente da noi. Uno dei momenti più belli in cui si consolida il rapporto tra madre...
Bambino

Come prepararsi alla nascita di un bebè

La nascita di un bebè è sempre un momento bellissimo per una coppia di genitori, ma si porta dietro tantissimi cambiamenti. L'arrivo di un figlio cambia notevolmente la vita di coppia, le abitudini personali dei genitori, lo stile di vita e anche la...
Bambino

5 idee regalo fai da te per i bebè in arrivo

La lieta notizia di un bebè in arrivo è sicuramente la più dolce che possa esserci. Ma cosa regalare alla neo-mamma e al suo bebè in arrivo? Sicuramente in commercio si possono trovare le soluzioni più alla moda. Ma se decidessimo di confezionare...
Bambino

Come capire se il bambino è pronto a togliere il pannolino

Capire se è il caso di togliere il pannolino al proprio bambino non è mai una cosa molto semplice. Ci sono genitori che si basano sull'età, ma, in realtà, la cosa migliore da fare sarebbe quella di basarsi su determinati segnali che vi dà vostro...
Bambino

Come organizzare la casa per l'arrivo del bebè

La nascita di un bebè rappresenta in una famiglia un momento di grande felicità, ma allo stesso tempo pone il problema di come organizzare la casa per l'arrivo del nuovo nato. Bisogna fare in modo che la casa sia sicura e funzionale così che mamma...
Bambino

Come organizzare una borsa per il cambio bebè

La borsa per il cambio bebè, che in inglese viene chiamata diaper bag, è un'alleata fondamentale per ogni mamma per tutte le volte in cui deve uscire con il proprio bambino. Avere sempre con sé la borsa per il cambio è di fondamentale importanza,...
Bambino

Come affrontare il primo distacco dal bebè

Affrontare il primo distacco dal bebé è un passaggio delicato nella vita di una mamma e, se non realizzato secondo i giusti principi e rispettando alcune semplici regole, può tramutarsi da evento naturale a momento assolutamente traumantico e stressante....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.