5 segnali che il parto si avvicina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quali sono i 5 segnali che ci fanno capire che il parto si sta avvicinando? Alcuni sono più evidenti, altri meno... Ma è importante conoscerli e soprattutto saperli riconoscere al momento opportuno. Ci sono infatti una serie di piccoli accorgimenti, che possono farci capire in largo anticipo che stiamo per diventare mamme. Vediamo insieme quali sono.

26

Contrazioni

Le contrazioni rappresentano il classico sintomo che ci fa capire l'avvicinamento del parto, ovviamente si intensificano con l'andare avanti della gravidanza e ci accompagnano fino all'ultimo. Dalla 38ma settimana infatti prendono il nome di "contrazioni preparatorie", queste servono a preparare l'utero alla dilatazione per il parto. Spesso vengono cronometrate per capirne la durata e la distanza tra una contrazione e un'altra. Più sono vicine, più il parto si avvicina.

36

Perdita del tappo mucoso

La perdita del tappo mucoso è un altro segnale che ci fa notare che il bambino è quasi pronto per nascere; infatti la perdita di questo tappo può precedere anche di 2-3 giorni il parto vero e proprio. Il compito di questo tappo durante tutta la gravidanza, è quello di proteggere il collo dell'utero da colpi e traumi per questo è un ammasso gelatinoso che può contenere perdite di sangue. La densità può variare, si possono avere piccole perdite di preparazione al parto prima della perdita vera e propria.

Continua la lettura
46

Perdite di liquido amniotico

Si tratta di perdite di color bianco opaco e inodore che non si possono controllare. Questo perché il sacco amniotico contiene questo liquido, e la rottura di questo sacco può dare via al travaglio (ovvero la rottura delle acque). Non sempre però indica l'inizio del parto, ma può anche aprirsi semplicemente una crepa che provoca appunto la fuoriuscita di questo liquido. In questi casi è bene farsi controllare e non allarmarsi troppo.

56

Abbassamento della pancia

Anche questo segnale varia da donna a donna, perché come saprete ogni gravidanza è a sè non esiste un manuale universale. Intorno alla 38° settimana, il bimbo dovrebbe essere a testa in giù per prepararsi ad uscire e questo comporta un abbassamento dell'addome. Se non risulta questo sintomo non c'è bisogno di allarmarsi, significa semplicemente che avete maggior liquido amniotico nella sacca ma il bambino pronto lo stesso ad uscire.

66

Dolore alla schiena

Come se non bastasse, c'è un altro sintomo non molto simpatico per le donne pronte al parto: il mal di schiena. Viene spesso descritto come simile a quello dei dolori mestruali, e questo è dovuto a piccole contrazioni che possono non essere avvertite. La durata è soggettiva, può durare ore o minuti. Noi speriamo sempre che duri il meno possibile.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

Guida agli ospedali attrezzati per il parto in acqua

Negli ultimi 10 anni le ricerche hanno dimostrato che l'immersione in acqua calda può abbreviare il parto e renderlo meno doloroso. Partorendo in acqua, le donne hanno meno probabilità di richiedere l'uso di farmaci come petidina o epidurale, per diminuire...
Parto

Come sgonfiare la pancia dopo il parto

Dopo una gravidanza i tessuti epidermici del ventre risultano spesso rilassati con la conseguente causa di apportare un antiestetico cuscinetto nel giro vita. Questo è un avvenimento assolutamente naturale che non dovrebbe provocare problematiche importanti...
Parto

Esercizi per ridurre la pancia dopo il parto

La gravidanza per qualsiasi donna rappresenta un evento importantissimo della vita che porta a provare diverse sensazioni ed emozioni Una volta avvenuto il parto però, arriva anche il momento in cui bisogna fare i conti con i chili accumulati e riprendere...
Parto

Cordone ombelicale annodato: i rischi

In questa guida, vogliamo tentare di aiutare tutti i nostri lettori e lettrici, che magari sono in attesa del proprio figlio, a capire qualcosa di più sul cordone ombelicale. In questo modo si potrà imparare quali sono i veri rischi che si corrono,...
Parto

Come affrontare la nascita del secondo figlio

Scoprirsi in attesa del secondogenito può essere un evento programmato o del tutto inaspettato, ma di certo non è meno emozionante della prima gravidanza. Alla stessa maniera, però, questo avvenimento può essere accompagnato da paure e tensioni, vissute...
Parto

I 5 comportamenti da evitare durante il travaglio di vostra moglie

La gravidanza è un periodo magico, che riempie di felicità ed allo stesso tempo incute qualche timore ai futuri genitori. Se le vostre mogli vedono nell'ultima fase del parto, quella espulsiva, l'ostacolo più grande, per voi "quasi papà" lo spauracchio...
Parto

Come riconoscere la rottura delle acque

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso...
Parto

Yoga in gravidanza: come fare

Lo yoga per le donne in dolce attesa è un'attività utile non solo per rilassarsi, ma anche per facilitare la fase precedente al parto; inoltre aiuta a mantenere la forma e fa bene anche alla salute del bambino. Lo yoga prenatale può essere praticato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.