5 regole d'oro per far dormire i bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molte mamme sono colte da disperazione nel momento in cui devono far addormentare i loro bambini. Infatti l'operazione può risultare molto complicata e duratura, addirittura ore intere. Poi quando meno ve lo aspettate li sentite urlare e piangere nel loro lettino, ben svegli. Ma ci sono 5 regole d'oro che possono essere molto utili a tutte le mamme disperate per riuscire a far dormire con semplicità i propri bambini.

26

Creare una routine

Tutti i pediatri concordano che il bambino si sente maggiormente rassicurato attraverso una routine ben definita. È bene cercare di mettere a letto il proprio bambino ancora sveglio, nel momento in cui notate i primi segnali di stanchezza, quali sbadigli, sguardo perso, occhi che si chiudono. Se mancherete questi segnali sarà poi più difficile portarlo a letto, potrebbe innervosirsi e tardare a prendere sonno. Bisogna poi creare loro un'abitudine, sempre la stessa. Potete cantare la ninna nanna o leggere una breve e semplice storiella così da creare un piccolo rituale. Via via il bambino assocerà il rituale alla nanna e capirà che è arrivato il momento di dormire.

36

Dare delle rassicurazioni al bambino

Se il bambino si sveglia durante la notte o addirittura poco dopo averlo messo a nanna dategli tempo. Non accorrete immediatamente nel suo lettino, potrebbe fermarsi e rimettersi a dormire da solo. Nel caso in cui non cessa di piangere andategli vicino, controllate se è sudato, magari ha fatto un incubo, e che stia effettivamente bene. Dopo di che rassicuratelo, fategli capire che non lo avete abbandonato e che siete proprio lì vicino e tornate a letto. Così facendo lo abituerete a dormire da solo e a gestirsi senza l'aiuto dei genitori.

Continua la lettura
46

Evitare troppi stimoli prima del riposo

Oggi i bambini crescono con tantissime tecnologie: smartphone, tablet, pc. Ma questi stimoli visivi non fanno altro che eccitarli. Quindi evitate il contatto con tali oggetti nel momento antecedente il sonno e soprattutto evitate di raccontare loro delle storie troppo creative e fantasiose. Anche questo non farà altro che eccitarli troppo, alimentando la loro curiosità e vivacità. Mantenete luci soffuse e raccontate loro storie brevi e non troppo fantasiose. Alcuni studiosi consigliano la lettura di storie mortalmente noiose e poco stimolanti, come ad esempio "Il coniglio che voleva addormentarsi".

56

Dividere con efficienza le attività diurne dalle notturne

Bisogna fargli capire fin da subito la differenza tra la notte e il giorno. A tal fine durante il giorno il bambino può riposare in un ambiente abbastanza luminoso e non molto silenzioso. Se dopo circa tre ore ancora dorme non esitate a svegliarlo, altrimenti i suoi cicli di riposo ne risentiranno. Inoltre, appena sveglio giocate e parlate con lui. Al contrario, la notte, è bene che riposi in un luogo abbastanza buio. Durante il vostro piccolo rituale pre-nanna mantenete le luci soffuse, anche in caso di risveglio, allattamento o cambio del pannolino. Evitate stimoli e non giocate con il bambino.

66

Farlo addormentare con un peluche

Quante volte il vostro bambino vi ha chiesto un oggetto per addormentarsi? Perché negarglielo? È un aiuto davvero prezioso. Si sentirà protetto e soprattutto non soffrirà di solitudine durante il riposo. Il contatto è molto importante per i bambini, anche se, in questo caso, è rappresentato da un suo peluche preferito, una bambola, un orsacchiotto o qualche altro oggetto che ama particolarmente. La loro sicurezza accresce e vanno a dormire volentieri.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 metodi per far dormire i bambini

I bambini consumano molta energia durante il giorno e spesso, hanno bisogno di riposare per ricaricarsi come si deve. Far dormire i bambini molto vivaci, non è sempre un'avventura semplice, ma richiede molta calma e parecchia pazienza. In questa breve...
Bambino

Bambini: guida alle strategie per farli dormire serenamente

Se anche voi avete problemi per far addormentare i vostri figli, e quando ci riuscite il loro sonno è irrequieto e si svegliano spesso, questa guida fa al caso vostro. Il sonno è molto importante, specie nei bambini. Il sonno irrequieto può essere...
Bambino

Come far dormire bene i bambini

Una notte serena e tranquilla è spesso, per i neo genitori, un sogno impossibile. Quando i bambini sono molto piccoli, spesso si svegliano la notte o non riescono proprio a voler dormire, e questo accade anche se sono già più grandicelli, conciliare...
Bambino

Bambini che non vogliono dormire: come fare

I bambini hanno un rapporto di amore-odio con il sonno. A volte si addormentano beatamente nelle situazioni più bizzarre, altre volte resistono con tutte le loro forze per non cedere alla stanchezza, ingaggiando i genitori in una vera e propria battaglia....
Bambino

Bimbi: 10 regole d’oro per un felice rientro a scuola

La fine delle vacanze estive e l'inizio di un nuovo anno scolastico tra i banchetti di legno è sempre un momento un abbastanza particolare per ogni bambino. Salutare la spiaggia e gli amichetti dell'estate per tornare sui libri e quaderni di scuola può...
Bambino

Bambini: come realizzare un cartellone delle regole

Per crescere in modo sano ed equilibrato, i bambini necessitano di regole. Queste ultime mettono ordine al quotidiano e migliorano il rapporto con i genitori ed il gruppo dei pari. Per non incorrere in contraddizioni, eccesso di rigore o scarsa credibilità,...
Bambino

Bambini: le prime regole dello stare a tavola

Insegnare le regole dello saper stare a tavola possono sembrare delle indicazioni senza nessun valore. Al contrario devono rientrare nelle regole principali da far capire ai bambini. Lo stare a tavola è un rituale per stare uniti e condividere i pasti....
Bambino

Come comportarsi con i bambini che rifiutano le regole

Quante volte capita di vedere un bimbo che strilla perché non vuole rispettare una regola?Le regole per alcuni bambini possono essere insopportabili, ma per la loro educazione risultano essere fondamentali.Vediamo allora come comportarsi con i bambini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.