5 pappine per iniziare lo svezzamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lo svezzamento è quella fase durante la quale il pargolo progressivamente abbandona l'alimentazione esclusivamente basata sul latte, affiancandovi l'assunzione di altri alimenti, solidi e liquidi. Per conoscere le tempistiche, quantità e qualità dei cibi da somministrare, è sempre opportuno rivolgersi al proprio pediatra di fiducia. Atteso che il contenuto della seguente guida non vuole e non può sostituire i consigli di un medico, si riportano 5 pappine per iniziare lo svezzamento.

27

Crema di riso

La prima pappina che potete preparare è una crema di riso, fatta con 150 millilitri di brodo vegetale, 6 cucchiai di crema di riso, 1 cucchiaio di formaggio finemente grattugiato ed 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva. Gli ingredienti vanno inseriti progressivamente in una pentola su un fornello a fiamma bassa e si fa cuocere il tutto mentre si amalgama con un mestolo. Al termine della cottura, il tutto va frullato per omogeneizzarlo. Dopo di ciò, la pietanza è pronta. Per la prima pappa si consiglia di non introdurre carne, nè in vasetti, nè in altre forme. La preparazione della pappina è rapida e si consiglia vivamente di iniziare con essa.

37

Passata di verdure con crema di riso

Atteso che lo svezzamento è una fase complicata per il bambino, le pappine iniziali debbono essere una evoluzione della pappa di base che è la crema di riso. La prima evoluzione consiste nell'aggiungere un passato di verdure. Gli ingredienti sono: 150 millilitri di brodo vegetale, 6 cucchiai di crema di riso, 6 cucchiai di passato di verdure, 2 cucchiai di formaggio finemente grattugiato e 2 cucchiai di olio extravergine di oliva. Le modalità di preparazione sono identiche a quelle della pappina precedente.

Continua la lettura
47

Brodino a pasta minuta con passata di carne

Per quanto riguarda la somministrazione della carne, è possibile aggiungerla nella ricetta precedente sostituendola alla passata di verdure, con le stesse quantità. Alternativamente è possibile preparare un brodino con della pasta minuta. Per preparare il brodo sono necessari: 200 millilitri di acqua, mezzo ciuffetto di prezzemolo e di sedano, mezza carota, una patata ed un pezzetto di carne di coniglio. Si mette il tutto in un pentolino e si fa cuocere. Quando la carne è cotta, il vostro brodo è pronto. Ora almeno metà del brodo è da utilizzare per cucinare la pastina, mentre l'altra parte è da utilizzare per frullare la carne. Unite il tutto, e si mescola, aggiungendo 2 cucchiaini di olio extravergine di oliva.

57

Passata di pesce

Dopo almeno sei mesi dall'inizio dello svezzamento, potrete pensare di somministrare al bambino una passata di pesce. Essa va preparata semplicemente con del filetto di pesce di sogliola o di merluzzo. Pulite i filetti di pesce e cuoceteli in una pentola a pressione per una decina di minuti circa. Al termine della cottura, il filetto va finemente frullato, eventualmente aggiungendo dell'acqua. Così facendo la pappina è pronta. Chiaramente non si consumerà tutta in una somministrazione pertanto suddividetela in vasetti e congelateli.

67

Brodo di pane e formaggio

Questa è una ricetta molto semplice, ma nutriente. Per preparare il brodo, valgono esattamente le stesse considerazioni riportate in precedenza. Sono necessari: 200 millilitri di acqua, mezzo ciuffetto di prezzemolo e di sedano, mezza carota, una patata e mezza fetta di pane casereccio. Il tutto va messo in un pentolino e si fa cuocere per circa 5 minuti. Durante la cottura, aggiungete 2 cucchiaini di olio extravergine di oliva ed una spolverata di formaggio finemente grattugiato. Al termine della cottura, frullate il tutto e la pappina è pronta per essere somministrata.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come introdurre i cereali nell'alimentazione del bebè

Quando si ha un bebè, è molto importante curarne l'alimentazione, e uno degli elementi che devono essere introdotti per forza sono i cereali. Ovviamente, può capitare che questi non siano graditi dal bimbo, ma dovrete insistette affinché li mangino,...
Bambino

Cibi da evitare nel primo anno di vita

Il primo anno di vita di un neonato, oltre a rappresentare un periodo di incommensurabile gioia per i genitori e per chiunque ha la possibilità di vivere qualche momento assieme a loro, porta a cambiamenti molto evidenti nel piccolo. Basti pensare che...
Bambino

Come insegnare al bimbo a mangiare da solo

Insegnare ad un bambino a mangiare da solo, anche con cucchiaio e forchetta, non è facile. Occorre armarsi di pazienza e determinazione e a poco a poco i risultati si vedranno. Partiamo dal presupposto che ogni bimbo ha i suoi ritmi di apprendimento...
Bambino

Svezzamento: come introdurre la pappa serale

L'arrivo di un neonato è fonte di gioia e felicità in ogni famiglia. Insieme a questi sentimenti si accompagna anche un po' di ansia e paura. Sono molti i dubbi su come gestire un bambino, soprattutto se è il primo. Uno dei compiti più difficili per...
Bambino

Come preparare la pappa per lo svezzamento

Il bambino deve iniziare lo svezzamento dal sesto mese in poi, quasi tutti i pediatri sono di questo parere. È preferibile, nel periodo estivo aspettare un mese in più, ma non iniziare quando fa troppo caldo. Il processo dello svezzamento è una...
Bambino

Svezzamento: gli errori da evitare

Lo svezzamento è un periodo molto delicato, in quanto il bambino passa da un'alimentazione prevalentemente lattea ad una alimentazione mista, nella quale sono aggiunti gradualmente diversi tipi di cibo per abituare il bambino un po' alla volta a mangiare...
Bambino

Svezzamento: 10 cose da sapere

Lo svezzamento è un momento delicato nella vita del bambino, in quanto in questo periodo si inizia a somministrare al piccolo le prime pappe, in addizione al latte materno.. In questa guida vi insegno 10 cose da sapere, in modo che lo svezzamento sia...
Bambino

Massaggi per neonati: come praticarli

Fare un massaggio su di un neonato è una pratica che deve essere saper eseguita bene, essendo quest'ultimo molto delicato, ma è allo stesso tempo molto utile. Infatti, un massaggio ben eseguito è in grado di tranquillizzare i neonati che mostrano segni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.