5 motivi per aspettare prima di avere un secondo figlio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quante di voi mamme desiderano un secondo figlio? E quante di voi mamme siete insicure sul da farsi e siete in dubbio se aspettare, magari perché siete usciti da poco da un parto cesareo, o impazienti, perché il vostro primogenito si sente solo e vuole il fratellino?
Ecco elencati 5 motivi per aspettare prima di avere un secondo figlio.

26

Evitare malattie

Se si vuole un secondo figlio, è prudente attendere almeno sei mesi, perché i rischi per la madre e il bambino sarebbero soprattutto due. La prima è la gestosi, una malattia dalle cause ancora sconosciute, che consiste nell'ipertensione associata con perdita di proteine e ritenzione di liquidi. Il secondo è il sottosviluppo del piccolo: il neonato, in questo caso, tende ad avere un peso corporeo inferiore al normale. Anche se si è pronti ad affrontare una nuova gravidanza già tre o quattro mesi dopo la nascita, quando la ripresa dei segnali mestruali indica il ritorno dell'attività ovarica, i ginecologi consigliano di attendere un po' più a lungo per evitare questi pericoli.

36

Rifornire sostanze di nutrimento

Durante la gravidanza e l'allattamento si trasferiscono al bambino alcune sostanze importanti: vitamina B9 (acido folico), B12, ferro e calcio. Anche se una corretta alimentazione complementare potrebbe presentare eventuali carenze, ci vuole un po' di tempo per il corpo a ricostituire le proprie riserve. È stato calcolato che, a volte, richiede circa 9 o 10 mesi per trovare il corretto livello attraverso l'analisi di queste sostanze nel sangue. Dopo il parto anche il sistema immunitario durante la gravidanza e nei successivi due mesi, è ancora un po' in stato di shock. Come avviene in presenza di corpi estranei, il sistema immunitario è "in guerra". In esso reagisce, infatti, la produzione di alcuni anticorpi per contrastare l'embrione. Subito dopo il parto, ed entro due o tre mesi della formazione del corpo, ma non è in grado di produrre anticorpi sufficienti di "mascheramento". Risultato? In caso di fecondazione, c'è il rischio che l'embrione sia esposto all'aggressione e distruzione. Il sistema immunitario necessita di 3 o 4 mesi per ristabilire il proprio equilibrio.

Continua la lettura
46

Riposare il sistema cardiovascolare

Il sistema cardiovascolare è il più impegnato durante la gravidanza. Il motivo? L'aumento del peso del bambino comporta alcuni disturbi fisici temporanei: verso la 34. Ma settimana, infatti, il bambino occupa tanto spazio per sollevare il diaframma e diminuisce la capacità dei polmoni e dello stomaco della madre. Anche il cuore è coinvolto: ci si sposta anche di poco, e la sua dimensione è leggermente aumentato perché deve pompare più liquido. Dopo un paio di mesi dopo la nascita, il cuore torna al suo posto, ma ci sono alcuni cambiamenti circolatori, soprattutto durante l'allattamento. La più frequente: la pressione diventa leggermente più alto; cuore tende a "gonfiarsi"; i liquidi ristagnano nel corpo. Ci vogliono da 3 a 4 mesi dopo la nascita perché il cuore, pressione, liquido tornerà alla piena normalità.

56

Creare la giusta compagnia

La corretta distanza tra il piccolo, secondo gli esperti, è tra i 20 ei 24 mesi. Fratelli e sorelle così diventano compagni di gioco, crescendo insieme. Naturalmente il problema di gelosie, litigi, rivalità per attirare l'attenzione della madre c'è ed è forte, ma appare sempre, anche quando la differenza di età tra i bambini è maggiore. In realtà, questi sentimenti sono legati alla necessità di avere un amore esclusivo e l'attenzione dei loro genitori. Se il fratello o la sorella arriva quando il primogenito ha già 4 o 5 anni, infatti, potrebbe peggiorare, in quanto il bambino a quell'età sta cominciando ad essere più consapevole. In questa situazione, la gelosia si traduce talvolta in aggressione diretta contro il più giovane, più forte dal momento in cui comincia ad essere autonomo e affettuoso con la madre. A differenza del caso di 8 o 10 anni di distanza: un fratello o una sorella a volte può comportarsi più come un secondo genitore col nuovo nato che potrà beneficiare di una grande sicurezza emotiva.

66

Aspettare la cicatrizzazione

In assenza di altre indicazioni, se si è conseguito un cesareo precedentemente, si potrebbe ricorrere nuovamente alla chirurgia. Molti medici consigliano di aspettare dai 24 ai 30 mesi prima di procedere con l'operazione, evitando così di causare una grave emorragia.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

5 modi per dire al partner che si desidera un figlio

Per il sesso femminile pensare ad una gravidanza e quindi ad un figlio è una cosa che viene naturale, anche in età giovanile. Le donne quindi, chi prima chi poi, crescono con la consapevolezza e con il desiderio che un giorno della loro vita saranno...
Famiglia

5 segnali che vostro figlio usa stupefacenti

L'uso di sostanze stupefacenti è sempre più diffuso tra i giovani e giovanissimi ed anche tra gli adulti. L'età purtroppo si abbassa sempre di più. Abbiamo addirittura ragazzini che già alle scuole medie, spesso trascinati da compagni più grandi,...
Famiglia

Come migliorare il rapporto tra padre e figlio

Il rapporto madre-figlio è speciale. È un legame eterno e profondo. Lei è la persona che prima ancora di nascere ci offre la nostra prima esperienza di vita e di amore. Subito dopo la nascita è di lei che abbiamo bisogno per vivere e nutrirci ed i...
Famiglia

Come limitare l'uso del cellulare al proprio figlio

La telefonia mobile si è andata notevolmente diffondendo negli ultimi quindici/vent'anni, attualmente quasi ogni persona è in possesso di un cellulare o uno smartphone. Tra i possessori di questo comodo device, troviamo anche i bambini i quali, tramite...
Famiglia

5 cose che un padre non dovrebbe dire a suo figlio

Il compito dei genitori è quello di crescere i figli nel miglior modo possibile. Tale compito non è un impresa semplice, in quanto riuscire ad inculcare i giusti valori alle nuove generazioni in modo che da gradi possano essere degli uomini migliori,...
Famiglia

Come abituare tuo figlio al nuovo compagno

Il nuovo compagno può essere considerato il terzo genitore e per abituare tuo figlio, non devi mai metterti al livello del bambino, ma utilizzare astuzia e diplomazia. Oggi sempre più genitori si separano e dopo il divorzio formano una nuova famiglia...
Famiglia

Come gestire la gelosia del figlio adolescente verso il fratello

La gelosia tra fratelli è naturale, c'è sempre stata, e ci sarà sempre perché fa parte del processo di crescita. Ogni bambino o adolescente che sia avverte spesso questo sentimento nei confronti del proprio fratello. In modo particolare, l'adolescenza...
Famiglia

Come spiegare ad un figlio che la mamma ha un nuovo compagno

Il matrimonio è una bellissima cosa, un'unione tra due persone che dichiarano il loro amore reciproco, e che spesso sfocia nel concepimento di un bambino. Purtroppo però non sempre quest'unione ha un lieto fine, e molte sono le storie di separazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.