5 modi per gratificare un bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'educazione di un bambino, si sa, è parecchio complicata ed è basata su un equilibrio molto sottile in cui non è sempre ben distinguibile ciò che potrebbe essere positivo e ciò che potrebbe, al contrario, arrecare un danno.
Comunemente l'educazione dei più piccoli consiste per lo più nel far comprendere al bambino ciò che è negativo e che quindi va evitato. Sebbene questa prospettiva educativa sia importante, ci teniamo a indicarvi che lo è altrettanto una in cui sono gli aspetti positivi a risaltare. Per questo, è importantissimo per un bambino avere chiaro dei modelli positivi da cui trarre insegnamento e per fargli avere ben chiaro questa cosa, è a dir poco fondamentale la gratifica dei genitori o degli adulti. Non immaginate nemmeno quanto possa essere incredibilmente educativo e formativo gratificare un bambino quando agisce positivamente. Vediamo insieme, dunque, 5 modi per gratificare un bambino.

26

Elogiarlo con le parole

Primo e assolutamente importantissimo modo per la gratifica di un bambino consiste nell'elogiarlo con le parole.
Il genitore deve essere pronto a questa semplice ma delicata azione nell'esatto momento che segue un comportamento o risultato positivo perseguito dal bambino. Ovviamente, ciò può avvenire anche in seguito, quando ciò risulta un passaggio obbligato (si pensi a un piccolo che racconta a pranzo della buona interrogazione fatta a scuola).
Le parole sono più importanti di quanto si possa pensare, e un bambino che sente in maniera chiara degli elogi positivi si sente grandemente gratificato e viene spinto, in questo modo, a fare sempre meglio.

36

Coccolarlo con dolcezza

Insieme all'elogio e gratifica con le parole, ma che può essere attuato anche in maniera isolata, un altro ottimo modo per gratificare un bambino è quello di coccolarlo con delle carezze. Dargli dei dolcissimi baci, abbracciarlo, accarezzarlo, fanno sentire il bambino al sicuro nella scelta o azione che ha compiuto.
Nella sua semplicità, questo concreto gesto di gratifica fa capire automaticamente al bambino il modello positivo che deve continuare a seguire. Inoltre, le coccole appagano anche i genitori e non possono fare che bene ad entrambi.

Continua la lettura
46

Fargli un regalo

Fare un regalo al bambino come gratifica è tacciato molto spesso come un viziare il più piccolo, e portarlo a comportamenti inscrivibili ad un modello negativo.
In realtà, sebbene consigliamo di non attuare sempre un dono per la gratifica, un giocattolo, un balocco desiderato fa sentire al bambino la concreta positività del comportamento o azione per la quale ha ricevuto il dono. Tutto ciò, quindi, fa capire al bambino i comportamenti che deve seguire per ottenere, magari in futuro, altri doni.

56

Premiarlo con un'uscita desiderata

Ecco un altro modo per gratificare un bambino: premiarlo con un'uscita che ha tanto desiderato.
Spesso i bambini sviluppano dei desideri costanti di uscita dal mondo quotidiano, ad esempio chiedono di andare allo zoo, al cinema, al parco più grande, o in un bosco con degli animali, al lago, al mare o così via. Insomma, niente di irrealizzabile. Quotidianamente non è possibile portare il bambino in tutti questi luoghi. Per questo, vi consigliamo di ricordarvi di questi desideri del bambino e accontentarlo, gratificandolo tantissimo, quando ha meritato con il suo comportamento o azione questo premio. Un pomeriggio allo zoo, una passeggiata in un bosco durante una bella mattinata gratificherà sia lui che voi.

66

Sorprenderlo con poco

Infine, vi consigliamo di organizzargli una sorpresa. Nulla di eclatante, sia chiaro. Si intende azioni come dargli il suo dolce preferito a cena, dargli un gelato, o lasciare un piccolissimo dono nella sua camera, così che lui lo trovi al suo rientro, o ancora invitare un suo amichetto a dormire con lui.
Una gratificazione piccola che lo colga di sorpresa fisserà ancora di più nel suo animo il modello positivo per il quale è premiato.
Ai bambini le sorprese, anche piccole, piacciono tantissimo e vi assicuriamo che è davvero appagante anche per il genitore sorprendere in questo modo i bambini.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

10 modi per aiutare un bambino poco socievole

Il mestiere del genitore è quello più difficile di tutti: crescere un figlio non è mai un'impresa facile e di certo nessuno è così perfetto, da non sbagliare mai. Tuttavia mettere su famiglia è sempre una bellissima cosa, un importante sogno ed...
Bambino

Modi divertenti per insegnare ad un bambino l'alfabeto

Il passaggio dall'età del gioco a quella dell'apprendimento rappresenta una fase molto delicata per lo sviluppo dei più piccoli. Tuttavia, è importante cercare di far capire ai bambini che imparare qualcosa di nuovo non è solo utile, ma anche divertente,...
Bambino

5 modi per insegnare a leggere al tuo bambino

Avviare i bambini in età prescolare alla lettura implica un processo educativo impegnativo. I genitori che intendono insegnare a leggere al proprio figlio dovranno munirsi di una buona dose di pazienza, nella consapevolezza che ciascun bimbo necessita...
Bambino

5 modi per aumentare l'autostima nel bambino

L'autostima è la consapevolezza interiore del proprio valore, dei propri punti di forza e delle proprie risorse. Essa è legata alla percezione che abbiamo di noi stessi nei diversi ambiti della vita e si forma a partire dall'infanzia in virtù degli...
Bambino

Come aiutare un bambino timido

Come è possibile riuscire ad aiutare efficacemente un qualsiasi bambino timido? Qualora il vostro piccolo soffra di timidezza, è necessario cercare di incoraggiarlo a reagire, in modo che si possa inserire bene all'interno di un gruppo di persone coetanee,...
Bambino

Come educare il bambino a non dire parolacce

Una delle fondamentali tappe ed anche maggiormente temute da parte dei genitori, che puntualmente si verifica quando vostro figlio ha ormai acquisito una particolare autonomia e anche proprietà di linguaggio relativamente alla probabilità che lui stesso...
Bambino

Come comportarsi se il bambino non vuole andare a scuola

Educare un bambino non è mai semplice, soprattutto per un novello genitore. Per questo alle volte dei buoni consigli potrebbe aiutare a fare le scelte giuste che vi permetteranno di compiere delle scelte ponderate. Solo così potrete riuscire a crescere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.