5 idee per scrivere una favola per bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La fantasia, il mezzo più potente ed intramontabile per viaggiare ed apprendere, può tornare piacevolmente utile non solo per trascorrere del prezioso tempo insieme ai nostri bambini, ma anche per comunicare loro importanti nozioni che rimarranno nella memoria assai facilmente. Esistono innumerevoli fiabe già scritte e pensate da illustri autori, ma se volessimo noi stessi crearne una faremmo ai bambini un dono unico e personale. Se le difficoltà iniziali sono però scoraggianti, nella seguente lista troverete 5 idee che possono esservi d'ispirazione per scrivere una buona favola.

26

Prendere spunto dalla loro fantasia

In caso volessimo indirizzare la favola ad un gruppo di bambini che conosciamo, potremmo fare della loro fantasia la radice delle nostre idee, dalla quale far poi fiorire tutte le vicende che immaginiamo e che andranno poi a formare la trama della storia. I bambini da sempre si immergono nella fantasia ogni volta che giocano, disegnano o semplicemente parlano. Perciò, prestando attenzione a ciò che fanno e a ciò che dicono, sarà facile comprendere la natura della loro immaginazione e da lì prendere spunto per creare una favola intorno ad essa: una favola costruita "su misura" per loro! Avremmo così la certezza quasi assoluta che, almeno, la nostra fiaba risulterà interessante.

36

Pensare come un bambino

A volte non è facile uscire dagli schemi a cui la vita di adulti ci ha abituati, ma non dovremmo dimenticare che quando si scrive una favola si scrive un sogno in cui tutto è possibile. Dobbiamo immergerci in una nuova realtà basata solamente su quel che vorremmo veder succedere, districata fra desideri e paure che prescindono da ogni concretezza, tenendo conto che tutto ciò che andremo a scrivere dovrà essere interessante e comprensibile per la mente di un bambino. Una mente più semplice, ma anche più pura. Per questo, molti aspetti della vita e delle storie sono visti diversamente se osservati con gli occhi di un bambino.

Continua la lettura
46

Usare la realtà come pretesto

Possiamo usare la realtà quotidiana come miglior pretesto per formulare sogni. Anche fra persone e vite diverse la realtà è qualcosa che accomuna tutti, e che è quindi immediatamente comprensibile ed individuabile da qualsiasi adulto e bambino. Un buon metodo per cercare ispirazione può infatti essere quello di osservare la realtà per come vorremmo che fosse, anziché per come ci appare. Una storia ideata sulla base di simili idee potrà portare i nostri lettori o ascoltatori molto lontano con la fantasia e, perché no, accompagnarli verso pensieri ed idee che possono rivelarsi perfino costruttivi.

56

Partire dalla morale

Se il nostro obiettivo è quello di veicolare un messaggio morale attraverso l'immaginazione, dovremmo tenere conto del fatto che tale messaggio non dovrà essere espresso in una sola volta fra le nostre pagine, ma dovrà essere equamente distribuito lungo tutto il corso degli eventi, in modo tale che venga colto poco per volta e che sia completato solamente alla fine della storia (momento in cui, spesso, si "tirano le fila" di tutti gli avvenimenti). Il punto di partenza per scrivere una favola può quindi essere la morale stessa, ricreando nella nostra immaginazione tutti gli eventi che le daranno vita e spessore.

66

Creare metafore e allegorie

Come nell'arte della tessitura, tutti i pensieri e i messaggi che vogliamo raccontare dovranno essere cuciti insieme alle parole e alle immagini che esse suggeriscono. Se vogliamo dire qualcosa che può riguardare la realtà attuale, per esempio, potremmo immaginare situazioni parallele ambientate in mondi fantastici. Occorre lasciare che la fantasia dei nostri lettori o ascoltatori parli da sé, mostrando anche indirettamente le connessioni che ha con il mondo reale, senza che ciò risulti troppo nascosto né troppo evidente. I bambini si dimostrano spesso molto abili nel cogliere spontaneamente le somiglianze fra le favole e la realtà, non sarà quindi difficile nemmeno per loro afferrare i parallelismi che vogliamo suggerire.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come raccontare le favole ai bambini

Tutti i bambini amano ascoltare storie classiche o inventate dai loro genitori. Il momento delle favole è sempre speciale per un bambino perché gli consente di dare libero sfogo alla sua immaginazione, elemento fondamentale per un corretto sviluppo...
Bambino

Come illustrare le favole

Uno dei momenti fondamentali per un bambino è quando, prima di fare la nanna, i genitori gli raccontano la classica favola della buonanotte. Attraverso il racconto delle favole, l'immaginazione del bambino viaggia, e disegna immaginari incredibili, fantasiosi,...
Bambino

Come inventare delle favole della buonanotte

Le favole della buonanotte sono sicuramente i ricordi più vividi della propria infanzia e fanno parte degli insegnamenti appresi nella più tenera età. Per queste e per altre ragioni narrare una favola diventa un piacere non soltanto per le persone...
Bambino

Come inventare una fiaba o favola per i tuoi bambini

Questa guida è ideale per padri e madri che hanno dei bimbi con difficoltà di attenzione o ad addormentarsi, per bimbini di ogni età.Tuo figlio vorrebbe che ogni sera gli narrassi una fiaba diversa prima di addormentarsi? Niente paura, seguendo questa...
Famiglia

Come rendere la messa a nanna un momento piacevole

Mettere a nanna un bambino non prevede una regola fissa, in quanto ogni piccolo individuo ha il suo carattere e le sue abitudini. I rituali, poi, possono cambiare anche a seconda dell'età: se il bimbo è molto piccolo può bastare una ninna nanna, mentre...
Bambino

Le più famose principesse Disney

Se anche voi avete delle figlie dai 4 ai 10 anni, vi sarà capitato spesso di sentire parlare delle magiche principesse Disney. Ma quali sono le più famose, quelle per cui ogni bambina di questa età stravede fino ad arrivare ad identificarsi con esse...
Bambino

5 libri che aiutano ad accettare il nuovo fratellino

In molti casi è difficile per i primogeniti affrontare l'arrivo di un nuovo fratellino, si scatenano gelosie ed incomprensioni che creano un clima teso all'interno del nucleo familiare; il compito dei genitori è quello di far comprendere ai figli il...
Bambino

Guida alle migliori favole per bambini

La favola è un momento della fantasia, quella in cui essa si concretizza in storia e si racconta. Per secoli le favole sono state considerate uno strumento educativo fondamentale, proprio perché abituano all'esercizio della fantasia, insieme alla sintesi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.